Affinché il caso non rimanga impunito | CINEMA. In mostra oggi al Cairo “Colletti bianchi: il caso Vicentin”.

Affinché il caso non rimanga impunito | CINEMA. In mostra oggi al Cairo “Colletti bianchi: il caso Vicentin”.
Affinché il caso non rimanga impunito | CINEMA. In mostra oggi al Cairo “Colletti bianchi: il caso Vicentin”.

Il caso dell’azienda cerealicola Vicentin è una sintesi di molte questioni, tra cui la confluenza tra i diversi livelli di potere nell’abuso dello Stato. La storia economica e politica recente ha qui uno dei suoi capitoli emblematici, che il regista Andrés Cedrón indaga nel suo documentario Colletti bianchi: il caso Vicetin, presentato in anteprima al Cairo Public Cinema (Santa Fe 1120), con proiezioni previste per oggi alle 20:30 e alle 22:30. “L’intenzione è quella di ampliare l’audience, cercare di far sì che altre persone siano informate nella forma e nei contenuti e rompere l’identificazione che tentano i media egemonici, sostenendo un potere economico che poco ha a che fare con i cittadini che lavorano e sentono Argentino. L’intenzione non è solo quella di parlare ai compagni del campo nazionale e popolare, ma cercare di espandersi e mostrare un nuovo saccheggio in Argentina”, spiega Cedrón a Rosario/12.

-Il film è dedicato a Pino Solanas e Coco Blaustein; In effetti, il modo in cui ti avvicini alla storia è legato al loro cinema.

-Ho avuto la fortuna di lavorare con entrambi, ancora di più con Coco; con Pino per poco tempo, ma è stato molto intenso. Ogni minuto Pino ti insegnava qualcosa, problematizzava tutto quello che facevi. E realizzando questo film, ho sentito che riprendeva anche la sua eredità e proponeva questo nuovo saccheggio delle ricchezze del popolo argentino. Ho voluto farlo anche adesso, perché i film in genere richiedono tempo per essere realizzati e quando tutto è finito si perde l’occasione di tornare sull’argomento e proporlo all’opinione pubblica. Mi sembra che in quel cinema urgente che ha fatto Pino ci siamo sentiti rispecchiati, e abbiamo potuto portarlo avanti; Siamo ancora in tempo per monitorare i casi e garantire che ciò non rimanga impunito.

-Ci sono molte informazioni in gioco, il film sa come organizzarle e renderle accessibili; Come hai lavorato alla sceneggiatura?

-L’apprendimento e la restituzione sono stati tali che ho messo il titolo “White Collars” quasi alla fine del film; Questo è solo un aneddoto, ma la verità è che forse si comincia dalle informazioni più difficili, e la preoccupazione era come raccontarle e mostrare i luoghi. Una cosa che mi interessava erano quegli impianti e porti privati ​​che provengono dal primo mondo e che raramente vengono mostrati sullo schermo. Successivamente abbiamo riscontrato le complessità sociali, perché l’identificazione con l’azienda? Qual è la storia precedente di Vicentin? Quella storia come azienda racconta anche il rapporto con lo Stato. E così sono stati aggiunti dei bordi che erano molto difficili da incastrare. Mi sono sentito come un altro spettatore, che doveva conoscere le questioni sociologiche, economiche e politiche della storia argentina, per poterle trasferire sullo schermo e in breve tempo, in soli 100 minuti, affinché lo spettatore potesse compiere lo stesso viaggio che ho fatto per più di due anni.

-Una sfida estetica ed etica, ancora di più in questo contesto.

-Per quanto riguarda la sfida di trovare quegli spettatori che all’inizio potrebbero rifiutarsi di vedere il film, ho cercato di alzare il più possibile l’asticella in termini di qualità e risorse estetiche; Dall’altro c’è la questione di cercare di essere onesti e di criticare le cose che sono state fatte male, a partire dall’intervento e dal tentativo di esproprio dell’azienda. Dico sempre che, se si vuole vedere il film da una prospettiva ideologica, io sto dalla parte classista, come lavoratore che vive del suo lavoro, e questo ha poco a che vedere con questo gruppo di imprenditori uniti alle multinazionali che non ama il paese, e non gli importa che sia pieno di povera gente. Penso che da questo punto di vista possiamo avvicinarci ad un altro pubblico, che a volte è confuso o ha informazioni errate, ma voglio credere che amano il Paese, vogliono la sovranità sulle nostre risorse e sono indignati dai casi di corruzione o crimini economici che commettono gli uomini d’affari.

-Alberto Fernández è stata un’occasione perduta o una mascherata che non avrebbe mai concretizzato ciò che sembrava proporre?

-Forse è stata la prima battuta d’arresto di qualcosa che è stato poi confermato, di quello che avrebbe fatto il suo governo, in cui ha evitato qualsiasi tipo di confronto e il potere economico ha tratto grandi vantaggi dopo la ripresa dalla pandemia. Sento che è stata un’occasione perduta, ma non per un governo, ma per un intero paese, di avere una compagnia di testimoni, di sapere cosa succede nel commercio estero dei cereali, cosa succede attraverso il fiume Paraná e oltre l’Amministrazione Generale del Porti, che divennero parte dello Stato. A quel tempo, mi sembra che si sarebbero dovuti fare dei progressi su quella strada, perché la mancanza di dollari o questa frase che non ci sono soldi, è sempre stata una motivazione per me. Adesso è diventato uno slogan per il presidente Milei, ma la realtà è che della mancanza di valuta estera si parla sempre e si indaga poco. Sì, ci sono molte persone che si dedicano allo studio di questi temi nelle università e per questo siamo andati a consultarli, ma poco arriva alla nostra classe politica, per non parlare dell’opinione pubblica. Ritengo che sarebbe stato necessario molto lavoro di comunicazione preventiva e non solo con i settori coinvolti; Durante le interviste, era ricorrente che tutti avessero saputo del progetto di esproprio in televisione, così come tutta Avellaneda e Reconquista, che prepararono il terreno per l’arrivo degli intervenienti; Questa è una cosa che non si fa così: prima si interviene e poi si fa la conferenza stampa. Dal minuto zero siamo già partiti con un errore.

Riguardo alla diffusione del film, Cedrón aggiunge: “Oltre alle proiezioni nelle sale commerciali, ci sono molte richieste da parte di università, movimenti e gruppi, che vogliono vedere e discutere il film; C’è anche la possibilità di contribuire con un granello di sabbia, per pensare a un futuro diverso, dove questi temi possano essere riconsiderati”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Questo è stato il gesto generoso di Ryan Reynolds nei confronti degli scrittori nel primo “Deadpool”
NEXT I 9 migliori film spagnoli del 2024 (per ora)