Juan Grabois analizza l’ampliamento della denuncia contro il Capitale Umano

Juan Grabois analizza l’ampliamento della denuncia contro il Capitale Umano
Juan Grabois analizza l’ampliamento della denuncia contro il Capitale Umano

L’avvocato Juan Grabois, leader di Argentina Humana, sta valutando la possibilità di presentare una estensione della denuncia contro Sandra Pettovello, ministro del Capitale Umano, per i presunti reati di appropriazione indebita, inadempimento dei doveri di pubblico ufficiale, abuso di autorità e negligenza.

Il rappresentante del Frente Patria Grande ritiene che la merce sia stata distribuita “in modo notoriamente inappropriato” solo per “eludere l’ordine del tribunale di presentare il piano di distribuzione alimentare ordinato dalla giustizia federale”. Grabois si riferisce ai quasi 6 milioni di chili di cibo che erano conservati nei magazzini di Villa Martelli e Tafí Viejo.

Nel documento preparato da Grabois e dai suoi consiglieri, si spiega che Capital Humano, invece di presentare il programma di distribuzione, ha consegnato latte in polvere con una data di scadenza vicina alla Cooperadora para la Nutrición Infantil (CONIN) “per un valore di 1,2 miliardi di dollari. “

Nell’accordo firmato da Capital Humano, la fondazione CONIN è stata invitata a indicare a quali mense dei poveri consegnava il cibo e quale quantità distribuiva a ciascun indirizzo. Tuttavia fino ad ora non è stato fatto.

L’ex candidato presidenziale dell’Unión por la Patria mette in dubbio anche “i 500 milioni di dollari del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) ricevuti dal Cooperatore per la nutrizione infantile”.

Per Grabois si tratta di “fatti nuovi” che ha già denunciato. Sottolineano inoltre che domani scade il termine entro il quale Pettovello presenterà al giudice Casanello il programma di distribuzione del cibo ancora rimasto in quei due magazzini. L’ordinanza è stata ratificata dalla Sezione II della Corte d’Appello.

Il 5 giugno, i giudici Martín Irurzun, Eduardo Farah e Roberto Boico hanno confermato all’unanimità la misura cautelare ordinata dal giudice federale di primo grado che imponeva al Ministero del Capitale Umano di denunciare le scorte di generi alimentari depositate nei magazzini di Villa Martelli e Tucumán il programma di consegna.

Tutti nel loro voto sono giunti alla stessa conclusione: non solo hanno sostenuto Casanello, ma hanno convalidato il suo operato nel quadro di una misura precauzionale che il Governo non poteva ignorare. Il Sottosegretario Legale al Capitale Umano aveva detto ai magistrati che non avrebbero permesso a nessun giudice militante di dire al governo di Javier Milei come gestire la politica alimentare.

“È opportuno ricordare al ricorrente, rappresentato dal Ministro del Capitale Umano, che la materia in esame rientra nell’universo che noi giudici abbiamo il compito di conoscere; che nel nostro intervento dibattiamo sul primato della Legge Fondamentale e sulla tutela dei diritti fondamentali di tutti i cittadini e che sono proprio questi orientamenti ad essere espressi nella causa, conferendo legalità e legittimità alla nostra risoluzione. Pertanto, affinché le istituzioni funzionino e siano rispettate, il Ministro del Capitale Umano deve adeguare le sue azioni al rispetto dell’ordinanza del tribunale qui confermata”, ha ragionato Farah.

A poche ore dalla sentenza contraria, Capital Humano ha deciso di distribuire, tramite CONIN, latte in polvere con scadenza imminente e altri prodotti nelle stesse condizioni, come la farina di mais. Tuttavia non ha informato il magistrato del programma. Oppure non era dettagliato come richiesto.

Per questo motivo Casanello ha intimato ancora una volta a Pettovello di presentare il calendario entro 72 ore lavorative. Il termine, festivi compresi, scade questo lunedì, 23 giugno.

“Presenteremo il programma. In realtà lunedì approfondiremo ciò che abbiamo già comunicato al giudice”, hanno detto al medium del portfolio Capitale Umano. E hanno riaffermato: “Né la giustizia né i gestori della povertà possono gestire la politica alimentare, che è il potere del governo”.

Per il gip quanto riportato nel fascicolo da Leila Gianni è «insufficiente». Nella delibera Casanello sottolinea che “alcuni degli interventi indicati nella tabella di riparto fornita avrebbero dovuto essere già eseguiti”.

Per questo motivo il giudice gli ha anche chiesto di “riportare (con il relativo supporto documentale) quanto è stato fatto finora”.

Se non lo facesse, la ministra potrebbe essere denunciata da Grabois per “inosservanza dei doveri di pubblico ufficiale”. Anche per “appropriazione indebita” e “abuso di potere”.

Questi termini vengono respinti dall’avvocato di Human Capital. Leila Gianni sostiene che “le politiche alimentari sono potere del governo”, non della Giustizia e tanto meno di Grabois, che finora non è stato denunciato in tribunale dall’amministrazione Javier Milei per alcun possibile crimine.

Il portafoglio di Pettovello è stato al centro delle polemiche dopo che il leader social ha presentato denuncia ai Tribunali Comodoro Py per il cibo conservato nei due magazzini di Human Capital.

Fonte: infobae

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Club América NON L’HA FIRMATO e gli sta rendendo la VITA IMPOSSIBILE
NEXT Spagna: orari e dove vedere le preolimpiche di basket