Siamo di fronte ad una nuova corsa agli armamenti tra Cile e Argentina?

Siamo di fronte ad una nuova corsa agli armamenti tra Cile e Argentina?
Siamo di fronte ad una nuova corsa agli armamenti tra Cile e Argentina?

Martedì 16 aprile di quest’anno, Deutsche Welleuno dei media più importanti del mondo ha dichiarato che “l’Argentina ha firmato un contratto che le permetterà di acquisire dalla Danimarca 24 caccia F-16 utilizzati in Danimarca. Sebbene queste navi di produzione americana siano di seconda mano, sono state rinnovate con tecnologia all’avanguardia (…). Il Paese sudamericano riceverà un primo lotto di aerei nel 2025 e spera di completarne l’acquisto nel 2028. Per un totale di 650 milioni di dollariil governo di [Javier] Milei Acquisirà inoltre motori, pezzi di ricambio, simulatori e attrezzature per l’addestramento” (Vedere qui).

Di fronte a questo fatto, Camila VallejoMinistro Segretario Generale del Governo del Cile, in dichiarazioni replicate da Infodefensa.com, un media specializzato in questioni di difesa, ha espresso: “quando si tratta delle decisioni di altri paesi in materia di difesa, dobbiamo stare attenti (…). Non spetta all’autorità del nostro governo, come non spetterebbe a un altro governo di un altro paese, pronunciarsi sulle strategie o sull’acquisizione di nuove capacità in materia di difesa, o sui suoi acquisti con altri paesi in termini di armi. o altrimenti ( …)”. Si trattava di un’affermazione cauta che non faceva riferimento alla sostanza della questione. Non sono inoltre note dichiarazioni del Ministero della Difesa Cileno.

L’acquisto di 24 moderni aerei da combattimento -per il Sud America-, che in questo momento sono le principali armi di cui dispongono gli Stati, Si realizza nel quadro del rifiuto argentino della concezione cilena della piattaforma continentale, che ha aperto una nuova controversia sui confini..

Pertanto, è probabile che questo fatto sia l’inizio di una nuova corsa agli armamenti tra i due paesi.

Poco più di cento anni fa, nell’ultimo ventennio dell’Ottocento, esisteva un’enorme disputa per l’ottenimento di armi tra Cile e Argentinail cui aspetto più rilevante fu l’acquisto di navi da guerra corazzate che, a quel tempo, erano le re dei conflitti armati.

Nel 1884, alla fine del Guerra del PacificoIl Cile aveva una delle flotte più grandi del Sud America con tre corazzate (“Bianco imbiancato“, “Cochrane” E “Huascar). Di fronte alla minaccia di un conflitto militare con l’Argentina, acquistò l’incrociatore protetto”Smeraldo” che aveva armi ad alta potenza (5 cannoni rotanti Hotchkiss da 37 millimetri; 2 cannoni da 6 libbre; 6 cannoni da 6 pollici; 2 cannoni da 10 pollici; 3 tubi lanciasiluri da 14 pollici).

L’Argentina ha risposto immediatamente acquisendo il monitor della torretta centrale”Ammiraglio Brown” e la crociera protetta “Patagonia” (1 cannone Armstrong da 250 mm; 2 cannoni Armstrong da 150 mm; 4 cannoni Armstrong da 87,5 mm; 2 cannoni Armstrong da 62,5 mm, tra le altre armi).

Le forze navali erano più o meno uguali, ma di fronte al conflitto imminente entrambe le parti volevano assicurarsi la superiorità navale. Pertanto, qualche anno dopo, il Cile ordinò la costruzione della corazzata “Capitano Prat”, due incrociatori protetti e due torpediniere, che furono lanciati in mare nel 1890.

Il governo argentino ha risposto ordinando alle corazzate “Indipendenza” E “Libertà”. Cinque anni dopo, il paese vicino inasprisce la disputa acquisendo la “Garibaldi”, un potente incrociatore corazzato italiano della classe Giuseppe Garibaldi (1 cannone da 254 mm; 2 cannoni da 203 mm; 14 cannoni da 152 mm; 10 cannoni da 76 mm; 6 cannoni da 47 mm; e 4 tubi lanciasiluri da 450 mm).

Il Cile non è rimasto indietro, ha ottenuto l’incrociatore corazzato “O’Higgins” (4 cannoni da 203 mm in torrette singole; 10 cannoni da 152 mm; 4 cannoni da 119 mm; 20 cannoni più piccoli; 5 tubi lanciasiluri da 18″), altro sei torpediniere. Immediatamente il governo argentino alzò la posta e incaricò l’impresa italiana Ansaldo la costruzione di tre incrociatori corazzati.

Con queste grandi acquisizioni le forze rimasero più o meno equilibrate, ma con l’obiettivo di avere la superiorità assoluta, Nel 1901 entrambi i paesi noleggiarono più navi. La Marina argentina acquistò altri due incrociatori corazzati dall’Italia e la Marina cilena rispose ordinando la costruzione di due corazzate Pre-dreadnought di classe Constitution nei cantieri britannici (avevano una batteria principale di cannoni di calibro molto pesante nelle torrette, supportata da una batteria secondaria accendino).

L’Argentina ha risposto firmando lettere di intenti con la società Ansaldo per la costruzione di due grandi corazzate della classe Littorio (9 cannoni da 381 mm; 12 cannoni da 155 mm; 12 cannoni da 90 mm; 20 cannoni da 37 mm; 30 cannoni da 20 mm). Infine, nel 1902, il Cile acquistò l’incrociatore protetto “Chacabuco”, dai cantieri inglesi.

La corsa per la supremazia navale tra Cile e Argentina si concluse nel 1902 con la Trattato di equivalenza navale, pace e amicizia (“Patti di maggio”), sottoscritti dai governi del Riesco tedesco E Julio Argentino Roca.

Per rispettare l’accordo entrambi i paesi vendettero o annullarono la costruzione delle navi che avevano ordinato e tre navi da guerra furono dismesse per bilanciare le flotte. Per significare la fine della competizione sugli armamenti, Nel marzo 1904 fu inaugurato il monumento al Cristo Redentore al Passo Uspallata.. La sua targa dice: Queste montagne crolleranno per prime, prima che argentini e cileni rompano la pace giurata ai piedi di Cristo Redentore.

Gli enormi acquisti di navi da guerra che assicuravano la supremazia sui mari e la vittoria in una guerra erano possibili perché Il Cile aveva entrate enormi dal nitrato e l’Argentina dalla vendita dei cereali. nei mercati internazionali.

Il recente acquisto argentino di aerei F-16 riequilibra il bilancio aereo, pilastro fondamentale di ogni conflitto moderno, quindi Sicuramente il Ministero della Difesa, insieme all’alto comando dell’Aeronautica Militare cilena, sta analizzando le opzioni per acquisire nuovi aerei che gli daranno la supremazia nei cieli..

Come avvenne più di un secolo fa, L’acquisto di materiale bellico moderno dall’Argentina potrebbe essere l’inizio di una nuova corsa agli armamenti. Poiché i paesi mantengono importanti differenze di confine, le loro forze armate difficilmente vorranno essere lasciate indietro. Nei prossimi mesi vedremo come reagirà il governo cileno a questo scenario.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Mercoledì 19 giugno si è registrato un leggero calo nella città di Salta
NEXT Siamo felici di condividere con la gente di Sancti Spiritus la meritata celebrazione del 26 luglio – Escambray