I blocchi sulla linea ferroviaria influenzano le operazioni di Cerrej

I blocchi sulla linea ferroviaria influenzano le operazioni di Cerrej
I blocchi sulla linea ferroviaria influenzano le operazioni di Cerrej

Cerrejón, la compagnia carbonifera di La Guajira, ha informato che da lunedì scorso, 17 giugno, si sono registrati nuovi blocchi al chilometro 127, uno sulla linea ferroviaria e un altro sulla strada nazionale, che hanno compromesso il suo funzionamento e l’approvvigionamento idrico delle zone circostanti. comunità.

In un comunicato, la compagnia ha sottolineato che i molteplici blocchi “hanno impedito il trasporto del carbone dalla miniera a Puerto Bolívar, l’arrivo dei rifornimenti essenziali per l’operazione e la mobilitazione del treno che trasporta l’acqua alle comunità vicine”.

L’informazione aggiunge che questi blocchi da parte delle comunità, che si sono ripetuti quest’anno, mettono a rischio il normale funzionamento dell’azienda e stanno generando effetti economici e sociali nel dipartimento, secondo un’analisi realizzata dalla Camera di Commercio di La Guajira .

“La situazione attuale richiede un’attenzione urgente e coordinata tra le autorità locali e nazionali per risolvere le cause alla base di queste proteste e mitigare i loro effetti economici negativi a La Guajira. Ciò richiede un lavoro volto a trovare soluzioni sostenibili che garantiscano l’accesso a servizi pubblici di qualità, un’istruzione dignitosa e la risoluzione dei conflitti territoriali, garantendo così il benessere e lo sviluppo economico del dipartimento”, ha affermato il presidente esecutivo della Camera di Commercio di La Guajira, Álvaro Romero, nell’analisi e nel panel tenutosi a Riohacha.

Cerrejón ha assicurato che i continui blocchi “sono direttamente colpiti più di 13.000 lavoratori e le loro famiglie, quasi 164 comunità che ricevono acqua potabile, così come la capacità dell’azienda di portare avanti i suoi progetti di investimento sociale”.

In questo senso, Cerrejón ha sollevato la necessità di generare “spazi di dialogo, consultazione e costruzione collettiva” tra enti governativi e comunità per trovare soluzioni ai problemi sociali che si nascondono dietro questi blocchi.

“Rispettiamo il diritto alla protesta sociale, ma rifiutiamo i mezzi di fatto perché siamo convinti che la strada sarà sempre quella del dialogo e della collaborazione aperta e pacifica con le comunità. Proprio oggi (giovedì) ci troviamo al chilometro 43, in uno dei nostri Punti di Incontro con le Comunità, con le autorità locali, dipartimentali e nazionali, cercando soluzioni e generando conversazioni che aiutino a risolvere i problemi delle comunità,” ha affermato Juan Carlos García, Cerrejón Social Responsabile Affari.

Continua a leggere…

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-