Il Papu Gómez ha parlato del suo futuro nel calcio

Il Papu Gómez ha parlato del suo futuro nel calcio
Il Papu Gómez ha parlato del suo futuro nel calcio

“Sarebbe stato più difficile se mi avesse preso in un’altra fase, a 20 o 25 anni. Ci sono cose più importanti. Non posso lamentarmi: ho la salute, gli amici, la famiglia”, ha dichiarato dialogando con l’As.

Inoltre, il centrocampista con un passato all’Arsenal de Sarandí, ha fornito dettagli su come continua il caso: “Continuiamo a fare appello agli avvocati e cerchiamo di ottenere una riduzione della pena. La sanzione era di due anni e stiamo vedendo se si può fare qualcosa per ridurla”.

“Vivo con pazienza, aspettando notizie positive. Spero che avvengano questo mese o il prossimo quando ci saranno novità. Vediamo se mi riducono la pena e potrò tornare a giocare”“, tenuto.

o_1716391467.jpg

Il Papu Gómez si allena per rimettersi in forma.

Gómez è risultato positivo al test antidoping di routine UEFA a metà novembre 2022, quando giocava ancora a Siviglia e prima del Mondiale 2022 in Qatar, ma la notizia è arrivata quasi un anno dopo, quando era già a Monza in Italia, dove riusciva a malapena a giocare due partite.

L’ex San Lorenzo, Atalanta d’Italia e Siviglia, sono stati sanzionati per “negligenza grave” dopo aver consumato terbutalinauna sostanza vietata dall’Agenzia mondiale antidoping (WADA), ma che non migliorerà le tue prestazioni.

Il giorno dopo aver appreso della sanzione, il calciatore ha pubblicato un comunicato sui suoi social network e ha dichiarato che per errore ha preso lo sciroppo per la tosse dal figlio più giovane.

Attualmente “Papu” Gómez è attivo sui social network, in cui condivide con i suoi follower i momenti che trascorre con la sua famiglia e la sua incursione nel mondo. pagaia con un gruppo di altri argentini, piace Denis tedesco E Esteban Cambiasso.

La figura della Nazionale argentina paragonata a Haaland, Lewandowski, Mbapé e Kane

Lautaro Martinezattaccante della Nazionale argentina e dell’Inter, Ha assicurato che potrà sedersi “allo stesso tavolo di Mbappé, Haaland, Lewandowski e Kane”, e ha fatto affidamento su “numeri e trofei” per sostenere la sua posizione.

Le dichiarazioni del “Toro” sono state rilasciate nel corso di un’intervista al media italiano La Gazzetta dello Sport. Lì, ha osservato: “Non ho nulla da invidiare. Lo dicono i numeri e i trofei. Alcuni di loro hanno guadagnato meno di me”.

Inoltre, lo ha sottolineato “Devo continuare a lavorare in modo responsabile come mi ha insegnato mio padre, ma posso sedermi allo stesso tavolo di tutti i grandi”.

Martínez sta vivendo la sua migliore stagione in Serie A dall’Italia con l’Inter, dove ha vinto il suo secondo scudetto da quando è arrivato nel paese nel 2018. Ha anche praticamente garantito di finire il torneo da marcatore per la prima volta nella sua carrierapoiché ha notato 24 gol e Dusan Vlahovic lo insegue con 16 con una sola data rimasta.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Bolivia: la rivale che ha strappato alla Colombia l’ultimo record di imbattibilità e l’ultima prova prima della Coppa
NEXT Marcela Gómez ha rivelato il motivo della partenza di Daniela Henao dall’America