Abbiamo prove solide contro cinque sospettati: Kindiki sull’omicidio di un cecchino

Abbiamo prove solide contro cinque sospettati: Kindiki sull’omicidio di un cecchino
Abbiamo prove solide contro cinque sospettati: Kindiki sull’omicidio di un cecchino

Il segretario del gabinetto degli Interni Kithure Kindiki ora afferma che lo stato ha un caso ineccepibile contro cinque sospettati in custodia per l’omicidio del blogger Meru Daniel Muthiani Bernard, alias Cecchino.

Mercoledì, quando è comparso davanti al Senato per rispondere alle domande, Kindiki ha detto che non ci sono stati ritardi nel caso.

Ha detto che il crimine è complicato e che le agenzie investigative stanno cercando altri possibili partecipanti.

Ho notato che per i cinque sospettati già in custodia lo Stato ha una solida causa contro di loro.

Onorevole Presidente, le indagini sono state avviate subito dopo la segnalazione e da quanto sopra non risulta che vi sia stato un ritardo nelle indagini. Ciò che è successo è che crediamo che questo sia un crimine molto complicato”, ha detto Kindiki.

“Potrebbero esserci altre persone oltre le cinque che potrebbero essere state responsabili, ma dobbiamo ancora stabilire alcuna prova diretta o circostanziale per aprire ulteriori accuse per eventuali altre persone. Per i cinque abbiamo un caso di omicidio a prova di bomba contro i cinque.”

Il CS degli Interni ha assicurato ai senatori che il caso non è concluso e che tutte le persone coinvolte nell’omicidio di Sniper saranno denunciate.

Lui ha insistito che il governo ha piena fiducia nel lavoro della Direzione delle Investigazioni Penali.

Questo riguarda in particolare l’inchiesta e l’indagine condotta dalla Omicidi, ha detto, e che non c’è motivo di allarmarsi.

“Le indagini non si sono concluse, il fascicolo dell’omicidio è ancora aperto e i fascicoli dell’omicidio non vengono mai chiusi e non c’è prescrizione per i reati di omicidio. Voglio quindi assicurare alla Camera che tutte le persone che a qualsiasi titolo abbiano partecipato, direttamente o indirettamente dell’atroce e crudele omicidio del defunto sarà ritenuto responsabile”, ha affermato il CS.

Kindiki ha invitato il pubblico a fornire qualsiasi informazione che possa portare alla cattura di tutte le persone coinvolte nell’omicidio di Sniper.

Ha assicurato ai keniani che nessuno avrebbe interferito nella questione.

“Non permetteremo alla criminalità di prosperare a causa delle interferenze. Nessuno è abbastanza potente da interferire con l’attività statale, specialmente con la sicurezza nazionale”, ha detto Kindiki.

Il CS ha risposto a una domanda della senatrice Meru Kathuri Murungi sullo stato delle indagini sul rapimento, la tortura e l’esecuzione di Sniper.

Murungi voleva anche sapere cosa stava ritardando la conclusione del caso.

Nel dicembre dello scorso anno, Kindiki aveva detto che tutte le persone coinvolte nell’omicidio di Sniper alla fine avrebbero avuto un appuntamento con la giustizia.

Sniper è scomparso il 2 dicembre, prima che il suo corpo fosse scoperto il 16 dicembre 2023.

Un’autopsia condotta dal patologo governativo Johansen Oduor presso l’obitorio dell’ospedale di livello 4 di Marimanti ha mostrato che Sniper è morto per strangolamento.

Aveva anche delle costole fratturate e mostrava ferite alla testa che facevano pensare che fosse stato strangolato prima di essere gettato in un fiume.

Il cecchino deve ancora essere sepolto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il più grande trasportatore di gas dell’Argentina ha spiegato il motivo del calo dei profitti
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera