La bevanda tradizionale più “accattivante” ‘Chicha’ di Nariño

La bevanda tradizionale più “accattivante” ‘Chicha’ di Nariño
La bevanda tradizionale più “accattivante” ‘Chicha’ di Nariño

La Chicha a Nariño. Foto: Arturo Obando.

La “Chicha” è presente nella celebrazione dell’Inti Raymi, essendo una bevanda ancestrale di mais che vive nelle comunità indigene e contadine.

Narino Notizie

Nella festa di Inti Raymicelebrato dalle comunità indigene e contadine, la chichabevanda ancestrale derivata dal mais, continua ad essere protagonista. Edgar Ruíz, leader della comunità di Quillasingaha spiegato a RTVC i due modi tradizionali di preparare la chicha.

«La prima consiste nel sgusciare il mais, macinarlo e lasciarlo macerare per otto giorni in un tino di legno all’ombra, lavarlo, cuocerlo e poi addolcirlo con panela. L’altra è una preparazione più antica: la famiglia faceva la pasta di mais, la passava tra i denti e la metteva in bocca, poi in una pentola di terracotta, poi vi versavano sopra l’acqua di panela e la lasciavano fermentare. Questo è noto come chicha mascada. Ruíz racconta.

Nell’ambito di Inti Raymila chicha rappresenta un legame con il passato e un’affermazione delle tradizioni che rafforzano l’identità e la coesione sociale delle comunità indigene e contadine.

Il mais è adattabile a vari climi. Assistente Luis Escobar, produttore del comune di Iles, ha raccontato RTVC che la sua coltivazione di tre ettari iniziata ad ottobre e Ci vogliono 10 mesi per dare i suoi frutti.

La Chicha a Funes

A Funes la preparazione della chicha segue un procedimento antico. Il mais viene giurato mettendolo in acqua finché non germoglia, poi viene essiccato al sole, macinato e fatto fermentare. Questo metodo tradizionale è stato preservato con cura, assicurando che la chicha nativa rimanga un elemento centrale, racconta Arturo Ovando nel suo speciale.

Lo utilizzano in eventi speciali come battesimi, prime comunioni, matrimoni, semine, raccolti e feste religiose (Señor de Funes, Señor de la Buena Esperanza, Immacolata Concezione, San Pedro). Oltre a una bevanda idratante per le colture.

La Chicha non è solo una bevanda, ma un simbolo di identità e patrimonio culturale per Funeños. La sua produzione e il suo consumo continuano ad essere una pratica vitale nella comunità, dove si continua a vendere la chicha che, per essere più «ricevitore«, vengono lasciati stagionare più a lungo.

Ingredienti e preparazione della chicha a Nariño

Ingredienti:

  • Mais pergamena
  • panela raschiata
  • Foglie di menta verde, maggiorana o arancia amara

Preparazione:

  1. Cuocere il mais in pergamena finché non si ammorbidisce e si macina.
  2. Aggiungere la panela raschiata e formare delle palline.
  3. Avvolgere le palline in foglie di banano e lasciarle fermentare in una pentola di terracotta.
  4. Dopo tre giorni, mescolare con acqua pulita e filtrare prima di bere.
  5. Aromatizzare con menta piperita, maggiorana o foglie di arancia amara durante la cottura dell’acqua.
Può leggere:
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-