Affermano di essere stati truffati con l’affitto e che la polizia li ha sfrattati senza autorizzazione giudiziaria a Roca

Roxana Escobar e Carlos Cortéz hanno denunciato membri della Terza Stazione di Polizia per aver effettuato a Operazione di sfratto senza autorizzazione giudiziaria, dopo essere stati truffati con una casa affittata nel quartiere 827 Homes, a Roca. La Procura ha respinto ogni misura giudiziaria estrema contro il matrimonio che ora esige la restituzione dei beni loro sequestrati poiché solo una parte è stata loro restituita.

La coppia 37 e 39 anni hanno vissuto una vera odissea quando il 27 maggio hanno deciso di affittare un appartamento al Kennedy 733, secondo piano C, nel quartiere 827 Homes de Roca che si trova nelle vicinanze della via San Juan. Lo hanno fatto ad una persona che gli ha consegnato le chiavi ma non hanno firmato nessun contratto e in cambio dei soldi che hanno incassato gli hanno dato solo ricevuta. Il contatto era avvenuto attraverso i social network e dopo l’operazione non hanno più rivisto il suo volto.

Ma la gioia di La nuova casa non durò a lungo perché quattro giorni dopo si presentarono i funzionari dell’IPPV che assicurarono loro di aver usurpato la casa che apparteneva all’organizzazione provinciale.. La denuncia è stata resa effettiva successivamente presso la sede della Procura della Repubblica (MPF) dalla dottoressa Belén Calarco il quale, come spesso accade in questo tipo di situazioni, ha disposto un ordine di polizia per impedire l’ingresso in casa di nuove persone.

«Ci hanno mandato a chiamare la procura per una trattativa sull’alloggio. Ma non ci è stato dato niente, era solo per uscire di casa e poi non ci facevano entrare.“ha detto Cortéz, assicurando che in nessun momento hanno tenuto conto della situazione in cui si trovavano o della truffa di cui erano stati vittime.

Da quella misurazione, sNell’appartamento è rimasta solo Roxana poiché al suo compagno non è stato permesso di rientrare e riceveva cibo quotidianamente. che gli è stato portato da un familiare o dal proprio accompagnatore.


«Violenza di genere»


Ma La situazione di maggiore violenza si è verificata il 2 giugno scorso quando una donna appartenente al Terzo Commissariato di Polizia ha chiesto di entrare in casa con la scusa di informarla di un provvedimento.. «Appena ho aperto la porta sono entrati e uno degli agenti di polizia mi ha dato un pugno al petto. Stavo per entrare nella doccia e avevo solo la camicia da notte. Mi hanno ammanettato e portato alla stazione di polizia e non mi hanno nemmeno lasciato indossare le mutande.«La donna ha commentato indignata.

Lì il Lo rinchiusero nella zona sotterranea e gli fecero condividere un corridoio con altri prigionieri maschi. «Un uomo che era in un’altra cella Mi ha dato una coperta perché potessi coprirmi.“, ha detto la donna, aggiungendo che è stata dietro le sbarre da mezzogiorno alle 21:00 senza alcuna assistenza.

“È stato un chiaro atto di violenza di genere ed è per questo che abbiamo presentato denuncia”ha detto Roxana in dialogo con questo mezzo.

Ha riferito che, sebbene il L’IPPV ha restituito alcune delle loro cose, devono ancora ricevere denaro, scarpe, una stufa e diversi oggetti che non compaiono perché sono stati sfrattati l’abitazione senza nemmeno fare una perizia sui beni sequestrati.


Cosa hanno detto dalla Procura


Dalla Procura della Repubblica Hanno chiarito che in nessun momento il pubblico ministero Belén Calarco ha disposto un provvedimento di sfratto dall’abitazione nel quartiere 827 Homes. e nemmeno alcun giudice. Ma hanno spiegato che rispetto a questa questione ci sono tre dossier in corso.

La prima è l’indagine per presunta usurpazione, la seconda per il reato di umiliazione presentato dalla vittima dopo aver lasciato il Terzo Commissariato e l’ultima è una denuncia degli stessi carabinieri per resistenza all’autorità.

«Non c’è stato alcun ordine di sgombero forzato, cioè autorizzato solo da un pubblico ministero o da un giudice.. Quando è stato riferito che la signora era detenuta e poiché non esistevano misure nei suoi confronti, è stata ordinata la sua immediata liberazione”, hanno spiegato dalla Procura.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-