“Between Walls and Desires”, del fotografo Mikel Muruzabal, risplende al Maisonnave Hotel

“Between Walls and Desires”, del fotografo Mikel Muruzabal, risplende al Maisonnave Hotel
“Between Walls and Desires”, del fotografo Mikel Muruzabal, risplende al Maisonnave Hotel

“Between Walls and Desires”, del fotografo Mikel Muruzabal, risplende al Maisonnave HotelIban Aguinaga

Quasi senza rendercene conto, Mikel Muruzabal (Pamplona, ​​​​1977) aveva la necessità di fare qualcosa con i sentimenti di “immobilità E frustrazione” che saturano il nostro tempo dalla crisi del 2008, che sono stati accentuati dalla pandemia e che oggi si intensificano con guerre continue come quelle in Ucraina e Palestina.

“Abbiamo sopportato anni difficili”, dice il fotografo di Pamplona, ​​riflettendo sul significato della sua serie Tra muri e desideriche sarà esposta fino al 30 settembre nel salone dell’ Hotel Maisonnave.

Un progetto di 8 fotografie stampate su alluminio con cui il Nuovo ciclo artistico del 2023/2024, una programmazione che già soddisfa dieci anni in cui più di 25 progetti opere artistiche di autori navarresi, nazionali e internazionali in uno spazio la cui filosofia è fare di più l’arte accessibile alle persone e influenzare la cultura della città.

Una risposta all’era post-COVID

Muruzabal riflette da una prospettiva alla volta introspettivo e stimolante riguardo a barriere ciò che affrontiamo e il auguri che ci tengono in piedi. Catturare letteralmente la figura di una donna intrappolato su blocchi di cemento, questa serie esamina l’impossibilità di movimento e l’insaziabile sete di libertà.

“Il bello della fotografia è che suggerisce, e lo spettatore completa il resto”

Mikel Muruzabal. Fotografo

Il bicchiere d’acqua, simbolo di bisogni primari non soddisfatti, completa ogni immagine, sottolineando la distanza tra la realtà e i nostri desideri. Tra muri e desideri nato in risposta al era post-COVID e il conflitti come il guerre in Ucraina e Palestinaoffrendo una riflessione inquietante sull’immobilità e la frustrazione che saturano il nostro tempo.

“Sembra che assumiamo tutte le ingiustizie e le difficoltà, le aggiungiamo e le aggiungiamo, e sembra che non abbiamo fine di sopportare”, dice il fotografo. Siamo, come la donna della tua serie, raggiunto nella trappola di un sistema che toglie la libertà. “In piedi nel cemento e con una sete che non possiamo placare; “Non possiamo ottenere ciò che vogliamo o ciò di cui abbiamo bisogno”, sottolinea l’autore.

Due visitatori contemplano una delle fotografie della serie “Between Walls and Desires”.

La fotografia oggi

Fotografo professionista con una lunga e riconosciuta carriera nel pubblicità per grandi marchi che si combina con progetti più personali e artistico che si muovono tra il paesaggio architettonico e il ritratto concettuale, Muruzabal assicura che, di fronte alla saturazione di immagini e brevi video che ci bombardano con accelerazione, molti giorni pensa “che la fotografia è morta; Ho la sensazione che non riesca più ad esprimere qualcosa e a farsi ascoltare”.

Nonostante ciò continua ad impegnarsi nel coltivare quest’arte per “suggerire, Questa è la bellezza della fotografia; e che spettatore completare il riposo”.

L’autore

Mikel Muruzabal lavora quotidianamente presso il fotografia pubblicitaria e CGI per marchi nazionali e internazionali (Sanex, Lay’s, Atlético de Madrid), e nel suo aspetto più artistico o personale si è mosso tra il panorama architettonico, con opere su Berlino, Los Angeles, Bilbao e Benidorm (quest’ultimo premiato con il premio Lux Oro) e il ritratto concettuale.

L’immobilità e la frustrazione hanno fatto immagine.

Altri premi al suo attivo ci sono il Fuji ProMaster e quello a lui più caro, il premio Rincones de Pamplona, ​​il primo concorso a cui ha partecipato e che lo ha incoraggiato a dedicarsi professionalmente alla fotografia. È stato scelto tra 10 fotografi in tutto il mondo per partecipare a TEN by Fotolia, una proposta di collaborazione tra fotografi e artisti digitali.

Il suo lavoro è stato pubblicato in riviste e libriprincipalmente da architettura (Questa parola brutale, Phaidon) e ampiamente presente sui siti web di creatività e fotografia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Eduardo Esteban di Soriano, secondo classificato all’VIII Salone Primaverile di Pittura Realista
NEXT Residenza LE/Architetti Associati