Questo è stato il primo giorno dopo lo scandalo che ha colpito Name e Calle

Questo è stato il primo giorno dopo lo scandalo che ha colpito Name e Calle
Questo è stato il primo giorno dopo lo scandalo che ha colpito Name e Calle

“Al Senato regna la calma”. Questa è una delle frasi più iconiche del presidente del Congresso, Ivan Name. Ma questo martedì non c’era calma in Campidoglio.

(Anche: la partenza di Claudia López e Mockus aggrava la frattura “verde”. Cosa verrà dopo le dimissioni?)

È stato il primo giorno di sessioni da quando Sneyder Pinilla, ex vicedirettore dell’Unità nazionale per la gestione del rischio di catastrofi (UGRD), ha assicurato che i presidenti del Senato e della Camera, Name (Alleanza Verde) e Andrés Calle (Partito Liberale), furono dati soldi in contanti per facilitare l’approvazione delle riforme sociali.

María José Pizarro e Ivan Nome

Foto:Nestor Gomez. TEMPO

Il ventilatore è stato acceso il venerdì della settimana precedente e da quel momento in poi Alcune voci hanno chiesto ad entrambi i parlamentari, oggi a capo della legislatura, di abbandonare le loro posizioni mentre le indagini sulle accuse procedono.

C’erano molte aspettative riguardo alla sessione di martedì e all’eventualità di una pausa legislativa. Lo stesso presidente Petro ha inviato un messaggio al Congresso a riguardo Qui andiamo avanti con fermezza”.

(Continua a leggere: È giunto il momento di vietare la corrida in Colombia? Il Congresso discute un progetto chiave)

Nelle aule del Congresso ci si chiede se Nome e Calle presiederanno le sessioni plenarie delle rispettive Camere e, inoltre, se commenteranno le accuse. Alla fine presiedettero entrambi, ma parlò solo Nome.

Olmedo López, ex direttore dell’UNGRD e Sneyder Pinilla, ex vicedirettore della gestione dei disastri di quell’ente.

Foto:Fascicolo privato.

Il presidente del Congresso, durante il suo intervento nella sessione plenaria del Senato, ha negato di aver ricevuto denaro illecito e ha riconosciuto, per la prima volta pubblicamente, di essere un detrattore delle riforme sociali. “Non ho ricevuto denaro illecito. La mia procedura democratica è contraria a dire che li ho ricevuti nel tentativo di promuovere riforme che ho combattuto con forza e che sono note a tutti”, ha dichiarato, aggiungendo che è disposto ad attraversare la Plaza de Bolívar per recarsi dal suo “giudice naturale”. “, la Corte Suprema di Giustizia.

Il presidente del Senato ha ricevuto il sostegno di numerosi suoi colleghi, come ad es Efraín Cepeda (conservatore) e Fabio Amín (liberale) si sono avvicinati al consiglio d’amministrazione una volta entrati nei locali e hanno dato loro un abbraccio di solidarietà.

La sessione è stata caratterizzata dalla coerenza. Gli oppositori hanno chiesto di fermare il processo di riforma e il partito al governo ha serrato le fila attorno al caso di corruzione. E a nome del governo ha parlato il ministro degli Interni, Luis Fernando Velasco.

(Altra notizia consigliata: Qual è il destino politico di Andrés Calle alla Camera dopo essere stato citato nello scandalo UNGRD?)

“Olmedo López è stato scelto dal Governo per guidare l’UNGRD. Non spetta a nessuno ed è per questo che sappiamo di avere la responsabilità politica che il popolo ci chiede. Ma il fatto che López ci generi questa responsabilità politica non significa che né il Governo, né il Presidente, né i suoi ministri siano complici di lui”, ha affermato.

Ma la sessione è continuata e si è cominciato a votare sulle riconciliazioni dei progetti.

Alla Camera lo scenario era diverso. Calle è rimasta in silenzio, nonostante il fatto che la rappresentante Jennifer Pedraza abbia chiesto le sue dimissioni e abbia ricevuto insulti da diversi rappresentanti. “Ha mille presunte ragioni per sostenere l’agenda del governo”, ha detto ad esempio il deputato uribista Hugo Danilo Lozano.

La seduta è stata interrotta dopo le 20, quando è stata approvata la presentazione positiva del progetto che mira a regolamentare la corrida, che sembra respirare un buon clima.

Manifestazione contro la corrida al Congresso

Foto:Nestor Gomez. TEMPO

Gli effetti sulla giurisdizione agraria

La giornata, tuttavia, ha lasciato una battuta d’arresto per il governo. Nella I Commissione del Senato, la discussione del primo dibattito sulla legge ordinaria della giurisdizione agraria è stata interrotta dopo una proposta dell’opposizione e la rottura del numero legale. “Non è una buona notizia per la società che uno scandalo di corruzione impedisca l’avanzamento della legislazione”, ha lamentato il ministro della Giustizia. Nestore Osuna. Tuttavia la I Commissione della Camera ha discusso e approvato nel terzo dibattito la normativa statutaria della giurisdizione agraria.

La prova di giurisdizione ci sarà quando inizierà il dibattito sulla riforma delle pensioni in Commissione VII della Camera. Il presidente Petro ha già avvertito che anche un solo giorno mancato nel processo significherebbe il fallimento dell’iniziativa.

​MATEO GARCÍA – EDITORIALE POLITICO

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Raid a Entre Ríos e in altre province per sfruttamento sessuale di minori – Chajarí Digital
NEXT Salta ha centri urbani ad alto pericolo sismico