Una diagnosi corretta, fondamentale per ridurre la resistenza batterica agli antibiotici

Una diagnosi corretta, fondamentale per ridurre la resistenza batterica agli antibiotici
Una diagnosi corretta, fondamentale per ridurre la resistenza batterica agli antibiotici

Conchiglia Tejerina

Valencia, 16 giugno (EFE).- L’uso improprio e l’abuso di antibiotici è una delle possibili cause dell’adattamento dei batteri che diventano “più resistenti e virulenti”, una “pandemia silenziosa” che dovrebbe essere affrontata con una buona diagnosi al paziente per determinare se sia necessario o meno somministrare quel farmaco e promuovere la ricerca per ottenere nuovi farmaci antibatterici.

“Può essere un problema molto serio, ma oggi non lo è più. Ci sono ancora molte cose che non capiamo ed è difficile da gestire”, ha detto in un’intervista José Rafael Penadés, professore di microbiologia all’Imperial College di Londra e docente. con EFE ricercatore presso l’Università CEU Cardenal Herrera (CEU UCH) di Valencia, che è stato appena nominato membro o “Fellow” della British Royal Society.

Uno dei suoi successi è la scoperta di un nuovo percorso per il trasferimento delle informazioni genetiche tra batteri, la “trasduzione laterale”, che aiuta a capire come i batteri più pericolosi a causa della loro resistenza agli antibiotici si adattano e si evolvono rapidamente, diventando più virulenti e se ne vanno a ospiti che prima non potevano infettare o si adattano a luoghi dove prima non potevano vivere.

“La cosa più sorprendente è il fatto che questi meccanismi possono far sì che i batteri che non erano resistenti agli antibiotici diventino rapidamente patogeni”, afferma Penadés, che ha iniziato la sua carriera accademica e scientifica a Valencia, nel Nel 2013 è entrato a far parte dell’Istituto di Infezione, Immunità e Infiammazione presso l’Università di Glasgow, e dal 2020 dirige il Centro di Biologia della Resistenza Batterica presso l’Imperial College di Londra.

Penadés, che è un veterinario qualificato anche se la ricerca di base che svolge si applica sia agli esseri umani che agli animali, concentra il suo interesse sullo “Staphylococcus aureus”, un batterio che vive nel naso senza causare alcun tipo di malattia ma che può diventare uno dei “principali cause di morte” negli ospedali perché è uno dei principali agenti coinvolti nelle infezioni nosocomiali.

Sottolinea che questo batterio, con tre milioni di basi genetiche, ha la “capacità” di infettare molti ospiti diversi, sia umani che cani, pecore, capre, cavalli, polli, conigli o delfini.

“Vogliamo capire quali meccanismi fanno sì che una cosa così apparentemente insignificante abbia la capacità di essersi evoluta per infettare così tanti ospiti diversi”, dice.

Secondo lui, “piccoli cambiamenti nei batteri producono conseguenze importanti e li rendono capaci di produrre qualche tipo di malattia”, e fornisce come esempio che, sebbene la maggior parte dei batteri che abbiamo nell’intestino siano benigni e solo pochi sono patogeni, il consumo di antibiotici uccide quelli buoni e fa espandere quelli resistenti.

“Gli antibiotici non hanno creato resistenza, ci sono stati batteri durante l’evoluzione che utilizzano questi farmaci per eliminare i loro concorrenti. È un meccanismo molto antico, ma selezionando costantemente questi batteri resistenti, stiamo creando un problema”, spiega.

Il numero di decessi legati a batteri resistenti ai farmaci è cresciuto e si prevede che continuerà ad aumentare, avverte Penadés, che indica che ci sono paesi preoccupati perché in alcuni pazienti le procedure chirurgiche potrebbero essere compromesse a causa della possibilità di un’infezione in ospedale ., “quando dovrebbe essere il posto più sicuro.”

Sebbene al momento esistano cure per la maggior parte dei batteri, avverte che l’uso di antibiotici dovrebbe essere ridotto per evitare questo aumento della resistenza, oltre a promuovere ulteriori ricerche per ottenere nuovi farmaci in grado di affrontare questa “pandemia silenziosa”.

In quest’ultimo aspetto, sottolinea che le aziende farmaceutiche hanno deciso, e “ne hanno diritto”, che lo sviluppo di nuovi antibiotici non è redditizio quanto quello di farmaci contro il diabete o altre malattie croniche a lungo termine, poiché la loro commercializzazione essere limitato e la resistenza apparirà poco dopo. “Non ci sono molti nuovi antibiotici recentemente”, si lamenta.

Ritiene che il Terzo Mondo potrebbe essere l’origine di molti batteri multiresistenti a causa della “massificazione” in cui vivono e dell'”uso indiscriminato e incontrollato” degli antibiotici, problema che diverse organizzazioni cercano di alleviare con diagnosi rapide e semplici e controllare la somministrazione di tali farmaci.

“Ci sono molte cose che non sappiamo ma dobbiamo essere preparati a cercare di minimizzare la parte negativa di ciò che potrebbe accadere, avere cure migliori, diagnosi migliori per somministrare antibiotici a chi ne ha davvero bisogno ed essere in grado di affrontare ciò che potrebbe accadere in condizioni migliori”, afferma.

Alla domanda se questa resistenza dei batteri agli antibiotici possa portare a una zoonosi, un contagio da animale a uomo, afferma che le pandemie “vanno in entrambe le direzioni” e sia l’uomo che gli animali possono essere all’origine di un’infezione virale o batterica.

“Tutti questi processi di salto di specie o zoonosi sono associati a processi di sovraffollamento, nelle fattorie dove ci sono molti animali o nelle città dove vivono molte persone”, indica per chiarire che il sistema immunitario elimina la maggior parte di questi batteri o virus. EFE

ct/cbr/ros

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Plastica in mare, scimmie che riconoscono piante officinali e trucco durante l’attività fisica
NEXT Gli scienziati scoprono perché alcune persone non perdono peso anche quando fanno esercizio