L’uomo che sfida il tempo: a 110 anni vive solo, guida ogni giorno e offre 6 consigli sulla longevità

L’uomo che sfida il tempo: a 110 anni vive solo, guida ogni giorno e offre 6 consigli sulla longevità
L’uomo che sfida il tempo: a 110 anni vive solo, guida ogni giorno e offre 6 consigli sulla longevità

Vincent Dransfield, 110 anni, si distingue per longevità e vitalità. Crediti: Erica Lista/Instagram

Vincent Dransfield, residente a 110 anni di Little Falls, nel New Jersey, è una testimonianza vivente di longevità e vitalità. Nato il 28 marzo 1914Dransfield ha attraversato più di un secolo di storia e la sua vita è un esempio di determinazione, servizio alla comunità e ottimismo incrollabile.

Secondo il Gerontology Research Group, Dransfield è attualmente in classifica ottavo posto tra gli uomini più anziani del mondo. Nonostante la sua età avanzata, mantiene una vita straordinariamente attiva e indipendente. Vive da solo a casa sua dal 1945 e guida ancora ogni giorno la sua macchina per comprare il caffè e il pranzo, un fatto che stupisce la sua famiglia e i suoi amici.

“Guida perfettamente, meglio di altre persone che vedo.”commenta la nipote Erica Lista TODAY.com. Anche i medici si meravigliano della sua capacità di recupero: recentemente, quando Dransfield ha richiesto un’endoscopia, il personale medico è rimasto sorpreso nell’apprendere che solo Aveva già ricevuto l’anestesia una volta in tutta la sua vita.

Al di là della sua longevità, ciò che distingue Dransfield è la sua salute invidiabile. Ha evitato gravi malattie e mantiene una mente e un corpo in forma. “Sono stato molto, molto, molto fortunato nella mia vita”riflette con gratitudine.

Residente nel New Jersey dal 1914, Dransfield è un emblema della storia vivente. Credito: Singacfirecompany3/Instagram
Residente nel New Jersey dal 1914, Dransfield è un emblema della storia vivente. Credito: Singacfirecompany3/Instagram

Per Dransfield, i vigili del fuoco volontari di Little Falls sono stati una fonte scopo costante e cameratismo. Per più di 80 anni rimase attivo nel dipartimento, ricoprendo per un periodo anche il ruolo di capo. Dopo la morte della moglie nel 1992, la caserma dei pompieri divenne la sua seconda famiglia, un luogo dove trovò conforto e compagnia.

Avendo lavorato in una fattoria dall’età di 15 anni, Dransfield attribuisce la sua robustezza fisica, in particolare la salute delle sue ossa, al consumo abbondante di latte durante la sua giovinezza. Ancora oggi, a 110 anni, beve ogni giorno dopo colazione un bicchiere di Ovaltine, un integratore alimentare e aromatizzante del latte.

Anche se non è mai stato un fan delle palestre o dei pesi, Dransfield Ha continuato a muoversi per tutta la vita. Il suo lavoro come vigile del fuoco volontario per decenni gli ha fornito l’esercizio quotidiano di cui aveva bisogno. “Sono stato attivo e correvo quando è suonato l’allarme per 40 anni”, ricorda.

Dransfield non è mai stato troppo severo con la sua dieta. Gli piace la cucina italiana, gli hamburger, le insalate, il cioccolato al latte e altri dolci. Beve una tazza di caffè ogni giorno e occasionalmente beve birra. A 110 anni cucina ancora da solo, anche scaldando la zuppa sul fornello o usando il microonde per i piatti pronti.

All’età di 50 anni, Dransfield iniziò a fumare, ma circa due decenni dopo decise di smettere. “Un giorno mi disse che avrebbe smesso di fumare” ricorda la nipote Erica. “Ha buttato via le sigarette e basta. “Non ha mai più fumato.”

Dransfield si considera un ottimista. Ha un grande senso dell’umorismo e gli piace conoscere i nomi di tutti in città. “Conoscere e amare le persone mi fa vivere più a lungo”, si precisa. Anche dopo la morte della moglie era determinato a continuare a vivere con un atteggiamento positivo e allegro.

Nonostante le inevitabili sfide che derivano da una vita così lunga, Dransfield mantiene un atteggiamento decisamente positivo. “Rimango positivo. “Non penso mai diversamente quando qualcosa non va” sottolinea Oggimostra.

Oltre 80 anni di servizio con i vigili del fuoco volontari di Little Falls. Credito: Singacfirecompany3/Instagram
Oltre 80 anni di servizio con i vigili del fuoco volontari di Little Falls. Credito: Singacfirecompany3/Instagram

Questa mentalità ottimistica gli ha permesso di superare le difficoltà e di apprezzare le benedizioni della sua straordinaria longevità. Anche a 110 anni, il suo spirito gioviale rimane intatto. Quando gli viene chiesto come si sente, scherza dicendo che è pronto a farlo “indossa guanti da boxe e scatola”.

In definitiva, la vita di Vincent Dransfield è una testimonianza del potere di perseveranza, connessione con la comunità e atteggiamento positivo.

Attraverso gli alti e bassi di oltre un secolo, ha dimostrato che la longevità non riguarda solo gli anni su un calendario, ma la ricchezza di esperienze e relazioni che si coltivano lungo il percorso. “Sto bene e spero che il buon Dio mi mantenga così” riflette con il suo caratteristico mix di gratitudine e ottimismo.

Vincent Dransfield consuma latte quotidianamente e lo arricchisce di vitamine, minerali, proteine ​​e antiossidanti. (Immagine illustrativa Infobae)
Vincent Dransfield consuma latte quotidianamente e lo arricchisce di vitamine, minerali, proteine ​​e antiossidanti. (Immagine illustrativa Infobae)

Questo prodotto è un integratore alimentare che viene aggiunto al latte per dargli sapore e arricchirlo dal punto di vista nutrizionale. È stato sviluppato in Svizzera all’inizio del XX secolo e da allora è popolare in molti paesi.

Viene venduto in polvere e mescolato con latte caldo o freddo. Ha un sapore di cioccolato e latte al malto che contiene malto, orzo, latte, cacao, vitamine e minerali. Non contiene caffeina, aromi o dolcificanti artificiali.

Il suo ingrediente principale è l’estratto di malto, che viene combinato con altri ingredienti come cacao, vitamine e minerali.

Alcuni dei benefici nutrizionali che potresti aggiungere al latte includono:

1. Vitamine: A seconda della formulazione, può contenere diverse vitamine, come A, C, D, B6 e B12.

2. Minerali: il marchio include spesso minerali come ferro, zinco e calcio.

3. Proteine: Alcune varietà del prodotto hanno un contenuto proteico significativo.

4. Antiossidanti: Il cacao fornisce antiossidanti come i flavonoidi.

Svantaggi:

Ha un alto contenuto di zuccheri aggiunti, che possono avere effetti negativi sulla salute.

Una porzione di Ovaltine contiene fino a 9 grammi di zucchero aggiunto sotto forma di zucchero da tavola, maltodestrina e melassa.

consumare troppo Lo zucchero aggiunto è stato collegato a diverse malattie cronichecome il malattie cardiache, ipertensione e diabete di tipo 2secondo PubMedCentral.

Gli studi suggeriscono che uno stile di vita sano è la chiave per una maggiore longevità, ma i fattori genetici acquistano importanza in età estreme (immagine illustrativa Infobae).
Gli studi suggeriscono che uno stile di vita sano è la chiave per una maggiore longevità, ma i fattori genetici acquistano importanza in età estreme (immagine illustrativa Infobae).

Anche se non sembra, i supercentenari camminano tra noi. Sono quella manciata di esseri umani straordinari che hanno raggiunto o superato i 110 anni di vita. In un mondo in cui l’aspettativa di vita media è di circa 72,6 anni, Secondo i dati delle Nazioni Unite, questi individui eccezionali sfidano le leggi della longevità.

Ma, Chi sono davvero i supercentenari? Come sono riusciti a prolungare la loro vita oltre ogni immaginazione? Uno sguardo alle statistiche rivela alcuni dati interessanti.

Trovare un supercentenario è come cercare un ago in un pagliaio. In Giappone, il Paese con la più alta prevalenza di centenari al mondo, nel 2015 si contavano solo 146 supercentenari su una popolazione totale di 127 milioni. Ciò significa che c’era un supercentenario ogni 871.600 persone.

In Francia il tasso è ancora più basso. Nel 2016 si contavano circa 56 supercentenari su una popolazione di quasi 64 milioni di abitanti, ovvero uno ogni 1,1 milioni di persone. Entro la fine del 2022, il numero è sceso a 33 supercentenari viventi, ovvero uno ogni 1,9 milioni di francesi.

Le donne hanno un vantaggio schiacciante nella maratona della longevità. Tra i centenari, il L’85% sono donne e solo il 15% sono uomini. E con l’avanzare dell’età il divario si allarga. Tra i supercentenari, la prevalenza femminile può raggiungere il 90%, secondo la Chobanian & Avedisian School of Medicine.

Paradossalmente, però, gli uomini supercentenari tendono ad essere più in forma e più sani delle donne. Una possibile spiegazione è questa Gestiscono meglio le malattie legate all’età.mentre hanno un rischio maggiore di morire a causa loro.

Pertanto, gli uomini che riescono a sopravvivere fino a un’età così avanzata devono essere relativamente più sani.

Secondo le tabelle di vita del CDC statunitense del 2018, 2.5% delle ragazze bianche e Lo 0,9% dei bambini bianchi alla nascita vivrà fino a 100 anni. Per gli afroamericani sì 3,2% delle ragazze e 1,1% dei ragazzi. E per gli ispanici, il 5,6% delle ragazze e 2,2% dei ragazzi.

Ma raggiungendo età anche più anziane, come 105 o 110 anni, è molto più raro. Solo il 0,23% delle donne e 0,05% degli uomini Raggiungeranno i 105 anni. E proprio il 0,02% delle donne e Lo 0,003% degli uomini supererà i 110 anni.

Secondo le statistiche, solo una piccola parte della popolazione raggiungerà i 100 anni, e una percentuale ancora più piccola raggiungerà i 110 anni. (infobae immagine illustrativa)
Secondo le statistiche, solo una piccola parte della popolazione raggiungerà i 100 anni, e una percentuale ancora più piccola raggiungerà i 110 anni. (infobae immagine illustrativa)

Studi su gemelli identici cresciuti separatamente lo suggeriscono Il 70-80% della longevità è dovuta a fattori ambientali e il 20-30% a fattori genetici. Avventisti del settimo giorno della Loma Linda University, noti per le loro sane abitudini come vegetarianismo, esercizio fisico regolare e astensione dal tabacco, Hanno un’aspettativa di vita di 86 anni per gli uomini e di 89 anni per le donne, tra le più alte degli Stati Uniti.

Ma man mano che l’età avanza, la componente genetica di eccezionale longevità diventa sempre più importante, soprattutto per chi ha più di 106 anni. Gli studi sui fratelli di centenari e supercentenari mostrano che l’estrema longevità ha una forte componente familiare.

I supercentenari ci ricordano che i limiti della vita umana non sono ancora scolpiti nella pietra.

Forse un giorno, con i progressi della scienza e uno stile di vita ottimale, raggiungere i 110 anni o più sarà alla portata di molti. Nel frattempo, questi straordinari esseri umani continueranno a sfidare il tempo e a meravigliarci con la loro longevità.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza