Gli sgomberi forzati continuano a colpire le comunità in Guatemala (+Foto)

Da un mese ormai, 160 Maya Q’eqchi’, tra cui donne incinte, bambini e anziani, vivono sotto gli alberi, dormono per terra, senza cibo e soffrono di malattie della pelle, ha riferito il media locale Plaza Pública.

Il gruppo è stato sfrattato e ha trovato rifugio sul terreno occupato da un’altra comunità, ma esiste anche un’ordinanza del tribunale che chiede di espellere coloro che gli hanno concesso rifugio, ha aggiunto.

Questi ultimi, ha riferito anche Prensa Comunitaria, sono sul posto da circa nove anni, da quando nell’agosto 2015 hanno subito una catastrofe naturale nella Sierra Santa Cruz, da dove erano originari, e sono stati costretti a trasferirsi.

Complessivamente, 60 famiglie (30 per ciascuna) rischiano di rimanere senza casa entro due giorni, secondo quanto riferito da Buena Vista e Santa Rosita, appartenenti al comune di El Estor, dipartimento caraibico di Izabal.

Inoltre, altre notizie hanno coinciso, per lo stesso 26 di questo mese il Tribunale di primo grado penale e narcotici di Alta Verapaz ha ordinato lo sgombero della Finca Las Delicias y Dolores.

Gli sfollati (si stima 40 famiglie, per un totale di 125 persone) saranno ospitati dal comune di Cobán e il Pubblico Ministero ha chiesto sostegno per garantire loro il cibo.

Nel caso di Buena Vista e Santa Rosita, il governatore di Izabal, Carlos Tena, è arrivato il giorno prima per conoscere la situazione delle famiglie, per ordine del presidente Bernardo Arévalo e della first lady della nazione, Lucrecia Peinado, ha detto .

Dopo un incontro sul posto, il direttore esecutivo della Commissione presidenziale per la pace e i diritti umani, Oswaldo Samayoa, ha dichiarato che non esiste alcun coordinamento tra l’esecutivo e la magistratura per prendersi cura degli sfrattati e applicare bene i protocolli a El Estor.

Attraverso il suo profilo sul social network

I protocolli ci obbligano a conoscere per poter partecipare. È tempo di consigliare al dipartimento di coordinarsi, ha sottolineato.

Il Comitato di unità contadina (CUC), una delle organizzazioni storiche di contadini che difendono le comunità rurali, ha segnalato il 22 maggio, in relazione a Buena Vista, che lo sgombero è stato promosso da un ordine con “discutibili irregolarità”.

Ha invitato le autorità e la comunità internazionale a intervenire e a rispettare il giusto processo e i diritti umani delle famiglie Q’eqchi’.

Lo stesso CUC del Guatemala ha condannato l’11 le minacce, gli sfratti e le azioni violente attuate in diverse comunità rurali che hanno provocato due morti.

jf/znc

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile