In 20 anni Córdoba è passata da quasi 5mila pensioni di invalidità a più di 85mila

In 20 anni Córdoba è passata da quasi 5mila pensioni di invalidità a più di 85mila
In 20 anni Córdoba è passata da quasi 5mila pensioni di invalidità a più di 85mila

Un audit interno effettuato dall’Agenzia nazionale per Disabilità della Nazione ha rivelato che su un universo di tremila casi analizzati, presi a campione, l’80% erano beneficiari di una pensione per invalidità lavorativa concessa senza possedere i requisiti stabiliti dall’Anses.

Lo riferisce il capo di gabinetto, Guillermo Francos, in una pubblicazione in cui condivide i dati del lavoro interno svolto dall’area statale dedicata alle politiche della disabilità. Il funzionario ha diffuso i dati sull’evoluzione delle registrazioni di quella pensione negli ultimi 20 anni, dal 2003 al 2023, nelle 24 giurisdizioni.

Da questo lavoro interno emerge che l’incremento a livello nazionale è del 1,427%. Il sospetto dell’amministrazione del presidente Javier Milei è che durante il governo peronista queste pensioni fossero utilizzate dallo Stato nazionale come se fosse un piano sociale e concesse con criteri politici e clientelari molto lontani dallo scopo per cui erano state create.

In questo senso, Francos si è rammaricato del livello di irregolarità nella concessione delle pensioni e ha dichiarato: “Se calcolato sul totale delle pensioni, ciò implica una spesa di 2,4 miliardi di dollari all’anno senza fondamento”. E ha ampliato: “Quanto irresponsabile è stato il governo di chi questa mattina – in occasione della seduta di martedì in cui è stata votata una nuova formula pensionistica – ha deciso aumenti delle pensioni al costo di mezzo punto di Pil senza che lo Stato avere le risorse necessarie per affrontarlo”.

Sul sito dell’Anses l’iniziativa è promossa con lo slogan “accompagnare le persone con disabilità che si trovano in una situazione di vulnerabilità sociale”.

La situazione a Cordoba

A Córdoba, l’evoluzione della concessione delle pensioni di invalidità si colloca nella media nazionale. L’incremento è stato del 1,646% in 20 anni. Nel 2003 i beneficiari erano 4.902, mentre l’anno scorso erano 85.599.

Come accade a livello nazionale, l’accelerazione nella concessione di queste pensioni a Córdoba coincide con l’arrivo al potere di Néstor Kirchner. L’ascesa non si arrestò durante i governi di Cristina Fernández de Kirchner. La pausa si è verificata nel 2015, quando l’amministrazione guidata dall’ex presidente Mauricio Macri ha rallentato i progressi e ha addirittura eliminato i benefici. Ma dal 2019 e con il ritorno del peronismo al potere, i numeri hanno ripreso slancio.

Quando Néstor Kirchner arrivò alla Casa Rosada erano 79.581 in tutto il Paese e il numero arrivò a 225.411 alla fine del suo mandato nel 2007. Si moltiplicò quasi per tre volte. Nel 2011, quando Cristina Kirchner ha terminato il suo primo mandato, le pensioni attive ammontavano a 707.068: anche queste prestazioni di invalidità non contributiva sono triplicate.

Altri 300.000 si sono uniti fino al 2015, durante il secondo mandato dell’ex presidente. Il numero lasciato dalle tre amministrazioni kirchneriste era di 1.045.954. Macri, invece, ampiamente criticato per il rallentamento dei progressi, ha ridotto le pensioni di questo tipo a 1.026.093. Questo valore è stato ripreso da Alberto Fernández, che lo ha riportato a 1.215.548 alla fine del 2023.

La pensione di invalidità non contributiva è un’indennità corrisposta mensilmente dall’Anses. Il suo importo corrisponde al 70% della pensione minima. Cioè $ 144.851,77. Il governo stima che aggiungendo il bonus di 70.000 dollari, il beneficio supererà i 200.000 dollari.

Come dettagliato sul sito Anses, per accedere al beneficio è necessario essere nativi argentini, o naturalizzati, o residenti nel Paese. Gli stranieri devono dimostrare una residenza continuativa minima nel paese di 10 anni. Altro requisito è quello di avere meno di 65 anni.

La pensione di invalidità non contributiva è compatibile con il lavoro, sia in rapporto di dipendenza, autonomo sia come monotributista del regime generale o monotributista sociale. Ciò che non è possibile è avere questo beneficio se contemporaneamente si riceve una pensione o una pensione.

L’amministrazione del presidente Milei ritiene che ci siano almeno due misure adottate dal governo Alberto Fernández che hanno compromesso l’obiettivo iniziale del programma Anses. Da un lato si sottolinea la flessibilità di accesso al beneficio che ha reso possibile, ad esempio, la delibera 70/2023. Questa norma ha eliminato l’obbligo di indicare nel certificato medico “l’invalidità totale e permanente”.

Inoltre c’è un altro decreto, il 7/2023, che per l’attuale partito al governo ha eliminato la condizione di invalidità lavorativa che definiva che “l’invalidità è totale quando l’invalidità produce una diminuzione della capacità lavorativa pari o superiore al 76%”.

Tra i piani di revisione affrontati dall’attuale amministrazione si analizza la modifica delle condizioni per innalzare i requisiti di accesso a questo tipo di benefici.

Numeri sorprendenti

I dati che Francos ha presentato con la mappa nazionale dell’evoluzione delle pensioni di invalidità mostrano situazioni che attirano l’attenzione. La provincia che ha incrementato maggiormente questo tipo di aiuti versati dallo Stato nazionale è stata Corrientes. Lì, in 20 anni, c’è stato un balzo del 3.285%, quando la media nazionale è dell’1.427%, più del doppio.

Un’altra provincia dove le pensioni sono cresciute più delle altre è il Chaco: 2,036%. In due decenni ha aggiunto circa 95mila beneficiari. Santiago del Estero ha numeri simili.

Colpisce anche che Córdoba, una provincia che di solito viene paragonata a Santa Fe per avere una composizione demografica simile, conta attualmente quasi 86mila pensionati disabili rispetto ai 48.965 dei suoi vicini.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I ladri lo hanno spintonato e sono fuggiti con la rivolta
NEXT Sparatoria alla Stazione Centrale: a rischio la vita uno straniero: ECOH indaga su tentato omicidio | Nazionale