il più grande trolling nella storia di Sony

il più grande trolling nella storia di Sony
il più grande trolling nella storia di Sony

Una mossa che ha portato la prima console dell’azienda negli Stati Uniti con il piede giusto

A volte ci riempiamo la bocca parlando di quanto siano brutte le cose attualmente, di come le aziende si lanciano la bile addosso a vicenda e di come tutte portino gli emblemi di questo settore. come lui era E3. E beh, qualche motivo c’è, ma anche poca memoria.

Ad esempio, uno degli E3 più folle che si possa ricordare. Una fiera in crescita che, poiché le sue regole non erano ancora state stabilite, ha regalato momenti mitici come la presentazione di Sony che durò due secondi.

Il primo E3 della storia

Siamo nel 1995. Michael Jordan ritorna in NBA dopo un incidente nel baseball, storia del giocattolo Diventa il primo film realizzato al computer e nasce il formato DVD. Un periodo di grandi progressi tecnologici in cui distinguersi al CES, la fiera dell’elettronica per eccellenza, ha troppi concorrenti per farlo facilmente.

Per evitare che altri rubino l’attenzione, aziende come SEGA, Nintendo o Sony decidono di spostare i loro grandi annunci in una nuova fiera, la Fiera dell’intrattenimento elettronico o, a causa dei tre, E3. Fortunatamente non è stato chiamato “E cubed” come inizialmente previsto.

Poiché si trovava a metà strada tra la costa orientale americana e il Giappone, decisero che Los Angeles sarebbe stata il luogo perfetto per ospitare la nuova fiera, e le grandi aziende si recarono lì con succose novità sotto il braccio.

Nintendo ha presentato il suo Virtual Boy e ha lasciato intendere quello che sarebbe stato finalmente il Nintendo 64, ci ha fatto sapere Capcom cattivo ospiteEA ha avuto un nuovo splendore FIFA, Rayman Ha sorpreso gli appassionati della piattaforma con l’aiuto di Atari… Ma se c’era qualcosa da tenere d’occhio, erano SEGA e Sony. Erano loro i due che avevano più da vincere, o da perdere, in quella fiera.

Una rissa risolta in due secondi

Anche se SEGA Saturn era già stato lanciato in Giappone e alcuni dettagli restavano semplicemente da affinare per il suo arrivo sul suolo americano, tra giochi come Drago Panzer, Daytona Stati Uniti O Combattente della virtù, la grande novità che avevano preparato per il pubblico e la stampa era l’annuncio del prezzo della macchina d’oltreoceano. Saturno costerebbe 399 dollari.

Con la pressione sulle spalle di Sony, che è arrivata a quella fiera come entità esterna e doveva ancora dimostrare di cosa sarebbe stata capace con PlayStation, la presentazione dell’azienda non poteva iniziare nel modo più soporifero.

Innanzitutto c’era un ampio video sulla storia dell’azienda nel mondo dell’elettronica, poi è stata aggiunta una seconda parte sotto forma di un discorso sulla tecnologia dei CD-ROM prima di lasciare il posto a Steve Race, presidente della Sony in America, che dovrei parlarne il prezzo della macchina.

La gara è salita sul palco, ha detto “299” e si è allontanata tra applausi e applausi. Erano bastati solo un paio di secondi di presentazione perché PlayStation fosse al centro della scena in quel primo E3. Una mossa che, a metà tra troll e marketing magistrale, ha portato la prima console del brand negli Stati Uniti con il miglior piede possibile.

In VidaExtra | L’arte perduta delle Memory Card: le leggendarie icone dei giochi salvati su PlayStation e PS2

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Carica tutto con questa ciabatta da $ 15 grazie alla vendita di Amazon del 4 luglio