La qualità dell’aria a La Rioja era “buona” nel 2023

La qualità dell’aria a La Rioja era “buona” nel 2023
La qualità dell’aria a La Rioja era “buona” nel 2023

Lunedì 24 giugno 2024, 12:35

| Aggiornato alle 12:43





Commento







  • Copia link




  • WhatsApp




  • Facebook




  • X (ex Twitter)




  • LinkedIn




  • Telegramma




  • Discussioni

La qualità dell’aria respirata l’anno scorso a La Rioja era “buona” per la nostra salute e per la protezione degli ecosistemi e rispettava “in generale” tutti i valori e gli obiettivi stabiliti in materia, ad eccezione alcuni di essi superano gli obiettivi a lungo termine fissati per l’ossigeno. La qualità, in ogni caso, è stata influenzata dalle particelle arrivate dal continente africano. Queste sono solo alcune delle conclusioni che l’Esecutivo regionale ha tratto questo lunedì dall’ultima valutazione della qualità dell’aria, preparata a partire dalle misurazioni continue effettuate sui principali inquinanti atmosferici in cinque stazioni di monitoraggio della comunità.

Il rapporto, infatti, conferma “un ottimo stato della qualità dell’aria, una situazione abbastanza favorevole e una tendenza al miglioramento continuo negli anni, con piccole differenze che dipendono dal caldo e che influiscono su alcuni inquinanti”, ha spiegato il generale direttore della Qualità Ambientale, Cambiamenti Climatici e Acqua, José María Infante. Non sorprende che la qualità dell’aria sia stata “buona o ragionevolmente buona” nel 92% dei casi.

Le statistiche, che valutano i diversi inquinanti, evidenziano rispetto alle particelle PM10 che la qualità è stata “molto influenzata” nel 2023 dagli episodi di intrusioni sahariane, che l’hanno resa “regolare o sfavorevole” in due occasioni su tre. Per quanto riguarda i superamenti giornalieri del valore di 50 microgrammi per metro cubo (μ/m3), l’anno scorso se ne sono osservati sei dovuti a particelle arrivate dal continente africano e due per motivi antropici, che potrebbero provenire da “lavori agricoli o strade”. ».

Per quanto riguarda le particelle PM2,5, che sono “più fini e dannose per la salute”, i valori ottenuti sono stati “molto buoni, erano inferiori a 6 µ/m3 nell’agglomerato urbano della città e intorno a 7 µ/m3 in aree rurali. »La situazione è abbastanza favorevole, perché siamo ben al di sotto degli attuali valori limite annuali (20 µ/m3)«, assicura Infante.

Nel caso dell’ozono, l’area urbana di Logroño non ha mai superato il valore stabilito per le otto ore (120 µ/m3), mentre nelle aree rurali si sono verificati “due superamenti rispetto ai 25 ammissibili durante tutto l’anno, per “il quale la situazione è molto favorevole”. “Siamo in una situazione di rispetto delle normative vigenti, ma non in relazione agli obiettivi a lungo termine”. Nonostante ciò «abbiamo migliorato gli orari di punta. In città si è registrato un lievissimo aumento della media annua, ma è ancora ben al di sotto dei valori limite (siamo a 17 µ/m3).

I livelli di anidride solforosa, dal canto loro, erano “molto bassi” e in alcuni casi “testimoniali”. Nell’agglomerato urbano si sono registrati 1,3 milligrammi per metro cubo (rispetto ai 10 consentiti) e nell’area rurale un decimo, 0,7 µ/m3. Buoni risultati sono stati ottenuti anche per altri inquinanti, come il benzene. Quanto ai valori limite stabiliti per la protezione della vegetazione, quelli ottenuti per l’anidride solforosa e gli ossidi di azoto “sono stati abbastanza buoni, al di sotto delle soglie di valutazione”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-