il caso del primo rapimento di cadavere in Argentina – Diario El Ciudadano y la Región

Quella sera del 27 giugno 1881 a Buenos Aires faceva particolarmente freddo. Florentino Muñiz, spagnolo poliedrico, faceva parte dell’organizzazione I Cavalieri Oscuri, guidato dal belga Alphonse Kerckhove de Peñaranda. Muñiz aveva deciso di prendere un caffè in un bar e, mentre leggeva il giornale della sera, i suoi occhi si imbatterono nella cronaca e in un’idea fino ad allora impensabile: rapire il corpo della donna più ricca del paese in quel momento, Doña Inés Indart Igarzábal de Dorrego, dal cimitero della Recoleta.

Inizia così un complotto senza precedenti nella storia e nelle origini della criminalità argentina, nelle mani della prima banda di sequestratori del Paese. Di questo caso poliziesco che mantenne con il fiato sospeso e scandalizzata la società argentina della fine del XIX secolo, scrive Daniele Balmaceda nel suo ultimo libro, I Cavalieri Oscuri.

Il giornalista, membro dell’Accademia Argentina di Storia e uno dei più grandi divulgatori del Paese, racconta l’incredibile – e affascinante – storia di un gruppo di immigrati europei che compongono una banda criminale, che agiva di notte, mimetizzata di giorno (e con regolamento proprio), che rubò addirittura un cadavere alla famiglia Dorrego a scopo di riscatto.

Dopo bestseller come Grandi Storie di Cucina Argentina, Storie della Belle Époque Argentina e Sarmiento, Balmaceda è incoraggiato a cimentarsi per la prima volta nel genere narrativo storico e diventa ancora una volta uno dei libri che hanno guidato le classifiche di vendita sin dalla sua nascita. pubblicazione. La storia che Balmaceda tocca si trasforma in oro. “I Cavalieri Oscuri è un racconto poliziesco storico, ma è un passo intermedio verso il romanzo”, dice Balmaceda in dialogo con Noticias Argentinas, e ne spiega le ragioni: “È un evento reale, avvenuto nel 1881, e dove ciascuno Il membro della band che appare nel libro ha partecipato a questi eventi. Il romanzo è un genere molto attraente e, allo stesso tempo, lontano dalla saggistica, dove possiamo concederci il piacere di generare ambienti, ambientazioni, personaggi e situazioni”.

Il libro, che esce per la prima volta contemporaneamente in Argentina, America Latina e Spagna, è il frutto di più di cinque anni di ricerca, basata su ogni tipo di materiale: “È un caso di polizia affascinante e per questo sembrava per me che sia stata un’ottima occasione per arricchire l’ambiente con dati illustrativi dell’epoca e provocare nel lettore una scenografia completa di questi avvenimenti”, aggiunge l’autore.

I Cavalieri Oscuri ricrea un periodo cruciale della storia argentina, alla fine del XIX secolo a Buenos Aires, segnato da importanti trasformazioni politiche, sociali ed economiche. La presidenza di Roca, la creazione della Polizia Federale, guidata da Marcos Paz, e le descrizioni e i dettagli dei palazzi dove risiedevano le famiglie benestanti della città, sono elementi che collocano il lettore nell’atmosfera dell’epoca. Il libro ha il sigillo dell’autore: capitoli che conducono a una lettura concatenata e ipnotica.

“L’ufficiale di polizia traccia un profilo molto completo di una società”, definisce Balmaceda, in linea con un’idea che lo scrittore e giornalista di Rosario, Reynaldo Sietecase, ha saputo esprimere quando ha detto che “una società si mostra in un agente di polizia come in nessun altro genere.” E aggiunge: “Il crimine di polizia è un genere che implica azioni, in molti casi, azioni di strada, personalità diverse, classi sociali diverse, comportamenti sbagliati”.

Come sono riusciti a rimuovere la bara della donna più ricca del paese dal cimitero della Recoleta? Dove l’hanno nascosto? Cosa chiedevano come riscatto? Queste sono alcune domande che guidano la narrazione di The Dark Knights. E una domanda fondamentale: quali sono state le strategie per eludere la neonata Polizia della Capitale? Un piano più audace e con la vittima perfetta.

Una band “affidabile”.

Tre italiani, due francesi, un greco e un algerino, guidati da un belga, Alphonse Kerckhove de Peñaranda, e uno spagnolo, Florentino Muñiz. È così che si è formata l’insolita banda di rapitori, “I Cavalieri della Notte”, protagonista del nuovo libro del giornalista argentino.

Il nome non è casuale, per diversi motivi. Il nome, come spiega Balmaceda a NA, è stato ispirato dal romanzo poliziesco francese Les chevaliers de la nuit, di Pierre-Alexis Ponson du Terrail – noto per la creazione del famoso personaggio Rocambole. “I Cavalieri della Notte erano una banda che si formò a Buenos Aires all’inizio del 1881 con l’intento di commettere crimini e trascendere le proprie azioni, al punto da diventare la banda più rinomata della regione”, dice Balmaceda.

Allo stesso tempo, si riferisce al romanzo omonimo e ad un altro aspetto del nome misterioso della band: “Il loro nome era preso da un romanzo francese, ma implicava qualcos’altro: che durante il giorno avevano tutti un lavoro regolare, come cameriere, fornitore di farmacia, amministrativo, ma di notte diventavano la banda di criminali. “Il suo grande colpo fu il rapimento del corpo della donna più ricca dell’epoca.”

Il libro mostra questa doppia faccia: di giorno cittadini come tutti gli altri, lavoratori e onesti; Di notte tutto diventava clandestino. “I Cavalieri Oscuri” praticavano l’anonimato e la denominazione tramite numeri, simile a quanto accade nella serie Money Heist o nel film Perros de la calle.

Questo gruppo aveva un’altra particolarità: era composto esclusivamente da immigrati, non erano accettati gli argentini. Perché? Secondo il libro, Kerckhove de Peñaranda e Muñiz, i leader, non si fidavano degli argentini perché non erano affidabili. Hanno anche creato un codice di condotta per i loro membri, che consisteva in 13 massime, tra cui una delle più sorprendenti: “Taci sempre con chi devi tacere e su cosa devi tacere. Mistero, segreto e silenzio, in tutto, per tutto e con tutti”.

Il libro di Balmaceda racconta questo affascinante caso di polizia in quattro parti, tuttavia, la grande domanda è come questa banda sia riuscita a ottenere il primo rapimento di un cadavere. Intelligenza, dettagli, strategia e saper sfruttare le opportunità.

Un rapimento che non sarà stato l’ultimo

Leggendo I Cavalieri Oscuri e i dettagli del rapimento di Doña Inés Indart Igarzábal de Dorrego, i rapporti con altri rapimenti che hanno cambiato la storia argentina diventano inevitabili. Ad esempio, il rapimento del corpo di Eva Perón nel 1955, dopo il colpo di stato che rovesciò il presidente Juan Domingo Perón. Nel giugno del 1987, un altro evento suscitò grande trambusto in Argentina: i ladri entrarono nel mausoleo dove fu sepolto Perón, nel cimitero di Chacarita, aprirono la bara e tagliarono le mani del leader peronista.

Sebbene questi episodi storici risuonino nella lettura, Balmaceda separa il caso poliziesco di cui scrive nel suo nuovo libro quando dice che “I Cavalieri Oscuri non ha un rapporto diretto con i casi citati perché non è un’azione politica; “È un’azione puramente poliziesca, indipendentemente dalle posizioni politiche diverse da quelle che componevano I Cavalieri Oscuri”.

E continua: “Si tratta di un gruppo di immigrati che decisero in Argentina nel 1881 di formare una banda e generare un grande colpo di stato criminale che li avrebbe resi milionari e il piano era quello di rapire un cadavere dal cimitero di Recoleta, cosa che fu una situazione scandalosa. .. e clamoroso, una parola che all’epoca non si usava, ma che descrive perfettamente quella notizia”.

In The Dark Knights c’è un altro evento significativo: la creazione della Polizia cittadina, sotto il comando di Marcos Paz. “Marcos Paz e i suoi commissari erano ammiratori del lavoro di Scotland Yard. La particolarità della polizia inglese era che lavoravano alle indagini di polizia. Fino a quel momento erano stati molto precari, più frutto di intuizioni, ma Scotland Yard funzionava in modo più scientifico e più pittoresco”, spiega Balmaceda a proposito del rapporto tra la nuovissima polizia di Buenos Aires e quella inglese.

Come sottolinea l’autore, in alcuni casi gli investigatori, per svolgere il loro compito, si toglievano le uniformi e indossavano costumi che li mimetizzavano e che furono copiati dalla nostra polizia. Lo stesso ha preso come riferimento la forza comandata da Marcos Paz e che è dettagliata nel libro.

“I nostri stessi commissari sono comparsi nelle case da gioco, nei bordelli e anche con il compito di risolvere questo caso, sotto mentite spoglie. Ciò gli conferiva un aspetto attraente per i lettori di cronache poliziesche, che cominciavano ad avere uno stile narrativo più da cronaca poliziesca”, afferma Balmaceda.

La mappa del crimine

Ne I Cavalieri Oscuri, Balmaceda costruisce una sorta di tour della città di Buenos Aires del 188 e diventano un altro pezzo forte del suo nuovo libro.

“I luoghi geografici hanno un fascino nella vera storia de I Cavalieri Oscuri perché coinvolgono molti punti della città di Buenos Aires che rimangono o sono molto riconosciuti oggi, anche sotto l’aspetto turistico, come il Cimitero della Recoleta, dove avvenne il rapimento posto”, dice Balmaceda.

Il divulgatore di storia fornisce la chiave di quello che è stato il più grande dettaglio che ha facilitato il rapimento del corpo, asse del suo libro, nella conversazione con NA. “A quel tempo, nei mesi in cui si svolge la storia, il cimitero era in fase di ristrutturazione e, come lo vediamo oggi, è il prodotto di quell’opera di rinnovamento e rimodellamento”. Quel piccolo – grande – dettaglio ha facilitato il lavoro della banda di sequestratori.

Ma il viaggio proposto dal libro non finisce qui. A pochi metri dal Teatro Colón si trovava il Palacio Miró, il luogo dove Inés Dorrego, vedova di Mariano Miró e figlia della donna il cui corpo fu rapito, ricevette la notizia.

“Il Dipartimento di Polizia è molto importante anche perché tutto il lavoro delle forze comandate da Marcos Paz, il primo capo della Polizia della Capitale, si è concentrato lì, vicino al Municipio di Buenos Aires, vicino alla Cattedrale”, sottolinea Balmaceda e aggiunge un altro punto sulla mappa di Buenos Aires della fine del XIX secolo: la stazione ferroviaria di Alem (e Bartolomé Mitre), oggi inesistente, al piano terra del centro città, a pochi metri dal Palazzo del Governo.

Gli altri luoghi che compongono questa storia avvincente, dal ritmo enigmatico e da thriller poliziesco, sono la stazione di Barrancas de Belgrano e l’Ippodromo di Buenos Aires e il Parque Lezama.

«Leggi il file, due volte se vuoi. Poi mettilo in un cassetto e lascia che la tua immaginazione ti guidi”, consigliava a Balmaceda lo scrittore ed ex direttore della Biblioteca Nazionale Juan Sasturain, quando I Cavalieri Oscuri erano un sogno immaginario. L’immaginazione alla fine lo ha guidato, e oggi tocca al lettore seguirne il percorso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT La vicina di Lydia Davis, serie di luglio