TAG Heuer recupera la sua Formula 1 originale

Ritorna l’originale Formula 1 che, lanciato nel 1986, fu il primo orologio commercializzato con la firma Tag Heuer. Divertente, colorato e accessibile, è stato realizzato in collaborazione con la casa di moda urbana Kith.

Buone notizie stanno arrivando per i nostalgici. TAG Heuer ha deciso di ristampare il primo Formula 1, l’orologio dai colori vivaci lanciato a metà degli anni ’80 che è stato il primo contatto con l’orologeria di lusso per molti collezionisti e appassionati attuali. È un ristampa specialecon un numero limitato di pezzi e fatto dentro collaborazione con la casa americana di abbigliamento urbano Kith. Il Formula 1 è un orologio chiave nella storia di TAG Heuer e un buon esempio dell’evoluzione che l’industria ha vissuto negli ultimi decenni.

Era il primo orologio a portare il logo TAG Heuer sul quadrante poiché il suo lancio sul mercato coincise con l’acquisto di Heuer da parte di Techniques d’Avant Garde (TAG), azienda tecnologica lussemburghese, all’epoca focalizzata sul mondo della Formula 1 con la sua partecipazione al team McLaren.

Uno dei primi modelli di Formula 1 della metà di quel decennio, con scatola in fibra di vetro.

Una volta concepito il nuovo marchio, era chiaro che le corse automobilistiche sarebbero state il tema ricorrente della sua prima collezione. Inoltre la nuova collezione doveva adattarsi ai nuovi tempi dell’orologeria svizzera dell’epoca e seguire le orme di Swatch, il popolare orologio in plastica lanciato tre anni prima e che era già un successo in tutto il mondo.

La Formula 1 era un orologio accessibile, lanciato all’epoca al prezzo di circa 18.000 pesetas. Per questo sono stati utilizzati materiali convenienti come la fibra di vetro per la cassa o la plastica per i cinturini, che erano dotati di incisioni in modo che il cliente potesse tagliarli a proprio piacimento con semplici forbici. La collezione fu un completo successo e si stima che furono vendute più di tre milioni di unità, anche se questi buoni risultati non ne impedirono l’interruzione nel 2000. LVMH aveva acquistato TAG Heuer un anno prima e il colosso francese aveva altri piani per essa, più vicino al segmento del lusso in cui l’azienda ha operato da allora. La Formula 1 è tornata nel catalogo TAG Heuer nel 2004anche se con un concept più sofisticato, lontano dall’idea di orologio in plastica economico con cui era stato lanciato quasi 20 anni prima.

Pubblicità degli anni ’80 che mostra come tagliare il cinturino in plastica con le forbici.

L’orologio Kith Heuer

Non è un errore di stampa. Se guardiamo da vicino vedremo che il logo ufficiale del marchio di orologi è stato trasformato grazie alla collaborazione con Kith. Dietro questo nome c’è Aaron “Ronnie” Fieg, uomo d’affari e designer newyorkese, fondatore del marchio Kithnei cui stabilimenti vengono vendute alcune delle versioni realizzate di questa nuova Formula 1. In totale lo sono dieci varianti. Hanno tutti in comune il diametro di 35 millimetri, la stessa dimensione del modello del 1986.

Tutte le versioni della nuova Formula 1.

L’orologio mantiene un divertente equilibrio tra gli elementi originali e le concessioni creative e tecniche che i suoi produttori hanno incorporato. Tra questi ultimi, l’ sostituzione della vetroresina con arniteuna varietà di plastica di alta qualità.

TAG Heuer e Kith hanno unito le forze in questa riedizione della collezione Formula 1 lanciata nel 1986. Sono stati mantenuti i colori vivaci che identificavano i primi modelli e il diametro originale della cassa di soli 35 mm. Nel dettaglio, il logo della casa orologiera è stato trasformato in KITH Heuer.

Anche il cristallo minerale scompare (ora è zaffiro) E il cinturino in plastica è stato sostituito con uno in gomma. Lui il movimento è al quarzo, come il primo modello. Tutti gli orologi sono stati rilasciati ad un prezzo di 1.500 euro e, visto l’esiguo numero di edizioni, dovrai essere abile per procurartene una copia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali