BASI Legge | Avvertimento forte dell’UP prima del dibattito al Senato: “Motivo di NULLITÀ”

BASI Legge | Avvertimento forte dell’UP prima del dibattito al Senato: “Motivo di NULLITÀ”
BASI Legge | Avvertimento forte dell’UP prima del dibattito al Senato: “Motivo di NULLITÀ”

A poche ore dall’inizio del dibattito in commissione Basi Legge al Senato, I deputati di Unin por la Patria hanno lanciato un forte avvertimento. Attraverso i social network, il capogruppo, Germán Martínez, ha sottolineato che il testo inviato all’Aula presieduta da Victoria Villarruel presenta differenze con quello approvato in Deputati martedì scorso.

Il testo comunicato al Senato presenta delle differenze rispetto a quanto votato in sede dai deputati“, ha avvertito questa mattina il deputato di Santa Fe attraverso il suo account Twitter.

L’avvertimento è stato dato a meno di cinque ore che, in una sessione plenaria delle commissioni, i senatori hanno ricevuto funzionari dell’esecutivo, per iniziare l’esame del megaprogetto.

“Ciò non può accadere. Ed è motivo di annullamento”, avvertiva nello stesso messaggio l’uomo di Rosario. E poi aggiunge: “Chiediamo formalmente l’annullamento della comunicazione fatta al Senato”. Cosa implicherebbe la nullità? La Presidenza dei Deputati dovrà comunicare nuovamente il testo.

Secondo Martínez, nell’articolo 151, che fa parte del capitolo Energia, in particolare quando si fa riferimento al Gas Naturale Liquefatto (GNL), il termine viene cambiato “autorizzazione di esportare” di “permesso di esportazione“.

Più avanti, nell’articolo 171, che fa riferimento al Regime di Incentivazione dei Grandi Investimenti (RIGI), quando si precisa che l’Esecutivo può stabilire importi minimi diversi per “settore o sottosettore produttivo” o per “fase produttiva”, si legge: settore produttivo”. Allo stesso modo, la lettera finale include altri importi.

Germán Martínez e il suo team di consiglieri hanno rilevato le differenze tra il testo approvato dalla Camera dei Deputati e quello inviato al Senato dopo tre giorni di lavori. Cosa hanno fatto? Hanno confrontato il testo dell’ordine del giorno, la sintesi di ciò che ha aggiunto il membro relatore e il video della sessione.

I passaggi da seguire

Dopo quattro mesi di dibattito, e quando sembrava che Martín Menem si fosse sbarazzato, almeno temporaneamente, del Legge Basi, la Rioja dovrà continuare a occuparsi del testo dopo questo “errore”.

“Sarà in isolamento”, hanno detto da Unión por la Patria riferendosi ai passi che Menem dovrebbe seguire. È che, se si tornasse al testo originale, ciò implicherebbe “supporre che abbiano toccato il testo; se non fai nulla, Il Senato può chiedere la nullità di quanto iscritto“.

D’altra parte, un’altra fonte parlamentare ha indicato che le differenze sono minime. “L’Erratum viene inviato e il gioco è fatto”, hanno spiegato. Hanno infatti ricordato di aver fatto appello a quella risorsa in occasione dell’approvazione del Bilancio 2022.

Villarruel è responsabile del ramo esecutivo.

Un dato? A causa della visita del presidente Javier Milei negli Stati Uniti, la capo del Senato, Victoria Villarruel, è responsabile dell’esecutivo. Nel frattempo, Dalla Presidenza della Camera dei Deputati non è ancora arrivata alcuna risposta alla denuncia di Martínez.

La palla è nelle mani dei senatori che alle 14, nella seduta plenaria delle commissioni Bilancio, Legislazione generale e Affari costituzionali, riceveranno Guillermo Francosministro dell’Interno; Jos RolandiVice Capo di Gabinetto, oltre al Segretario per la Pianificazione Strategica e Regolatoria della Presidenza della Nazione, Mara Ibarzbal Murphy; il Segretario delle Finanze del Ministero dell’Economia, Carlos Gubermane il Segretario per l’Energia della Nazione, Eduardo Rodríguez Chirillo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sistema frontale in Cile: quali sono le gelate bianche e nere che colpiranno diverse regioni questa settimana
NEXT Gli esperti prevedono 11 uragani vicino a Cuba per la prossima stagione degli uragani