“Il ragazzo la molestava”: il triste caso di Melani, ballerina uccisa da un vicino di casa diventato “ossessionato” da lei

“Il ragazzo la molestava”: il triste caso di Melani, ballerina uccisa da un vicino di casa diventato “ossessionato” da lei
“Il ragazzo la molestava”: il triste caso di Melani, ballerina uccisa da un vicino di casa diventato “ossessionato” da lei

A più di due anni dal delitto di Melani Juárez (21) —una giovane ballerina che vendeva contenuti erotici su OnlyFans tutti gli indizi portano all’unico imputato: un vicino di casa.

L’omicidio della modella scosse la città di Rosario, in Argentina, nel gennaio 2022, quando lei il corpo è stato ritrovato senza vita nella stanza che aveva affittato.

Quasi fin dall’inizio si sono concentrati i sospettati Matías Domínguez, il soggetto di 21 anni che viveva a pochi metri dalla vittima, morto dopo aver ricevuto almeno 14 coltellate. Gli investigatori del caso ritengono che l’imputato Ero ossessionato da lei.

Scena del crimine

L’attentato mortale non tardò a colpire l’intero Paese transandino: la scena del crimine era macabra.

Secondo la polizia, La televisione era a tutto volume e il corpo della vittima era bagnato di sangue.. La giovane donna Viveva da sola ed era morta da circa 36 ore..

A quanto pare, e nell’ambito di un attacco pianificato, il presunto assassino Alzò il suono dell’apparecchio per coprire le urla strazianti di Melanie.

Dopo non essere riuscito a contattarla per giorni, I parenti della donna hanno avvertito di quanto poteva succedere. Infatti, una volta venuti a conoscenza del brutale omicidio, non hanno esitato a prendere di mira il soggetto che, alla fine, è stato arrestato.

Gelosia e fuga di Matías

Come dettagliato Infobaelo ha dichiarato uno dei residenti della pensione “I rapporti tra Melani e questo vicino non erano buoni. “Era amica di un ragazzo di nome Fabián che vive nel palazzo accanto e Matías, anche se si conoscevano da pochi giorni, era geloso e la molestava.”.

Ciò che però finì per focalizzare i sospetti su Matías fu ciò che accadde il giorno dopo il delitto: mentre il corpo di Melani si trovava nella sua stanza, Il soggetto ha lasciato la pensione nonostante avesse pagato l’intero mese.

“Siamo rimasti sorpresi perché nessuno sapeva che si sarebbe mosso, l’avevo visto lunedì mattina mentre lavava i panni in lavanderia, andava su e giù per le scale, aveva fretta, non salutami anche.”disse un vicino.

Alla fine, Domínguez fu arrestato 10 giorni dopo il delitto e accusato di omicidio doppiamente qualificato per crudeltà e femminicidio, per il quale potrebbe essere condannato all’ergastolo. Per ora resta il sospetto che possa trattarsi di un attacco sessuale fallito.

Dettagli del caso

Il pubblico ministero Ademar Bianchini è stato il primo a condividere i dettagli del delitto. Come indicato a Pagina 12il procedimento investigativo ha permesso di accertare che Matías è entrato nella stanza della vittima “senza forzare l’ingresso, e in circostanze sconosciute, lo ha pugnalato più volte al corpo con un coltello”. Inoltre, lo hanno accusato di aver “intenzione di causare maggiore sofferenza”.

Gli è stato anche attribuito il merito “dopo aver chiuso la porta d’ingresso (della camera della vittima) con una chiave ed essere andato nella sua stanza, e successivamente (andato) nel bagno e nella zona cucina per pulirsi, nonché al lavandino della biancheria”.

Bianchini ha confermato che l’imputato si è mosso “il giorno dopo il femminicidio, commesso domenica. Cioè, è arrivato lunedì intorno alle 14:30.. Inoltre, il pubblico ministero ha detto che ci sono “diverse indicazioni” nei confronti dell’imputato: “È l’unico che abitava nel posto che ha lasciato il posto, lo ha fatto in fretta, quando ancora non si sapeva della morte di Melani, quando aveva ancora la pensione pagata fino a fine mese, ha dato diverse destinazioni in rispondendo alle domande dei vicini, si recò nel comune di Alcorta e ritornò a Rosario”..

Sono stato molestato

Lo ha detto agli stessi media Magali, la sorella di Melani “Nessuno restituirà Melani. Aveva tutta la vita davanti a sé. Frequentavo costantemente corsi, come personal trainer, ero insegnante di danza, tra le altre cose. “Era intelligente e aveva progetti”.

Per inciso, ha ricordato che la vittima glielo aveva detto “che un ragazzo la molestava, ma lei non gli prestava alcuna attenzione, non le piaceva e mi ha detto che non voleva sapere niente; Ma non sappiamo più di questo.”.

In questo contesto, il giudice Alejandro Negroni ha ordinato la custodia cautelare degli imputati.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un’intensa tempesta solare ha causato l’aurora australe a Ushuaia
NEXT Tokamak: perché gli scienziati di tutto il mondo stanno sperimentando un “sole artificiale”? | Scienze e tecnologia