Recensione: È stata una bellissima giornata

Recensione: È stata una bellissima giornata
Recensione: È stata una bellissima giornata

18/06/2024 – Ragazze di città combattono contro ragazze di villaggio nel primo lungometraggio di Perica Rai, un thriller solido e ben interpretato

Questo articolo è disponibile in inglese.

Per essere un piccolo paese con, almeno dal punto di vista numerico, una scena di produzione cinematografica modesta, la Slovenia ha una sorta di tradizione nel cinema indipendente. I film realizzati senza il sostegno delle istituzioni cinematografiche nazionali tendono ad essere più coraggiosi nel giocare con i cliché del cinema di genere, ottenendo talvolta numeri di pubblico superiori alla media. L’ultimo esempio di ciò potrebbe essere il film d’esordio di Perica Rai, È stata una bellissima giornata, che è stato appena presentato in anteprima al Fantastic Wine and Film Festival di Grossmann a Ljutomer, in Slovenia. Si prevede una distribuzione nazionale entro la fine dell’anno, così come una certa visibilità in festival internazionali specializzati nel cinema di genere.

(L’articolo continua qui sotto – Informazioni pubblicitarie)

I retroscena sia del regista che del film stesso sono piuttosto interessanti. La Rai non è un regista esperto e prima di dedicarsi al cinema ha lavorato come detective della polizia. Ha già al suo attivo alcuni cortometraggi, video musicali e documentari televisivi. Il suo film d’esordio ha trascorso dieci anni in produzione, passando dall’horror slasher al thriller. Un’altra cosa degna di nota è che si tratta anche di uno dei rari film sloveni (di genere) incentrati su personaggi femminili che potrebbero, come il suo predecessore, il film di Maja Weiss Guardiano della Frontiera (2002), inviano un messaggio di empowerment.

Tre amici – la devota donna di famiglia Manca (Katarina Časintravisto in quello di John Michael McDonagh La guardia [+lee también:
crítica
tráiler
entrevista: John Michael McDonagh
ficha de la película
]
), l’animale da festa Iza (Tina Vrbnjaksolitamente attivo in televisione) e Taja (Ula Furlanvisto di recente in un altro film indipendente sloveno, Qualcosa di dolce [+lee también:
crítica
ficha de la película
]
) – si incontrano nella casa per le vacanze del fine settimana di quest’ultimo, situata in una remota area forestale. Le loro relazioni non sono perfette e i loro stili di vita potrebbero non essere compatibili, ma sono amici dai tempi del liceo, quindi incontrarsi di tanto in tanto è una tradizione per loro. Tuttavia, questo incontro è qualcosa di speciale, costruito attorno al segreto che una quarta amica, Trina (Nina IvanisinDi Ragazza slovena [+lee también:
tráiler
ficha de la película
]
fama), sta arrivando anche lui. Trina è una donna profondamente traumatizzata che ha avuto problemi con estranei, soprattutto uomini, e come possiamo vedere nei flashback, Manca ha contribuito a questo anni fa, quindi si sente particolarmente a disagio nell’incontrarla.

Dopo che l’auto di Trina ha avuto un guasto, non ha altra scelta che chiedere al meccanico locale (Janez Starina) per chiedere aiuto, che vede come un’opportunità per sollevare la ragazza di città dai soldi extra che porta con sé. Incitata dalle sue parole crude, Trina decide di scappare senza pagare, il che la mette in contrasto con il meccanico e con la figlia muta e aggressiva, e riesce a dare a Taja solo alcune informazioni basilari sulla sua situazione prima che la batteria del suo telefono si scarichi. Il resto delle ragazze decide di venire in suo aiuto, e così inizia un gioco del gatto col topo tra le ragazze di città e il clan dei redneck (il cui terzo membro è un cacciatore impegnato in pratiche stranamente brutali, interpretato da Jure Henigmann) sogni.

La parte iniziale offre al trio di attrici l’opportunità di definire i propri personaggi e le proprie dinamiche, mentre Nina Ivanišin offre uno spettacolo personale con la sua interpretazione vissuta, e anche i “cattivi” sono utili nelle loro varie presenze minacciose. Anche la Rai utilizza lo strumento dei flashback in maniera sicura, ma l’inserimento di un teaser per un possibile seguito nel finale potrebbe sembrare esagerato. Vladan JovanovicIl lavoro di ripresa di cattura i boschi sloveni in tutta la loro bellezza e inquietudine, contribuendo così a creare l’atmosfera, ma l’approccio a mano libera alle sequenze d’azione, che sono anch’esse scarsamente illuminate e sembrano leggermente affrettate, è un segno rivelatore di un budget molto modesto . Alla fine, È stata una bellissima giornata è un solido debutto di un regista che ha sicuramente un futuro nel cinema di genere.

È stata una bellissima giornata è una produzione slovena di Vertigo, in coproduzione con Mediaspot, NuFrame, 001 e Kreativist. È stato ritirato per la distribuzione nazionale da Fivia.

(L’articolo continua qui sotto – Informazioni pubblicitarie)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sergio Peris-Mencheta riceve la visita più speciale: “Il miglior regalo di compleanno”
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare