Ex membri dell’EZLN si tolgono i passamontagna e raccontano la loro storia in un documentario

Guadalajara (Messico), 15 giugno (EFE).- Cinque ex membri dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) si sono tolti i passamontagna per raccontare come è nato il movimento armato che si ribellò al governo messicano nel 1994, per il documentario ‘ After of Weapons’, presentato in anteprima al Festival Internazionale del Cinema di Guadalajara (Messico occidentale).

“L’EZLN ha lasciato un segno in centinaia di famiglie del Chiapas, nel sud-est del Messico, che, pur vivendo ancora condizioni di emarginazione, hanno sperimentato cambiamenti sostanziali nella loro vita quotidiana, nei loro usi e costumi, il che fa parte anche della rivoluzione che il movimento ha provato”, ha detto la produttrice e giornalista Denise Maerker in un’intervista a EFE.

Il 30° anniversario della rivolta indigena è stato il momento ideale perché il documentario vedesse la luce e mostrasse per la prima volta le vite di Benito, Elisa, Mario, Felicia e Luis Miguel che guidarono o parteciparono agli scontri contro l’esercito messicano l’1 e 2 gennaio 1994.

Dall’intimità della loro vita quotidiana, i cinque ex miliziani spiegano gli ideali difesi dal movimento, il modo in cui è nata l’insurrezione armata e raccontano i momenti più critici dello scontro contro l’esercito messicano, guardando le immagini trasmesse in televisione in quel periodo.

Il movimento irruppe nella vita politica e sociale del Messico tre decenni fa alla ricerca di migliori condizioni di vita per gli indigeni stanchi dell’emarginazione e della povertà, che dichiararono guerra al governo messicano e si scontrarono per 12 giorni con l’esercito 200 morti e centinaia di feriti.

Dopo i negoziati per raggiungere la pace e il cambiamento nelle comunità indigene, l’EZLN ha organizzato il popolo del Chiapas per stabilire governi autonomi che portassero pace e prosperità alle loro comunità, basandosi sull’uguaglianza, elemento che ha lasciato il segno in coloro che vi sono cresciuti queste condizioni, soprattutto donne, ha spiegato Maerker.

“Quando vedi questi uomini e queste donne con questo legame così solidale e così orizzontale (te ne rendi conto) è una rivoluzione che queste donne abbiano un figlio a 32 anni, che siano capaci di sopravvivere nella giungla, che si sono armati, hanno sparato, dobbiamo capire tutto ciò che questo significa come cambiamento”, ha spiegato.

Vivere dall’uguaglianza

Héctor Laso, regista del documentario, ha spiegato in un’intervista all’EFE che questo lungometraggio parla di ciò che si può ottenere quando le relazioni si basano sull’uguaglianza e sul rispetto.

“Sapevamo che volevamo concentrarci lì, perché dando la prospettiva di genere non si parla solo di donne e lo dice il maggiore Mario, per eliminare il machismo si comincia prima dall’uguaglianza e questo porta alla pace, si parlava di uomini e donne che hanno cambiato il loro stile di vita, il loro modo di trattarsi e si sono parlati da pari a pari,” ha indicato.

Ha aggiunto che ciò che gli ex miliziani hanno imparato con l’EZLN, oltre alle strategie militari e di combattimento, è stato vedere il mondo in un modo diverso che ha influenzato la loro vita e quella della loro comunità.

“Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che questo non solo rimane ciò che era lo zapatismo, ma che trascendeva la sua vita attuale e trascende i suoi figli”, ha detto.

Laso ha sottolineato il valore dei cinque personaggi che hanno accettato di rivelare la propria identità e di raccontare i rischi e i sacrifici che hanno dovuto affrontare per far parte di un movimento che trascendeva i confini.

“Non avevano raccontato questa storia, non avevano deciso di parlare, mi sembra che da lì inizi la trascendenza perché, oltre a parlare di zapatismo, oggi parlano della storia dei cinque personaggi e penso che sia già un risultato”, ha spiegato.

‘After the Weapons’ compete nella sezione ufficiale del festival di Guadalajara per il Premio Mezcal per il miglior cinema messicano e sarà proiettato in altri due festival.

(c) Agenzia EFE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Solo 5 mesi di attesa per il prossimo film “Il Signore degli Anelli”: la nuova immagine mostra l’eroina della storia – Notizie sul film