Estrazione illegale: impongono nove mesi di detenzione preventiva per gli agenti di polizia coinvolti in attività illecite in Amazzonia

Estrazione illegale: impongono nove mesi di detenzione preventiva per gli agenti di polizia coinvolti in attività illecite in Amazzonia
Estrazione illegale: impongono nove mesi di detenzione preventiva per gli agenti di polizia coinvolti in attività illecite in Amazzonia

I tre agenti di polizia accusati sono Alex Ivan Maco Vilcherrez, Isaac Rosillo Palacios e Richard Armando Rengifo Pérez. Foto: GTANW

Martedì la Magistratura ha ordinato nove mesi di detenzione preventiva nei confronti di cinque cittadini ecuadoriani e quattro peruviani, tre dei quali agenti di polizia, indagati per tentato crimine minerario illegale nella regione dell’Amazzonia.

Il provvedimento è stato emesso dopo essere stato sorpreso a partecipare ad attività legate all’economia illecita il 18, quando il gruppo Charipaffiliato al Governo Territoriale Autonomo della Nazione Wampis (GTAW), sono stati arrestati nei pressi della comunità Villa Gonzaloche circonda il fiume Santiago, nella provincia di Condorcanqui.

Luogo dell’Amazzonia peruviana dove, nonostante gli interventi dell’Esercito e della Polizia, l’estrazione illegale dell’oro continua ad espandersi, mentre vengono denunciati atti di molestie, minacce e abusi sessuali contro le comunità indigene da parte di gruppi dediti a tale attività illecita

Gli imputati sono stati catturati mentre trasportavano macchinari utilizzati nell'attività mineraria illegale acquisiti in Ecuador. Ora vengono perseguiti per contaminazione ambientale. Foto: GTANW
Gli imputati sono stati catturati mentre trasportavano macchinari utilizzati nell’attività mineraria illegale acquisiti in Ecuador. Ora vengono perseguiti per contaminazione ambientale. Foto: GTANW

Attraverso un comunicato, la Wampis Nation – primo governo indigeno autonomo del Paese – ha precisato che il procedimento giudiziario si svolge sotto la supervisione del Tribunale di pace legale e indagine preparatoria di Río Santiago.

Tra gli arrestati, come sopra spiegato, ci sono sia cittadini peruviani che ecuadoriani, questi ultimi, legati all’acquisizione illegale di macchinari minerari in Ecuador, sono accusati per l’impatto negativo sul loro territorio.

Allo stesso modo, hanno indicato che la Procura, durante il processo, ha presentato prove convincenti a sostegno delle accuse degli indigeni. Tuttavia, anche se le persone coinvolte hanno presentato ricorso contro la decisione del tribunale, sono già state trasferite al Carcere di San Huberto de Bagua Grandein Amazzonia.

Da parte loro, i wampi hanno accolto con favore la rapida risposta giudiziaria all’incidente e hanno evidenziato questo caso come un precedente nel trattamento e nella punizione dei crimini ambientali, che storicamente erano rimasti impuniti.

Elio Sesen, avvocato della nazione indigena, ha dichiarato sul caso: “Abbiamo depositato l’atto di comparizione per difendere gli interessi del governo Wampis. Tuttavia, lo Stato peruviano fino ad ora non ci tratta come parte del processo penale, ma piuttosto come qualcuno che ha un interesse. Allora saremo vigili, collaboreremo anche con mezzi probatori per cooperare al lavoro della Procura. Bene, noi come GTANW [Gobierno Territorial Autónomo de la Nación Wampís] “Cerchiamo sempre la protezione, un rapporto armonioso con l’ambiente.”

I cittadini peruviani ed ecuadoriani detenuti dai wampi vicino a Villa Gonzalo si trovano ora in detenzione preventiva a Bagua. Foto: GTANW
I cittadini peruviani ed ecuadoriani detenuti dai wampi vicino a Villa Gonzalo si trovano ora in detenzione preventiva a Bagua. Foto: GTANW

La delegazione del Governo Territoriale Autonomo della Nazione Wampis (GTAW) ha intrapreso un nuovo viaggio nella capitale con l’obiettivo di dare seguito agli importanti accordi raggiunti con il Governo, per combattere l’estrazione mineraria illegale e altre attività estrattive che minacciano le loro terre ancestrali.

Questi accordi, firmati il ​​7 febbraio e il 23 aprile nella comunità di Villa Gonzalosituato sulle rive del fiume Santiago in Amazonas, sarà rivisto tra il 6 e 12 maggio.

Secondo i Wampi, queste azioni avvengono in un momento critico per la difesa dei loro diritti e la tutela del loro territorio. Pertanto, durante le date stabilite, accompagnati da esperti ambientali, ribadiranno il loro sforzo e impegno per preservare le loro terre e promuovere pratiche sostenibili che assicurino la vita delle loro comunità.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il campo ha criticato le restrizioni: : Mirador Provincial: : Santa Fe News
NEXT L’Avana e Ankara pronte per un’altra tappa nelle loro relazioni › Mondo › Granma