Così ha reagito Alberto Gamero al pareggio dei Millonarios in Libertadores

Così ha reagito Alberto Gamero al pareggio dei Millonarios in Libertadores
Così ha reagito Alberto Gamero al pareggio dei Millonarios in Libertadores

Il tecnico azzurro ha analizzato il pareggio con Bolívar, le possibilità in Coppa e la rabbia dei tifosi.

Alberto Gamero era triste e deluso dal pareggio per 1-1 del Millonarios contro il Bolívar, nella quarta giornata del girone E della Copa Libertadores 2024, poiché è un risultato che lo lascia quasi eliminato per qualificarsi agli ottavi, e impegnato a raggiungere il posto nella Copa Sudamericana.

Dall’ultimo posto in classifica, il tecnico dell’Albiazul ha analizzato la partita contro il rivale boliviano, e ha dichiarato che si è trattato di “una partita complicata contro una grande squadra. Cadute di giocatori, infortunio di (Leonardo) Castro, di (Stiven) Vega, di Sander (Navarro). Ci è costato”.

Gamero ha aggiunto che “nel primo tempo entrambe le squadre hanno giocato bene, ma nella ripresa la situazione è stata più equilibrata; Non abbiamo avuto chiarezza. Ci hanno legato in una commedia che avevamo visto in diversi video, siamo stati disattenti. Questa sconfitta ci costerà molto”.

“Non è una decisione di tornare indietro o quello che vogliono i giocatori, il rivale ci fa tornare indietro e dove falliamo è in contropiede, è nel gestire la palla sui rimbalzi, è lì che perdiamo”, hanno continuato i Millonarios. allenatore.

Gamero ha parlato inoltre dei tifosi, che hanno finito per esprimere la loro rabbia per la campagna della Libertadores: “Domani sorge il sole e sabato avremo una partita importante. I tifosi si capiscono, il tifoso può gridare, noi no. Molte volte siamo più feriti noi del tifoso. Siamo feriti e so che il tifoso è ferito. È il nostro turno di riportare la gioia ai tifosi. E’ difficile qualificarsi alla fase a gironi, il nostro sogno era giocarcela, ma ci sono successe tante cose, abbiamo sempre in mente di dare gioia ai tifosi”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’ultimo scandalo di Mbappé al PSG: la fortuna che è in discussione
NEXT Un quarto di secolo dello storico Ríos-Zabaleta ad Amburgo