L’autore dello studio rivela che “ci sono scuole private con risultati uguali o peggiori delle scuole pubbliche o sovvenzionate” — Futuro Chile

Per riflettere sullo studio “L’illusione dell’eccellenza: proposta per un’istruzione retribuita in Cile”, che demistifica l’istruzione privata, su Palabra Que Es Noticia abbiamo parlato con uno dei suoi autori, Tomás Ilabaca, dottore in Scienze Sociali dell’Università Cattolica di Leuven in Belgio e ricercatore presso il Centre for Development Studies.

“Ci sono scuole pagate che hanno risultati uguali o peggiori delle scuole pubbliche o private sovvenzionate”, ha detto Ilabaca. “Ci sono delle conseguenze perché lo Stato non ha strumenti per suggerire miglioramenti alle scuole private a pagamento, e lì si vede che c’è una violazione”.

Ilabaca ha sottolineato che “in Cile sono ben consolidati due principi: la libertà di istruzione e la possibilità che i genitori scelgano la scuola per i propri figli. “Ciò non può significare che, di fronte agli scarsi risultati e al cattivo clima scolastico, lo Stato non possa pretendere miglioramenti e certi minimi dalle scuole”.

«Trappola» nei risultati

«Analizziamo i risultati dei test SIMCE dal 2019 al 2022. Se si prende il gruppo delle scuole private e le si divide in quintili, quelle del quintile uno da molti anni non presentano differenze con il settore pubblico. La differenza è che quando le scuole pubbliche hanno scarsi risultati, lo Stato può sostenerle. Ciò non accade nelle scuole a pagamento”, ha spiegato Ilabaca.

“Ci sono scuole del quinto quintile che hanno risultati simili alle scuole pubbliche”, ha proseguito. «C’è un problema in questo: questi risultati vengono presentati in privato. “Dove ci sono le maggiori differenze nel settore privato a pagamento è nella valutazione dei genitori.”

Qualità dell’istruzione

«C’è una trappola che alla fine va contro ciò che i genitori stessi potrebbero aspettarsi. Ci sono infatti scuole private che lo fanno molto bene. Il problema è che, per legge, l’Agenzia per la qualità deve presentare i risultati in forma aggregata, e ciò non consente ai genitori di identificare che ci sono alcune differenze e che non tutte le scuole pubbliche lo fanno male. C’è diversità”.

Ilabaca ha affrontato anche il tema della selezione come problema di cultura organizzativa. «La mobilitazione studentesca dell’Istituto Nazionale è sempre esistita. “Ci deve essere una sistemazione lì, ma in modo trasparente, che rifletta la vera qualità delle strutture sopra menzionate.”

«A livello di convivenza studentesca ce n’erano molti con depressione, ma questi sono indicatori che forse non sono così importanti nel dibattito pubblico. Tuttavia, se la scuola non ti rispetta come genitore, è preoccupante”, ha commentato Ilabaca. «Credo che ci sia una trappola nel modo in cui vengono presentati i risultati scolastici e questo è un compito dello Stato. “La sfida è quella di creare una regolamentazione in modo che, nel caso delle scuole private, lo Stato possa consigliarle e che le regole del gioco siano le stesse per tutti.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-