Ferrer-Dalmau fa rivivere il “più grande statista della storia della Spagna”

Lo studio del maestro odora di vernice; a ciò, e alle glorie passate trasmesse da tre decenni di tele pronte a inserire immagini nella storia nazionale. ABC dà la caccia ad Augusto Ferrer-Dalmau col pennello in mano, come un paziente cecchino alla ricerca di ritocchi che abbattere. È conosciuto come il pittore delle battaglie, il che non è cosa da poco, ma ammette che il suo nuovo lavoro copre molto di più. «Ho fatto un passo avanti; Questo è un dipinto storico. “Riflette un carattere molto importante del nostro passato e, inoltre, pone l’accento su un attore di primo piano nel corso dei secoli: la Chiesa”, afferma.

Di fronte a noi sta, impavido e gioioso, Francisco Jiménez de Cisneros; Cardinale Cisneros, wow. Lo fa dopo quella che fu la sua grande impresa militare: la conquista di Orano, avvenuta nel lontano 1509. E lo fa anche mostrandosi com’era in vita: un uomo che aveva la Spagna ai suoi piedi, sì, ma che mai austerità abbandonata per la quale i francescani piangevano.

«La scena racconta molto di lui. Guarda la sua cavalcatura”, dice Ferrer-Dalmau indicando il centro della scena. Infatti, colui che fu confessore di Isabella la Cattolica, arcivescovo di Toledo, reggente e terzo inquisitore generale di Castiglia, non viaggiava a cavallo… lo faceva su un mulo!

Non è l’unico segreto che nasconde la tela, una delle più grandi che il pittore di battaglie abbia illuminato nella sua lunga carriera – 2,5 metri di altezza per 2 di larghezza – ma è tra le prime a venire alla luce. Dopo Don Cisneros e il suo amato asinello –Benitillo lo chiamavano – arriva un torrente di personaggi che trasportano lo spettatore alla presa dell’odierna città algerina; l’ultimo desiderio che Elisabetta I aveva lasciato nel suo testamento.

Perché sì, il cardinale, che Ferrer-Dalmau ha riportato in vita con lineamenti duri e viso tagliente, ha lasciato questo mondo come ultimo protettore dei desideri di Sua Maestà cattolica.

Gloria ad Alcalá

«È un dipinto imponente. Ferrer-Dalmau è il pittore storicista di carattere epico più apprezzato, è un privilegio averlo raggiunto. Si unisce alla conversazione, al telefono, José Félix Huerta, presidente della bicentenaria Società dei Condueños. Dietro la commissione c’è il suo gruppo, fondato nel 1850 per preservare il “blocco fondativo dell’Università Cisneriana” di Alcalá de Henares. Con voce ferma ammette che si sta cercando di recuperare i beni mobili della città per esporli in una specie di museo. E cosa c’è di meglio che inserire in quella stanza un dipinto del Cardinale. Perché sì, fu proprio questo religioso a fondare e promuovere la famosa istituzione educativa già nel 1499.

Tuttavia, poiché c’è ancora tempo prima che trasformino la storica sala della Società dei Condueños in quel tanto atteso museo, per il momento la tela riposerà nell’Università stessa.

Schizzo del dipinto di Augusto Ferrer-Dalmau

AFD

«Mentre l’installazione viene adattata, brillerà nella cappella dove è sepolto Cisneros; “È la zona più visitata”, afferma Huerta. Lì, lo spirito del cardinale riposerà accanto a un’istantanea di quella che fu la sua grande impresa militare. “Abbiamo chiesto ad Augusto la possibilità di farlo fotografare mentre posava la prima pietra dell’Università, ma lui è stato chiaro: doveva essere un’impresa bellicosa”, aggiunge il presidente. E perché?, chiediamo. “In parte per la carica eroica… Anche se penso che perché potrebbe mettere i cavalli a Orano, li adora!”

Qua e là, a Orano o ad Alcalá, Huerta sottolinea che la grandezza di Cisneros non aveva eguali. E usa le parole dell’ispanista Joseph Pérez per definirlo: “Fu il miglior sovrano e il più grande statista di Spagna”. Quindi elenca i suoi successi, che sono stati molti; tra questi, la fondazione di quella che fu la forza motrice dell’Età dell’Oro «Per l’Università passarono grandi personaggi del mondo della cultura, delle arti e dell’esercito. I grandi capitani Alejandro Farnesio e Juan de Austria ne sono due esempi, così come i chierici che andarono in America”, firma. Il successo dell’istituzione fu tale che il suo modello fu successivamente esportato oltre Atlantico.

Riformatore

La Bibbia poliglotta, l’impulso della stampa… Le glorie di Cisneros si contano in abbondanza, come spiega María Fidalgo alla ABC. Dall’altro capo del filo, il dottore in storia dell’arte e consigliere di Ferrer-Dalmau svela anche un segreto sul dipinto: «Ha dipinto un dettaglio che pochi conoscono: il cardinale aveva il labbro leporino. In linea di principio, questa caratteristica avrebbe dovuto impedirgli di parlare normalmente, ma la realtà è che era un oratore straordinario. È un’ombra, niente di esagerato, ma abbastanza marcata perché il pubblico possa coglierla. La ciliegia del pittore.

Immagine della conquista di Orano

AUGUSTO FERRER-DALMAU

Ma ciò che più attira l’attenzione di Fidalgo è la grande sfida che Ferrer-Dalmau si è posto. «È un dipinto molto innovativo. Non avevo mai realizzato figure di queste dimensioni. Sono personaggi così grandi che quasi invadono lo spazio dello spettatore”, aggiunge. L’artista sorride e risponde: «Il mio è stato difficile per me. Circa dieci ore al giorno per tre mesi! Ora, conferma, lo aspetta l’Alamo. E l’Alamo? “Ti dirò…”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Casa VA / ET.co | ArchDaily in spagnolo
NEXT I paesaggi sognati da Muñoz Degraín si trovano a Valencia