Dissidenti delle FARC condannati per l’omicidio di membri della forza pubblica.

Dissidenti delle FARC condannati per l’omicidio di membri della forza pubblica.
Dissidenti delle FARC condannati per l’omicidio di membri della forza pubblica.

La Procura Generale ha ottenuto prove convincenti che hanno portato Cristian Camilo Valenzuela Zapata, alias “Pollo”, e Samir Leonardo Ramírez Torres, alias “El Negro”, ad assumersi la responsabilità dell’omicidio di sei membri della forza pubblica nella regione di Meta e Caquetá. Questi crimini sono avvenuti tra settembre 2021 e gennaio 2022.

Un giudice penale specializzato di Florencia (Caquetá) ha approvato l’accordo preliminare raggiunto nella trattativa giudiziaria. Di conseguenza, entrambi i membri della struttura Jorge Briceño, appartenenti ai dissidenti delle FARC, sono stati condannati a 34 anni e 7 mesi di carcere.

I reati contestati sono omicidio aggravato, tentato omicidio, fabbricazione, traffico, porto o detenzione di armi da fuoco, accessori, parti o munizioni, associazione a delinquere aggravata e associazione a delinquere aggravata.

Il primo caso che ha portato a questa sentenza si è verificato il 16 settembre 2021 a San Vicente del Caguán (Caquetá). Durante le attività di controllo, gli agenti della Polizia Nazionale Víctor Alfonso Rojas Vargas e Kevin Esteban Guevara Barrios sono stati attaccati con armi da fuoco.

Successivamente, il 9 dicembre 2021, “Pollo” e “Negro” hanno sparato da una motocicletta contro un gruppo della Marina Nazionale nella zona rurale di Cartagena del Chairá (Caquetá). Di conseguenza, i marines John Flores Jaramillo e Jheison Alberto Núñez Moreno hanno perso la vita, mentre un altro uomo in uniforme è rimasto gravemente ferito.

Infine, l’11 gennaio 2022, i condannati di oggi hanno causato la morte degli agenti della Polizia Nazionale José Edinson Rivera Garrido e Hermes Alberto Mora Guevara a Lejanías (Meta).


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-