Un brutale incidente interrompe l’incredibile lotta a 6 ore dalla fine

Un brutale incidente interrompe l’incredibile lotta a 6 ore dalla fine
Un brutale incidente interrompe l’incredibile lotta a 6 ore dalla fine

Le Mans.- Dopo la tempesta, una calma che durò meno del desiderato. Dopo una notte con più di quattro ore di Safety Car A causa della pioggia e della lentezza del format attuale (spiegato qui), i tifosi si stavano godendo una battaglia titanica per la vittoria e la vittoria della 24 Ore di Le Mansfino a quando un incidente neutralizzò nuovamente il test.

L’Heart of Racing #27 di Alex Riberas, con al volante il compagno di squadra Daniel Mancinelli, ha perso il controllo nella zona di Indianapolis, ed è scivolato ad alta velocità contro le barriere, con un terribile impatto che ha causato il ribaltamento della vettura. Fortunatamente il pilota è uscito sotto il suo stesso peso, ma le opzioni sono finite e di nuovo c’è stata la Safety Car.

Video: terribile incidente la mattina della 24 Ore di Le Mans

I commissari di gara, che si sono presi un grosso spavento trovandosi nei pressi delle barriere di protezione, stanno lavorando per riparare le barriere di protezione, e nel frattempo i piloti dovranno dividere la loro Safety Car fino a riunirsi tutti dietro la Safety Car principale.

Ciò ha riunito ancora di più un plotone molto equilibrato, e nella Hypercar, in lotta per la vittoria assoluta, la Porsche #6 e la Toyota #8 che lottavano da ore per vincere, erano state raggiunte di pochissimo da dietro da una bellissima battaglia tra la Toyota #7 e la Ferarri #50 (di Molina, con Fuoco ai comandi).

Prima dell’ora 18, la Ferrari si è fermata, lasciando il terzo posto nelle mani della Toyota n. 7 di Nyck de Vries. La più grande rivale adesso per il doppio podio del team giapponese è diventata la Cadillac n. 2 di Alex Palou, con Earl Bamber al volante dopo una grande prestazione di Alex Lynn.

L’incidente con la LMGT3 di Riberas è arrivato dopo quello con la Porsche n.4 che lo ha lasciato fuori dai giochi.

Dopo la lunga neutralizzazione notturna, più di quattro ore in safety car perché la pioggia e la notte impedivano una visibilità adeguata, tutti i piloti sono passati dalle gomme da pioggia a quelle da asciutto, quando la pista non era più così bagnata, e fino a 11 Hypercar erano nel giro di testa e quindi avevano ancora la possibilità di vincere.

A sei ore dalla bandiera a scacchi, ci sono ancora 11 vetture nel giro di testa, anche se poco dopo la 18a ora, i due leader si sono fermati per cambiare pilota e sono tornati in pista sesto e settimo, ora con Kevin Estre e Sebastien Buemi al comando. i controlli.

La categoria LMP2 ha visto una serie di cambiamenti nelle ultime tre ore, poiché l’ordine della classifica è cambiato durante ogni fase di pit stop.

Alla fine della 18a ora, Ben Barnicoat era di nuovo davanti alla vettura #183 dell’AF Corse ORECA-07, davanti alla vettura #22 della United Autosports, ora nelle mani di Oliver Jarvis.

Anche Vector Sport è avanzato dopo aver messo in macchina Patrick Pilet (pilota platino), mentre la Cool Racing #37 è scesa al quarto posto quando lo spagnolo Lorenzo Fluxa ha preso il comando. La #82 TF Sport di Dani Juncadella è 14esima nella sua categoria.

Nella LMGT3 si prevede una lotta entusiasmante nelle ultime sei ore, perché i primi cinque erano tutti insieme in pista. La Porsche 911 GT3 R Manthey PureRxcing n. 92, leader della classe, ha abbandonato il test a causa di problemi al cambio e Klaus Bachler ha dovuto riportare la vettura al garage poco dopo il ritorno della gara alla bandiera verde. Il team tedesco ha impiegato 24 minuti per risolvere il problema, che gli ha fatto perdere cinque giri e ritrovarsi nelle zone basse della top 20.

La Porsche #91 Manthey EMA di Richard Lietz ha preso il posto di Bachler, ma è scesa in terza posizione alla fine della 18esima ora dopo aver effettuato un pit-stop.

Ciò ha portato Gregoire Saucy in testa alla McLaren 720S GT3 #59 della United Autosports, seguito dalla Lexus RC F GT3 #87 ASP di Jack Hawksworth. Il numero 85 delle Iron Dames una volta era in testa con Gatting, ma un cambio di pilota con Rahel Frey li ha portati al quinto posto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’Under 20, una generazione promettente che tra qualche anno subentrerà nella Nazionale maggiore insieme ad altri 14 big da tenere in considerazione
NEXT Dallas ha ceduto il giocatore in pensione ai Knicks durante il draft