Recensione Atomic Man di Neil Lawrence – il ritorno di Terminator

Recensione Atomic Man di Neil Lawrence – il ritorno di Terminator
Recensione Atomic Man di Neil Lawrence – il ritorno di Terminator

A quanto pare esiste una legge non scritta nel mondo dell’intelligenza artificiale, che cercherò di distillare qui: “Ogni discussione sull’intelligenza artificiale deve includere un riferimento precoce e forte a Terminator”. Sebbene il film di James Cameron del 1984 e il suo seguito del 1991 siano piuttosto buoni, ecco due fatti ugualmente inventati ma probabilmente per lo più veri: nessuno di età inferiore ai 30 anni ha visto nessuno dei film e, in ogni caso, nessuno dei film ha visto qualcosa di particolarmente penetrante da dire sull’intelligenza artificiale. Ma eccoci qui, e le analisi spietate del momento in cui ci troviamo, in cui siamo apparentemente sull’orlo di rivoluzioni, portando utopia o apocalisse, tendono ad essere scritte da uomini che hanno visto Arnold Schwarzenegger come il Terminator che non riesce a uccidere Sarah Connor molte volte. Se riesci anche ad alludere alla creazione biblica, allora stai vincendo al bingo AI.

L’esperto di intelligenza artificiale Neil Lawrence cade in entrambe le trappole nella prima pagina del suo nuovo libro, The Atomic Human, e mantenendo la promessa della frase più citata di Terminator (“Tornerò”), il film appare altre 15 volte. Lawrence non fa alcun riferimento al film più recente, Ex Machina, il film sull’intelligenza artificiale del 2014 di Alex Garland (nella cui creazione, a dire il vero, ho avuto un ruolo minore) che prende esplicitamente in giro l’arroganza dei magnati della tecnologia della Silicon Valley: un Mark Zuckerberg/Elon Musk L’amministratore delegato in stile interpreta con arroganza un commento fatto sul mito di creare il proprio robot artificialmente intelligente: “Se ho inventato una macchina dotata di coscienza, non sono un uomo, sono un Dio”.

Mi chiedo se ci troviamo in un momento unico nella storia in cui il discorso è modellato in modo così significativo dalla finzione che gli uomini responsabili di questi regni hanno consumato nella loro giovinezza nerd. Il mese scorso è stato rivelato che Sam Altman, la controversa figura dietro OpenAI, ha chiesto all’attrice Scarlett Johansson di dare voce all’ultima incarnazione della sua interfaccia ChatGPT, emulando il suo ruolo di assistente personale AI nel film del 2013 Her, ma Johansson avrebbe rifiutato, ma Altman avrebbe utilizzato un attore sosia o forse una voce artificiale di Johansson comunque. A maggio, apparentemente troppo arrogante (o ricco) per preoccuparsi di nascondere la sua azione, Altman ha twittato la parola “lei”. Arroganza 1: Etica 0.

Comprendiamo le grandi idee attraverso lo storytelling. Si è parlato molto degli esseri umani come macchine che raccontano storie e Lawrence abbraccia questa modalità di comunicazione scientifica con entusiasmo. Ci delizia con la saga di Bletchley Park, la genialità di Alan Turing e i dettagli delle strategie e delle tecnologie della Seconda Guerra Mondiale, esplorando in modo divertente idee sull’intelligenza e su come i computer possono o non possono emulare la cognizione umana. In un capitolo intitolato Illuminismo, partiamo dalle classiche storie dei Grandi Uomini di Isaac Newton, Winston Churchill e Stephen Hawking, giù in un vicolo cieco visitando William Blake e Michelangelo, poi Lewis Carroll e Bertrand Russell, e infine Elon Musk, attraverso molti Di più.

Il comunicato stampa di Atomic Human afferma che “le voci delle donne nell’intelligenza artificiale sono messe in ombra”. Ho controllato l’indice e ho scoperto che in questo libro di 448 pagine sono menzionate 15 donne (16 se contiamo la dea Era), oltre alla menzione di due gruppi di donne anonime (le Wrens of the Royal Navy e le Women of Bletchley Parco). Winnie-the-Pooh, un orso immaginario che, per quanto ne so, non ha rilasciato alcuna dichiarazione sulla ricerca di intelligence o sulla rivoluzione dell’intelligenza artificiale, viene menzionato 17 volte. Lo sottolineo non per sottolineare la mia correttezza politica, sicuramente scioccante, né per negare la possibilità che, per ragioni non esplorate in questo libro, le donne abbiano avuto un ruolo diretto meno significativo nella storia dell’intelligenza artificiale e della tecnologia della Silicon Valley. Ma se in un libro le voci delle donne vengono oscurate da un robot cinematografico o da un orso capriccioso, allora per Dio abbiamo bisogno di nuove storie.

Innumerevoli libri e film coprono la storia di Bletchley, della crittografia, della vita su Facebook o Microsoft, su George Mallory e Edmund Hillary, su JFK e sullo sbarco sulla Luna del programma Apollo. Pagina dopo pagina di The Atomic Human sono storie di guerra e storie di razzi, che saltano nel tempo e nello spazio e confondono le premesse. Forse non sono abbastanza mascolino per entusiasmarmi per questo inno ai risultati ben documentati ma tangenziali degli uomini. Anche se lo scopo narrativo qui è quello di sintetizzare una tesi su come queste storie ben raccontate contribuiscono alla nostra comprensione dell’intelligenza, non sono riuscito a cogliere la rilevanza di molte di queste avventure per bambini nell’aspettativa racchiusa nel sottotitolo: “Comprendere noi stessi nel era dell’intelligenza artificiale”.

salta la promozione della newsletter

Iscriviti a Inside Saturday

L’unico modo per dare uno sguardo dietro le quinte della rivista di sabato. Iscriviti per ricevere la storia interna dai nostri migliori scrittori, oltre a tutti gli articoli e le rubriche imperdibili, consegnati nella tua casella di posta ogni fine settimana.

Informativa sulla privacy: le newsletter possono contenere informazioni su enti di beneficenza, pubblicità online e contenuti finanziati da soggetti esterni. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Informativa sulla privacy. Utilizziamo Google reCaptcha per proteggere il nostro sito Web e si applicano l’Informativa sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

dopo la promozione della newsletter

Tuttavia, Lawrence è rinfrescante nel respingere la faticosa quantità di atteggiamenti e sciocchezze nel mondo dell’intelligenza artificiale. Potrei essere in minoranza nel pensare che le “grandi idee” siano così spesso la magniloquenza pseudo-filosofica di uomini a cui piace lo sport e lo status, ma forse avrebbero dovuto leggere un po’ più di filosofia, e almeno darle un’occhiata guardiamo un po’ di storia: la singolarità, il punto in cui la tecnologia è irrimediabilmente fuori dal nostro controllo; il transumanesimo, uno stato vagamente definito in cui siamo umani ma ampiamente migliorato attraverso una tecnologia non specificata; La Superintelligenza di Nick Bostrom, un’ipotetica tecnologia la cui mente supera di gran lunga quella del nostro cervello di carne cruda. Non ho mai capito del tutto se questi futuri demoni siano l’esca per interessare la gente ai problemi reali, o semplicemente delle distrazioni, il gesto del mago. Ad ogni modo, li ho sempre trovati piuttosto noiosi. Lawrence li definisce giustamente come “sciocchezze”, perché in tutta la loro grandezza, sembrano terabyte di distanza dal vero mondo dell’intelligenza artificiale in cui già viviamo.

Invece, Lawrence offre una nuova visione su cosa sia l’intelligenza, come si è evoluta e come è distribuita nei diversi sistemi viventi e non viventi. I confronti con l’elaborazione psicologica e le complessità del comportamento di apprendimento intelligente del nostro sistema nervoso forniscono informazioni sui processi neurali che sono alla base, possono o meno essere alla base di una complessa gestione artificiale, ad esempio, nel processo di acquisto di qualcosa su Amazon, dove Lawrence ha lavorato per diversi anni. anni e quanto di ciò che viene descritto come intelligenza artificiale è semplicemente calcolo e statistica. Questo è un punto rilevante che dovrebbe essere meglio conosciuto, ovvero che gran parte della cosiddetta intelligenza artificiale in azione oggi è probabilmente un foglio di calcolo Excel che fa sollevamento di potenza numerica. Ma questi sono punti che si perdono in storie confuse la cui rilevanza è spesso difficile da individuare.

Preferirei che questo libro fosse a mezzo busto e spogliato dei “grandi uomini” della storia, per mostrare le cose che non sappiamo su ciò che realmente accade negli uffici privati ​​e nei laboratori di Amazon o Facebook, e per sgonfiare l’arroganza dei cattivi del cinema. Ha un messaggio umanista centrale ammirevole: che siamo insostituibili nonostante il discorso popolare spaventoso ma alla fine noioso. Nel complesso, The Atomic Human è un libro sensato, che è un elogio più alto di quanto sembri, perché tenta e in una certa misura riesce a elevarsi al di sopra degli oceani molto superficiali dei dibattiti pubblici sull’intelligenza artificiale che spesso sono scioccanti ma alla fine noiosi. Vorrei solo che tutto non fosse iniziato con uno stanco cyborg degli anni ’80 armato di Uzi.

The Atomic Human: Understanding Ourselves in the Age of AI di Neil Lawrence è pubblicato da Allen Lane (£ 25). Per sostenere The Guardian e The Observer, acquistane una copia su guardianbookshop.com. Potrebbero essere applicati costi di spedizione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Recensione del libro “I Medici di Macondo”
NEXT ‘Mio marito’, l’omaggio di Cynthia Martínez a Pedro Suárez Vértiz e l’inizio della sua nuova tappa: “Voglio dedicarmi a me stessa”