Di maestri, città e yunga, in una potente esposizione della pittura di Tucumán

Di maestri, città e yunga, in una potente esposizione della pittura di Tucumán
Di maestri, città e yunga, in una potente esposizione della pittura di Tucumán

“La funzione dell’utopia” viene presentata al Museo d’Arte Contemporanea di La Boca (MARCO)

Nel corso del 1948, Lino Enea Spilimbergo Arrivò a Tucumán per assumere la cattedra di pittura presso l’Istituto Nazionale delle Arti (INA) dell’Università, momento considerato fondativo della scena provinciale che cominciò a svilupparsi e che vide, tra gli altri studenti, Carlos Alonso.

Questo momento quasi mitico viene onorato all’inizio della mostra La funzione dell’utopiache nel Museo d’Arte Contemporanea di La Boca (MARCO) mescola opere di artisti contemporanei della provincia con la collezione del Fondazione Tres Pinos. Lì, poi, come benvenuto, potrete vedere uno dei tanti ritratti realizzati da Alonso del suo ex maestro, accanto a un altro realizzato da uno dei grandi maestri dell’arte argentina.

“Sono artisti che non arrivano tanto a Buenos Aires, ma che a Tucumán e nella NOA sono presenti, insieme ad altri tucumán che sono già inseriti nel circuito della Città. Ho trovato interessante riportare il tema della pittura in provincia, che continua ad essere molto forte. “Sono artisti che hanno molta tecnica, ma che stanno anche sviluppando concetti”, ha spiegato. Cecilia Quinteros Macciocuratore, a Infobae Cultura.

La mostra mescola opere di artisti contemporanei di Tucumán con opere della collezione della Fondazione Tres Pinos.

E ha aggiunto riguardo al lavoro con la Collezione: “Ho prestato attenzione a ciò che avevano collegato a Tucumán. Per questo la prima opera a cui ho pensato è stato il ritratto di Alonso de Spilimbergo, perché è legato alla storia di come è nata la nostra scena artistica”.

La mostra si concentra sulla pittura e non sui tessuti o sulla scultura, come ci si aspetterebbe a priori, ed espone anche pezzi di Berni, Eduardo Audivert (anche lui studente di Spilimbergo all’INA), Marcia Schvartz, Luis Felipe Noè, Josefina Robirosa insieme a Tucumani di epoche diverse come Osorio Luca, Demetrio Iramain, Gabriele Chaile, Eugenia Correa, Sandro Pereira, Carlo Alcalde, Alfredo Frias, Valeria Maggi, Nelson Velardez Lai, RUMORE, Lautaro Sotelo, Maria Rosa Mamana E Emiliano D’Amato Matteo.

Una delle figure di cui vengono presentate la maggior parte delle opere è Carlo Alcalde, “considerato l’ultimo maestro degli artisti di Tucumán”. “Non era molto tradizionale, né molto contemporaneo, ma andava sempre oltre i limiti. E questo è un po’ quello che hanno trasmesso alcuni artisti che sono qui”, ha detto Quinteros Macció.

“Ci sono pezzi degli anni ’80 e 2000. La sua eredità è il suo lavoro, molto intimo, ma allo stesso tempo ha un tema molto ampio, usa molto il collage, il tema dell’immagine, del ritratto. È un artista molto esistenzialista e racconta la storia dell’Argentina e del mondo attraverso il suo lavoro. Una delle opere parla della guerra del Vietnam e un’altra di un amico scomparso a Tucumán. Allora ho potuto raccontare come tutta quella fase della psichedelia in cui vivevano in un mondo che era anche fantastico e d’altro canto, attraversavano altre questioni, come le azioni della dittatura, il che era davvero tremendo,” dice a proposito l’artista neofigurativo che fu allievo di Ezequiel Linares anche presso l’INA. In questo passaggio da maestro ad allievo, Alcalde fu maestro di Frías, Correa e Maggi.

Eugenia Correa Prende molto dal barocco come influenza e, basandosi su quelle tecniche e luci, tocca temi che hanno a che fare con ciò che ha vissuto come artista con una prospettiva femminista. È un lavoro crudo, da un lato c’è una vergine truccata come una troia, che parla degli stereotipi che le donne portano sul loro corpo. Nell’altro lavoro, cioè Sant’Agata, cosa vuoi da me?in cui ironizza la frase Coca Sarli, rappresenta una donna mutilata al seno per non aver voluto sposare un re e dedicarsi a Dio. Allora appare la questione dell’uomo che è proprietario del corpo della donna e le affida questo mandato da compiere. Gioca anche con il tempo, nel senso che ci sono problemi o preoccupazioni che continuano ad esistere”, ha detto.

La mostra è composta da piccoli dialoghi, sui due piani dello spazio, in cui il patrimonio si confronta con i contemporanei e che cercano di ritrarre diversi aspetti dello stile di vita con il paesaggio di Tucumán, dallo yunga alla città.

“Ho trovato interessante mostrare il tema della pittura nella provincia, che continua ad essere molto potente”, ha spiegato la curatrice Cecilia Quinteros Macció.

Mentre Sandro Pereira presenta un paesaggio settentrionale arido e ad alta quota, con una volpe e un bambino a cui sembra un omaggio Il piccolo Principeinsieme a un pezzo di Yuyo Noè e di Robirosalo fa anche D’Amato Matteo che sviluppa “la connessione con il territorio, con il paesaggio e particolarmente con coloro che popolano quei paesaggi dello yunga, con la presenza degli animali” accanto ad una tela di Demetrio Iramainfratello lo scultore Juan Carlos Iramainche insieme a Osorio Luca -anche all’Expo- hanno creato un impressionismo paesaggistico di figure sintetiche, quasi come schizzi di un’esistenza che si fonde con lo sfondo, che si consuma e allo stesso tempo lascia il segno nei compiti quotidiani.

“Demetrio Iramain appartiene ad una famiglia emblematica legata alla cultura di Tucumán ed è un pittore di scene molto importante. Sono rimasto molto sorpreso nel vedere diverse sue opere nella Collezione, dato che anche in provincia è stato un po’ dimenticato”, ha commentato il curatore.

Nel caso di Luque, con uno stile gaucho romanticizzato, viene presentato circondato dalle opere di Sonia Ruiz E Nelson Velardeche “parlano le questioni popolari” e anche in quella indagine del territorio emerge il naturale Valeria Maggi che “sembra avere un legame con l’astratto, ma appare sempre una presenza del paesaggio”.

Opere di Berni, Gabriel Chaile e María Rosa Mamana

“C’è un set che sono rarità, il Berni che sono le montagne di Santiago realizzate a tempera, da una serie che di solito non si vede, accanto a piccole opere di Gabriele Chaile, di cui non si conosce molta pittura. Il dialogo che si crea tra Berni e Chaile, opere della Fondazione, è completato da un dipinto dell’artista Maria Rosa Mamanacosa piuttosto rara da vedere, perché è un’artista tessile”, ha spiegato.

Esposti su un muro e circondati da un suono ambientale in loop, con “alcuni fantasmi urbani che molti di coloro che camminano per le strade di Tucumán riconosceranno”, ci sono nove pezzi, in diversi formati, del progetto. Rumoreformato da Veronica Correa E Fernando Galucci.

Fin dalla sua nascita nel 2020, durante la pandemia, il progetto murale ha cercato di creare “una sorta di museo a cielo aperto” sapendo che era “l’unico modo per influenzare la vita dei cittadini per strada”.

I pezzi del gruppo Noise

“Da Il circuito murale, che è ancora in corso, salviamo gli spazi pubblici che sono stati vandalizzati o espropriati dalla pubblicità e dalla propaganda politica. Quindi man mano che questo percorso cresce, molte volte andiamo a fare rilevamenti sui muri e questo è un lavoro di ricerca sul campo, dove uno va nel quartiere, inizia a socializzare con le persone, capisce cosa gli piace, quali cose in comune si possono fare ”, ha commentato Galucci a questo mezzo.

Le opere presentate nascono “dal backstage di quello che è un dipinto murale”. “Fotografiamo i contesti e mostriamo l’altra faccia di cosa sono i graffiti di un murale, raccogliendo un po’ dell’essenza urbana, del lavoro informale soprattutto”, ha detto.

*”La funzione dell’utopia”, al Museo d’Arte Contemporanea di La Boca (MARCO), Almirante Brown 1031. Dal mercoledì alla domenica dalle 11:00 alle 19:00. Entrata Libera

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Lorena Castell arreda il soggiorno della sua casa di campagna