Il dollaro a 800 dollari è andato al diavolo

Il dollaro a 800 dollari è andato al diavolo
Il dollaro a 800 dollari è andato al diavolo

Carlos Melconian ha fatto la sua comparsa dopo i recenti annunci di Javier Milee intorno al surplus finanziario. L’economista ha richiamato l’attenzione sulla svalutazione ordinata dal governo in dicembre, che secondo lui ha avuto effetto un’inflazione “autogenerata”.

“Il dollaro a 800 dollari è andato al diavolo”, ha sostenuto l’economista parlando con il giornalista Ernesto Tenembaum a Radio convos.

Melconian è stato consultato sui dati recentemente diffusi dal capo dello Stato alla televisione nazionale. Nello specifico, Tenembaum ha chiesto al suo interlocutore se il il surplus finanziario detenuto dal presidente è “genuino” o “disegnato”.

“Per essere onesti ed equilibrati, e non entrare nel club dei petardi, dico: ‘Guarda, il dollaro a 800 dollari era uno spreco. Avresti potuto iniziare con una cifra inferiore”, ha sparato Melconian in dichiarazioni radiofoniche.

Secondo l’economista, l’inflazione è scesa ma “hai ancora un quilombo” legati ad altre variabili, come i prezzi relativi e i salari.

Carlos Melconian e gli avvertimenti al Governo

“Con il dollaro a 800 dollari, ciò che si è ottenuto è stato autogenerare un’inflazione più alta. Naturalmente, nella narrazione del governo questo viene cancellato. Dicono che si stava avvicinando un iper del 15.000%”, ha detto l’ex capo del Banco Nación.

“Hai creato un cuscino che, se non se ne andava, È sulla buona strada per incubare un problema. Tutti i Gli arretrati di cambio non significano che lunedì scoppierà, ma tutti nella storia argentina finiscono per essere corretti, prima o poi”, ragionava l’economista.

luis caputo

Secondo l’economista l’inflazione è scesa ma “c’è ancora un quilombo” legato ad altre variabili

Reuters

Eccedenza finanziaria: cosa dice Carlos Melconian sull’annuncio del Governo

Tornando agli annunci del presidente sull’avanzo finanziario, Melconian ha analizzato nei dettagli il calo di spesa avviato dal governo e ha spiegato il processo con le metafore della motosega, della bicicletta e del frullatore.

«Un quarto del calo di spesa è stata una motosega, perché se pulisci le province perché mandi zero e mandi zero ai lavori pubblici, è una motosega. Un altro quarto è stata la bicicletta, perché qui i produttori di energia non venivano pagati. E sono generoso, perché quel debito potrebbe essere più grande, ma una parte risale al 2023 ed è l’eredità di (Sergio) Massa”, ha spiegato l’ex funzionario governativo Cambiemos.

“Il restante 50% è stato destinato alla liquefazione, in particolare alle pensioni e ad altre spese sociali”, ha affermato Melconian.


#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’SLP è al 21° posto nelle esecuzioni nel Paese nel periodo gennaio-aprile: SSPC – Astrolabio
NEXT Tremore oggi, venerdì 17 maggio, in Colombia di 4,1: questo è stato il suo epicentro