Fernando Delgado ripercorre nel suo libro la vita e i nomi degli abitanti di Las Mazas, a Morcín: “Gente anonima come quella di questa colonia mineraria ha fatto avanzare le Asturie”

Fernando Delgado ripercorre nel suo libro la vita e i nomi degli abitanti di Las Mazas, a Morcín: “Gente anonima come quella di questa colonia mineraria ha fatto avanzare le Asturie”
Fernando Delgado ripercorre nel suo libro la vita e i nomi degli abitanti di Las Mazas, a Morcín: “Gente anonima come quella di questa colonia mineraria ha fatto avanzare le Asturie”

Fernando Delgado ripercorre nel suo libro la vita e i nomi degli abitanti di Las Mazas, a Morcín: “Gente anonima come quella di questa colonia mineraria ha fatto avanzare le Asturie”

A Las Mazas (l’unica colonia mineraria o colomina, a Morcín), le porte delle case erano sempre aperte. Questa è stata e continua ad essere la filosofia del comune che ieri si è dedicato alla presentazione del libro in cui Fernando Delgado, cronista ufficiale di Morcín e collaboratore di LA NEW SPAIN, ha raccolto e documentato la storia e l’origine di coloro che abitarono quella zona. cittadina artificiale che è diventata una grande famiglia. Portale dopo portale, piano dopo piano, Delgado ripercorre la memoria di tutti gli abitanti di Las Mazas.

La copertina del libro. | linea

Molti di loro e i loro discendenti ieri hanno gremito il Club LANueva ESPAÑA e per qualche minuto sono tornati in quella scena di accoglienza, testimone anche di drammi, come quello di un minatore di Montilla (Córdoba) morto in un’esplosione di grisù poco dopo il suo arrivo . Ma sono emersi anche momenti teneri creati da María Sofía Álvarez, “Esther il portafoglio”, madre di Fernando Delgado, responsabile del servizio postale di Las Mazas dal 1961 al 1998.

José Manuel Vaquero, consigliere di Prensa Ibérica, prologo del libro, lo ha ringraziato commuovendo tutti: “La mia più sentita gratitudine a María Sofía, per essere stata la portatrice delle lettere che ho inviato oggi da Bueño alla mia ragazza, Amparo Sánchez mia moglie, che viveva a Las Mazas,” ha detto José Manuel Vaquero, che ha fatto appena in tempo a finire la frase ed è stato accolto da una lunga ovazione. Tra il pubblico c’erano sia María Sofía Álvarez che Amparo Sánchez.

“I momenti emozionanti che abbiamo vissuto sono il risultato dello sforzo e dell’amore per la sua terra di Fernando, figlio del minatore Dimas Delgado, e per il portafoglio Foz. Fernando è un corrispondente incommensurabile, un esempio di sensibilità, come hanno dimostrato 35 anni a Los Angeles NUOVA SPAGNA”, ha spiegato José Manuel Vaquero. Il giornalista ha sottolineato le iniziative in cui Delgado è stato coinvolto per collocare La Foz sulla mappa dell’informazione regionale. “Ha promosso la Confraternita di La Probe; ha fatto conoscere il magico Monsacro, attraverso il cammino di 20.000 gradini, e ha portato alla candidatura della Confraternita e della comunità vicinale di La Foz per il premio di Città delle Asturie Esemplare concesso nel 2002”, ha sottolineato Vaquero.

“Finché ci saranno giornalisti come Fernando Delgado, l’idea che il giornalismo sia morto sarà una fake news”, ha detto del cronista ufficiale del comune, classe 1963. Delgado era quasi nato nella colonia: “A mia madre si sono rotte le acque e lei quasi morto a Las Mazas”, ha rivelato Delgado, che ha sottolineato i meriti degli anonimi eroi di Las Mazas come protagonisti del libro, curato e patrocinato dal Consiglio Comunale presieduto da Maximino García.

“Sono persone anonime come queste che fanno avanzare le Asturie e la Spagna”, ha sottolineato l’autore, anche lui visibilmente commosso, soprattutto ricordando Marisa López Goyanes, morta il 22 maggio e che aveva un interesse speciale nel vedere il libro tra le sue mani.

“Marisa faceva parte delle squadre che hanno lavorato su questo puzzle gigante che dovevamo mettere insieme. Ha visto la copertina ma non conosceva il risultato finale”, ha detto Fernando Delgado, che nel libro appare anche in una foto di un bambino con sua madre. “Lei ha instillato in me i valori del rispetto per tutte le persone, soprattutto per quelle umili e laboriose”, ha detto. “Mi considero un privilegiato perché grazie al lavoro e all’impegno dei miei genitori ho potuto, come molti della mia generazione, avere una vita migliore di quella di coloro che venivano a lavorare nelle miniere, persone esemplari che costituiscono la vera intrastoria della i popoli e i paesi”, ha detto Delgado.

In un pomeriggio di sorprese, ce n’era un’altra attesa: il saluto pubblico dello scrittore alla moglie, Belén Valdés di Rio de Janeiro, che ha sposato ieri 24 anni fa. “Lei mi dà lo spazio per fare tutte queste cose”, ha osservato.

Maximino García, sindaco di Morcín, e Noelia Pereira, assessore alla Cultura, hanno sottolineato la ricerca condotta da Delgado per identificare centinaia di famiglie provenienti da Andalusia, Galizia, Estremadura, Castilla y León, Cantabria, Madrid, Castilla La Mancha, Comunità Valenciana, Catalogna , Paesi Baschi, Melilla, Asturie, Portogallo, Argentina, Cuba, Romania, Slovacchia e Marocco, che abitavano la città artificiale costruita a metà degli anni ’50 del XX secolo. In totale sono state identificate 1.614 persone e integrate in 340 famiglie.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Rafael Ruiz presenta il primo libro della trilogia “Gods of Babel”
NEXT La vicina di Lydia Davis, serie di luglio