L’esercito colombiano uccide uno dei leader dissidenti dell’EMC delle FARC di Cauca

L’esercito colombiano uccide uno dei leader dissidenti dell’EMC delle FARC di Cauca
L’esercito colombiano uccide uno dei leader dissidenti dell’EMC delle FARC di Cauca

L’esercito colombiano ha ucciso questo lunedì il comandante in seconda della struttura ‘Dagoberto Ramos’, integrato nella dissidenza dello Stato Maggiore Centrale (EMC) delle estinte FARC del dipartimento del Cauca, che avrebbe partecipato a diverse azioni contro l’esercito autorità negli ultimi otto anni, motivo per cui c’era un mandato di arresto contro di lui. Le truppe colombiane, in coordinamento con la Polizia, hanno effettuato questa operazione nella zona rurale di Toribío, dove questo gruppo realizzava reclutamento forzato di minori, estorsioni, rapimenti, omicidi selettivi o traffico di droga, secondo quanto pubblicato da la stazione radio W Radio. Il miliziano è stato identificato con lo pseudonimo di ‘Fito’ o ‘Junior’, morto durante gli scontri scaturiti dall’operazione sopra citata e che sarebbe responsabile di atti come l’omicidio di quattro agenti di polizia o l’attentato contro l’ufficio del sindaco di Corinto nel marzo scorso 2021. , che ha lasciato 43 feriti. Nonostante l’avvio dei colloqui di pace tra il governo colombiano e l’EMC, Bogotà ha sospeso la dichiarazione di cessate il fuoco nei dipartimenti di Valle del Cauca, Cauca e Nariño a causa di una serie di attacchi di guerriglia contro le comunità indigene. Da allora nella regione si sono verificati numerosi scontri e attentati, che hanno causato la morte sia di guerriglieri che di civili e perfino di membri delle forze di sicurezza colombiane.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-