L’Amazzonia brasiliana chiede aiuto per far fronte all’imminente siccità

Di Jon Martín Cullell |

Silves (Brasile) (EFE).- La popolazione dell’Amazzonia brasiliana che non dispone di pozzi e beve direttamente dal fiume si prepara al meglio per un’imminente siccità che si prevede sarà ancora più intensa di quella dell’anno scorso, mentre chiede aiuto delle autorità.

“Abbiamo bisogno di un pozzo per avere acqua potabile”, nota con preoccupazione il capo Ivanilde dos Santos, una donna bassa, 54 anni, con un orecchino di piuma di ara e che guida un villaggio situato sulla riva dell’Anebá, nella comune di Silves, a circa quattro ore dalla città di Manaus.

Bambini giocano nel fiume di un villaggio indigeno, il 14 giugno 2024, nell’Amazzonia brasiliana. EFE/Antonio Lacerda.

L’Anebá, da cui la popolazione estrae il pesce che mangia e l’acqua che utilizza nella vita quotidiana, è circa un metro e mezzo al di sotto del livello normale per questo periodo dell’anno.

Sono segnali inquietanti, visto che è la fine della stagione delle piogge e la portata dovrebbe cominciare a diminuire a breve.

“Operazione di guerra”

Il Ministro dell’Ambiente del Brasile, Marina Silva, aveva già avvertito alcuni giorni fa che in Amazzonia si prevede una “terribile” siccità e che il governo federale sta preparando una “operazione di guerra” per portare in anticipo forniture di base alle comunità remote e quindi cerca di prevenire il caos.

Le autorità dello stato di Amazonas condividono la diagnosi e stanno realizzando lavori di drenaggio del fiume per facilitare la navigazione quando il flusso diminuisce, e installando sistemi di trattamento dell’acqua in alcuni villaggi.

Un bambino gioca davanti a un serbatoio d’acqua in un villaggio indigeno, il 14 giugno 2024, nell’Amazzonia brasiliana (Brasile). EFE/Antonio Lacerda.

“Quando c’è siccità, la qualità dell’acqua diminuisce e c’è una maggiore incidenza di malattie idriche”, spiega all’EFE il segretario dei Progetti Speciali del governo regionale, Marcellus Campêlo.

Secondo il funzionario, è “molto probabile” che la prossima stagione secca sarà peggiore di quella dell’anno scorso perché l’innalzamento del fiume durante la stagione delle piogge non ha compensato la diminuzione che l’ha preceduta.

Il doloroso ricordo della precedente siccità in Amazzonia

L’anno scorso, il fiume Negro è sceso al livello più basso da quando sono iniziate le registrazioni e decine di comunità lungo il fiume, la cui comunicazione con il mondo esterno avviene tramite barca, sono state isolate.

Per settimane, la stessa città di Manaus è rimasta senza ricevere grandi navi con merci perché l’Amazzonia non consentiva la navigazione.

Il contadino Adão Alberto Pereira, 55 anni e che vive in una casa di legno vicino a un affluente dell’Anebá, ricorda con dolore quello che è successo.

La popolazione dell'Amazzonia brasiliana che non dispone di pozzi e beve direttamente dal fiume si sta preparando al meglio per un'imminente siccità.
Fotografia che mostra una barca in transito sul fiume Urubú, il 14 giugno 2024, nell’Amazzonia brasiliana (Brasile). EFE/Antonio Lacerda.

Delle 150 soursops che piantò, solo una dozzina sopravvisse a causa della scarsità d’acqua e delle temperature che si aggiravano intorno ai 40 gradi. E le piante di manioca, da cui si ottengono farina e tapioca, alimenti base della dieta amazzonica, fruttavano appena il 30%.

Con l’affluente quasi in secca, Pereira e la moglie dovettero scavare nel letto del fiume in modo che ne fuoriuscisse un liquido sporco, al quale poi aggiunsero cloro per poterlo bere.

“La gente qui è abituata alla sofferenza, ma era così brutto che ti veniva voglia di correre non so dove”, spiega con gli occhi velati.

Preoccupazione per i raccolti

Senza i soldi per costruire un pozzo, il contadino è preoccupato per le piante di manioca troppo cresciute che circondano ancora una volta la casa, e il suo giardino, ben fornito di alberi da frutto ed erbe aromatiche.

“Vedi, si sta già seccando… Dobbiamo annaffiarlo di nuovo”, dice, dopo aver tastato la terra in un vaso di prezzemolo.

Per evitare il disastro, il capo Dos Santos chiede ogni giorno alla sede municipale di installare un pozzo artigianale nel suo villaggio.

Quello esistente non funziona da tre anni perché è poco profondo e le 17 famiglie che vivono qui sono costrette a bere dall’Anebá, che diventa ancora più torbido in tempi di siccità in Amazzonia.

“Il sindaco mi ha detto che quest’anno, a Dio piacendo, si farà, ma io ho insistito che fosse una priorità perché quando il fiume si secca, rimane solo il fango”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-