In omaggio a María Granata | Sabato alle 15:00 alla Fiera del Libro

In omaggio a María Granata | Sabato alle 15:00 alla Fiera del Libro
In omaggio a María Granata | Sabato alle 15:00 alla Fiera del Libro

Con il titolo di “Una ragazza di Buenos Aires”, la provincia di Buenos Aires rende omaggio alla poetessa, scrittrice e attivista María Granata. Sarà allo stand 605 del padiglione Blu, con la partecipazione di Soledad Queirelhac, Gabriela Borrelli e Natalí La Inca Incaminato.

Granata è nata a Balvanera, Buenos Aires, nel settembre del 1923 e sta per compiere 101 anni. All’età di 19 anni si trasferì a San Vicente e pubblicò il suo primo libro, Umbral de Tierra. È stato curato nientemeno che da Leónidas Barletta e ha vinto sia il Premio Municipale che il Martín Fierro. La giovane lettrice appassionata, amante dell’opera di Leopardi e figlia di un immigrato italiano che la incoraggiava a scrivere, sembrava avere un brillante futuro letterario.

Ma dal 1946 Granata divenne peronista e l’establishment letterario gli voltò le spalle. Impegnata, si unì al gruppo dei poeti di Eva Perón e all’Unione degli Scrittori Argentini. Ha pubblicato su Mundo Peronista e su La Prensa. A partire dal 1952 affiancò alla sua attività di poetessa la pubblicazione di tre libri di saggi sulle donne nel peronismo.

La punizione arrivò nel 1955, quando i golpisti la minacciarono e ordinarono di bruciare i suoi libri. Granata si unì immediatamente alla Resistenza e nel 1957 Perón la nominò membro del Comando Tattico Peronista. Mentre pubblicava racconti per bambini su El Mundo, fondò e diresse il giornale Línea dura, organo ufficiale del Comando, sotto lo pseudonimo di Nelly Vázquez. Il giornale durò 48 edizioni fino al 1958.

Nel 1971 pubblica il suo primo e più noto romanzo, Los Fridays of Eternity, che vince il Premio Emecé e il Premio Nazionale di Letteratura Argentino. Dieci anni dopo, Héctor Olivera pubblica il film tratto dal libro. Granata pubblicò altri tre romanzi e un’abbondante opera dedicata ai più piccoli. Ha ricevuto anche il Premio della Consacrazione della Provincia di Buenos Aires e il Gran Premio d’Onore della Società Argentina degli Scrittori nel 1987.

Guglielmo Davide

E a proposito di premi, il nostro collaboratore Guillermo David, direttore della cultura della Biblioteca Nazionale Mariano Moreno, è appena stato insignito del Konex per la critica letteraria. Come saggista, David ha libri come Witoldo, o Lo sguardo straniero; Carlos Astrada, filosofia argentina; e L’incostanza dello sguardo selvaggio. E anche i suoi deliziosi libri brevi, dispettosi e irriverenti, come La risata delle cameriere e La pentola misteriosa.

E ogni domenica in questo mezzo, il retro copre i misteri e i personaggi di Buenos Aires.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Università | Le Coppe dei Campioni: il libro che ripercorre la storia dell’U, il club più campione del Perù, attraverso i suoi 27 trofei | SPORT-TOTALE
NEXT Libri di salvataggio (per adolescenti)