Relazione di convivenza dopo il matrimonio non consentita dall’Islam: Alta Corte

Relazione di convivenza dopo il matrimonio non consentita dall’Islam: Alta Corte
Relazione di convivenza dopo il matrimonio non consentita dall’Islam: Alta Corte

Un seguace dell’Islam non può avere una relazione di convivenza dopo il matrimonio, ha affermato la corte. (Rappresentativo)

Lucknow:

Il tribunale di Lucknow dell’Alta Corte di Allahabad ha affermato che un seguace dell’Islam non può avere una relazione di convivenza, in particolare se il coniuge è vivo.

“I principi islamici non consentono relazioni di convivenza durante il matrimonio esistente. La posizione potrebbe essere diversa se le due persone non sono sposate e le parti, da adulti, scelgono di condurre la propria vita in un modo proprio”, ha detto la panchina mercoledì. .

Con questa osservazione, il giudice AR Masoodi e il giudice AK Srivastava hanno rifiutato di fornire protezione di polizia ai firmatari Sneha Devi e Mohd Shadab Khan, entrambi nativi del distretto di Bahraich.

I firmatari affermavano che avevano una relazione convivente, ma i genitori della donna hanno presentato un FIR contro il signor Khan per aver rapito e indotto la loro figlia a sposarlo.

I firmatari hanno chiesto protezione alla polizia affermando di essere adulti e, secondo un’ordinanza della Corte Suprema, di essere liberi di convivere.

Dopo un’indagine, la giuria ha scoperto che Khan era già sposato (con una certa Farida Khatoon nel 2020) e aveva persino una figlia. Considerando questo fatto, il tribunale ha rifiutato di fornirgli protezione di polizia sulla base del verdetto della SC che consente una relazione convivente. La Corte ha invece affermato che l’Islam non consente un simile rapporto, soprattutto nelle circostanze del caso di specie.

Affermando che la moralità costituzionale e la moralità sociale in materia di istituto matrimoniale richiedono un equilibrio, senza il quale la coerenza sociale per raggiungere l’obiettivo della pace e della tranquillità nella società svanirebbe e scomparirebbe, il tribunale ha ordinato alla polizia di inviare la firmataria Sneha Devi ai suoi genitori sotto sicurezza.

La Corte ha osservato: “La moralità costituzionale può venire in soccorso di una tale coppia e la moralità sociale stabilita attraverso usi e costumi nel corso dei secoli può lasciare il posto alla moralità costituzionale e la protezione ai sensi dell’articolo 21 della Costituzione indiana può intervenire per intervenire”. proteggere la causa. Il caso che ci troviamo di fronte, tuttavia, è diverso.”

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Devolver Digital festeggia il 15° compleanno di Volvy con un Devolver Direct che promette grandi novità
NEXT Esplosione e incendio in un’abitazione a San Martín: due persone ferite