Un medico su quattro soffre della sindrome del burnout

A cura di: Agenzia Sinc

Un’indagine dell’Istituto di Salute Carlos III (ISCIII) mostra la prevalenza tra i medici che lavorano in Spagna dei cosiddetti sindrome da burnout o bruciatoun disturbo derivato dallo stress cronico che le persone possono soffrire sul lavoro.

È caratterizzato da tre sintomi o dimensioni principali: esaurimento emotivo, che genera esaurimento di fronte alle esigenze lavorative; depersonalizzazione, che provoca l’allontanamento nel trattamento e persino il rifiuto delle persone sul posto di lavoro; E mancanza di realizzazione personaleche forgia un atteggiamento negativo, accompagnato da irritabilità, bassa produttività e bassa autostima.

Nel caso degli operatori sanitari, si tratta di una popolazione particolarmente a rischio di soffrirne bruciato, per la tipologia di lavoro e per il coinvolgimento emotivo che richiede. Naturalmente le conseguenze non si limitano alla salute dei lavoratori, ma anche a quella dei lavoratori possono incidere sulla qualità dell’assistenza sanitaria fornita e il funzionamento dell’organizzazione del lavoro.

Le conclusioni del lavoro, svolto attraverso a meta-analisi di 67 studi osservazionali al quale hanno partecipato più di 16.000 medici, sottolineano che ne soffre un medico su quattro. Questi risultati sono pubblicati sulla rivista Gazzetta della salute.

“Nonostante l’enorme numero di studi pubblicati sul burnout in Medicina, fino ad ora non era stata condotta alcuna ricerca che sintetizzasse sistematicamente tutte le conoscenze disponibili per determinare la sua prevalenza nei medici che svolgono la loro attività professionale nel Sistema Sanitario Nazionale spagnolo”, spiegano ricercatori.

L’indagine ha inoltre dettagliato l’ambito di lavoro, la categoria professionale, la specialità medica praticata e l’orario di completamento dello studio rispetto all’inizio del pandemia di covid-19. Non sono stati osservati cambiamenti statisticamente significativi nella prevalenza di bruciato secondo queste variabili.

Gli autori sottolineano che questo lavoro conferma “un’elevata prevalenza della sindrome da burnout tra i medici che lavorano in Spagna” e sottolineano che questi risultati “possono contribuire alla progettazione di studi futuri che forniscano conoscenze sul burnout nei professionisti medici”. Inoltre, raccomandano di continuare con “strategie per prevenire e mitigare questa situazione”.

Come migliorare il bruciato?

Tra le misure che potrebbero aiutare a combattere questo burnout ci sono i cambiamenti nei modelli di lavoro, con più pause, evitare il lavoro al di fuori dell’orario di lavoro e conciliare la vita personale; lo sviluppo di strumenti di gestione emotiva; la promozione del sostegno sociale da parte di colleghi, familiari e amici e la diversificazione del lavoro con la possibilità di svolgere compiti diversi.

Dobbiamo anche tenere conto dell’origine del bruciato e il tipo di professionista che colpisce; Ad esempio, nelle cure primarie di solito è più correlato a il trattamento dei pazienti, e nella residenza, con le caratteristiche di questa fase formativa.

Lo studio è stato pubblicato insieme ad un editoriale scritto da Vicente Ortun, economista sanitario e professore emerito all’Università Pompeu Fabra di Barcellona, ​​in cui riconosce che “il burnout negli operatori sanitari è un epifenomeno dell’organizzazione sanitaria. Si tratterebbe di cambiarlo affinché non diventi una fabbrica di esaurimento e di burnout professionale”, conclude.

Oltre al burnout, anche l’insicurezza e i maltrattamenti influiscono negativamente sulla salute mentale degli operatori sanitari.

I medici colombiani sono insicuri

La Colombia non è estranea a una realtà in cui i medici vengono violentati e assassinaticome è stato il caso di Juan Guillermo Aristizábal Vásquez, un urologo assassinato da un paziente psichiatrico nella clinica Medellín a El Poblado.

Dopo il delitto, il Tabella delle missioni mediche nazionali riferito che l’anno scorso c’erano 511 attentati in tutto il Paese contro medici, infermieri, psicologi, dentisti, assistenti e autisti di ambulanze.

Ad Antioquia sono stati registrati 78 attacchi alla missione medica, che è il dipartimento con il maggior numero di casi. Cundinamarca è la prossima nella lista con 54 casi e Tolima con 53.

Ciò che preoccupa di più gli esperti è che il 73% dei casi è dovuto ad atti di intolleranza negli ospedali e sulle strade pubbliche, mentre si registra l’attenzione alle persone, sia fisica, verbale che psicologica. Il restante 27% è dovuto a situazioni legate a diversi conflitti armati.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I primi sintomi del cancro cervicale che dovrebbero mettervi in ​​allerta