La storia dietro Alejandro Cáceres, l’hacker che ha lasciato la Corea del Nord senza internet

La storia dietro Alejandro Cáceres, l’hacker che ha lasciato la Corea del Nord senza internet
La storia dietro Alejandro Cáceres, l’hacker che ha lasciato la Corea del Nord senza internet

Nel 2022, un uomo, da solo, ha lasciato la Corea del Nord senza Internet dalla comodità della sua casa in Florida, negli Stati Uniti. Alejandro Cáceres, americano di genitori colombiani, è riuscito a paralizzare i servizi di connettività nel paese asiatico per una settimana e mezza dopo il suo attacco, come confermato in un’intervista a ‘W radio’.

Contrariamente a quanto molti potrebbero pensare, Cáceres non ha compiuto l’attacco per ottenere informazioni dal governo nordcoreano. La sua motivazione era qualcosa di personale: voleva ricambiare il colpo che le spie di quel paese gli avevano inferto quando cercavano di rubare informazioni dal suo computer.

L’hacker ha effettuato l’attacco dietro il file pseudonimo ‘P4x’ e ha detto a “W” di aver escogitato il suo piano perché un agente gli ha chiesto aiuto e ha finito per hackerarlo. “Ho parlato con l’FBI, con il Dipartimento della Difesa e nessuno ha detto nulla”, ha detto.

“Bisognava fare qualcosa. Credo che se qualcuno ti attacca, devi rispondere.“, ha detto in un’altra intervista al quotidiano “El País”.

Cáceres ha sottolineato che questo piano è finalizzato al Governo, ma non per ottenere informazioni segrete. Inoltre, non è stato per la loro popolazione, perché “nessuno di loro ha accesso a Internet”.

Nelle dichiarazioni al suddetto giornale ha rivelato la sua identità e sembra non avere paura. Ha però preso misure per la sua sicurezza: “Non mi piacciono le armi, ma parlando con soldati e agenti dei servizi segreti mi hanno detto che potevano succedere delle cose. Quindi ora sul mio tavolo ho la tastiera, il mouse, il microfono e… pistola“, detto a loro.

Da quando ha hackerato Internet, nessuno lo ha attaccato

Alejandro Cáceres, chi ha 39 anni ed è il proprietario della sua società di sicurezza informatica, Hyperion Gray, ha affermato che, prima di eseguire il suo attacco, ha esaminato alcune informazioni di base.

“In questo tempo nessuno mi ha aggredito. Prima di fare quello che ho fatto, ho guardato i numeri. Negli ultimi 45 anni, il regime nordcoreano ha ucciso solo due persone: uno era il fratello di Kim Jong-un e l’altro, un americano che si trovava nel Paese”, ha assicurato a ‘El País’.

Alejandro Cáceres, americano di genitori colombiani, è riuscito a paralizzare i servizi di connettività nel paese asiatico.

Foto:iStock

Tuttavia, ha vissuto una situazione particolare che lo ha insospettito. Una volta, tramite un’app di appuntamenti, ha incontrato una donna che affermava di essere una neuroscienziata canadese-giapponese.

“Quando ci siamo incontrati ho visto che era chiaramente coreana. Ho anche verificato che chi scriveva i messaggi fosse qualcun altro (…) Ho iniziato a cercare informazioni su di lei e non ho trovato nulla. Lei mi ha detto che aveva ha cambiato nome perché era imparentata con un dittatore della Corea del Nord”, ha detto al giornale.

Inoltre, ha dichiarato che ciò è accaduto nel marzo di quest’anno, prima di rivelare chi fosse.

Cáceres ha affermato di aver collaborato con agenzie statunitensi e che con la sua azienda ha potuto lavorare con il Pentagono e diverse organizzazioni. Molti si sono interessati al suo attacco e lo hanno contattato per sapere come ha fatto.

Tuttavia, il suo rapporto con loro non è stato del tutto buono: “Il mio attacco alla Corea del Nord è stato una risposta al loro tentativo di spiarmi, ma anche un messaggio agli Stati Uniti”. Nelle sue dichiarazioni al giornale, ha affermato che il motivo per cui ha rivelato la sua identità è stato il malcontento nei confronti di queste organizzazioni.

Altre novità su EL TIEMPO

CAMILA SANCHEZ FAJARDO

EDITORIALE AMBITO DIGITALE

TEMPO

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un uomo si è arrampicato su una statua vicino all’Ospedale Centrale e l’ha abbracciata durante il freddo del primo mattino
NEXT Fine del ‘sogno australiano’ per i colombiani: le nuove modifiche ai visti generano polemiche