Hai l’intelligenza artificiale? Ne avrai bisogno poiché il cambiamento climatico peggiora il rischio di inondazioni

Hai l’intelligenza artificiale? Ne avrai bisogno poiché il cambiamento climatico peggiora il rischio di inondazioni
Hai l’intelligenza artificiale? Ne avrai bisogno poiché il cambiamento climatico peggiora il rischio di inondazioni

Jeff Albee, Vice Presidente, Stantec

Secondo il Center for Western Weather and Water Extremes, quest’inverno la costa occidentale è stata prosciugata da ben 51 fiumi atmosferici dall’autunno 2023 alla primavera 2024. Il conteggio è stato più del doppio della media.

La California fornisce un esempio di cosa può accadere quando i governi non sono completamente attrezzati per gestire i sistemi di tempesta. Descritto come un evento che si verifica ogni 1.000 anni, l’evento atmosferico fluviale di febbraio ha avuto un impatto rappresentato solo vagamente nelle mappe normative delle pianure alluvionali.

Poiché le proiezioni del governo prevedevano una probabilità così piccola che questo tipo di evento si verificasse, lo stato e le comunità locali erano impreparate al diluvio. Le infrastrutture per il controllo delle inondazioni erano inadeguate. I canali costruiti per mitigare le inondazioni per un periodo di 100 anni erano stati lasciati senza manutenzione e intasati prima della tempesta. I piani di evacuazione e di ricovero erano inadeguati. I funzionari statali semplicemente non erano consapevoli della portata delle tempeste che dovevano affrontare.

Il risultato? Le devastanti inondazioni causate dalle sole tempeste del febbraio 2024 hanno causato la morte di almeno nove persone in California e causato danni per miliardi.

Un modello di intelligenza artificiale avrebbe potuto tenere conto delle previsioni meteorologiche e modellare vari scenari utilizzando modelli ingegneristici, topografici e demografici. Lo Stato avrebbe potuto accorgersi prima delle vulnerabilità e avrebbe potuto fare di più per ripulire i sistemi di drenaggio e di canali. Se i funzionari governativi avessero avuto questo tipo di dati di pianificazione dieci anni fa, avrebbero potuto progettare infrastrutture e piani di gestione delle emergenze in grado di gestire quel livello di impatto delle inondazioni, il che si sarebbe ripagato più volte.

Con il cambiamento climatico che sembra accelerare il ritmo del cambiamento dei modelli meteorologici, stiamo vedendo le tempeste superare le soglie storiche che ingegneri e meteorologi hanno utilizzato come punto di riferimento. Anche gli eventi meteorologici più ordinari si stanno orientando verso i livelli più alti delle proiezioni di rischio standard poiché la durata e l’intensità di queste tempeste aumentano.

Storicamente, per creare proiezioni relative alle tempeste, ingegneri e funzionari statali si sono basati su dati deterministici, vale a dire registrazioni di eventi accaduti in passato e che pertanto si prevede che potrebbero verificarsi nuovamente in futuro. È così che le agenzie governative come la FEMA elaborano proiezioni di inondazioni su un periodo di 100 anni.

Ma il problema oggi è che i modelli meteorologici sembrano sfidare queste probabilità.

Secondo un nuovo studio, la maggior parte delle comunità costiere andrà incontro a inondazioni della durata di 100 anni ogni anno entro la fine del secolo, anche in uno scenario moderato in cui le emissioni di anidride carbonica raggiungeranno il picco entro il 2040. Già nel 2050, le regioni di tutto il mondo potrebbero subire inondazioni centenarie, in media ogni nove-quindici anni. Nel frattempo, eventi meteorologici statisticamente anomali stanno creando costi enormi sia per i proprietari di case che per gli assicuratori, creando in alcuni casi scenari proibitivi che costringono gli assicuratori a fuggire.

È il caso della Florida, dove la dipendenza delle compagnie assicurative da modelli puramente statistici le ha portate a evitare lo Stato. I governi che fanno affidamento su questi modelli obsoleti non riescono a comprendere il rischio e l’entità dei sistemi tempestosi. Tutto, dalle leggi sulla zonizzazione ai codici edilizi, alle decisioni in materia di assicurazioni e gestione del rischio, potrebbe essere disastrosamente inadeguato per una nuova realtà climatica.

Quello che in precedenza era visto come un approccio marginale alla preparazione alle tempeste diventerà sempre più lo standard per i governi, con un numero sempre maggiore di persone che si sta già rivolgendo a strumenti di pianificazione basati sull’intelligenza artificiale, soprattutto perché gli assicuratori privati ​​aumentano il proprio uso dell’intelligenza artificiale per fissare le tariffe dei premi.

Utilizzando la modellazione basata sull’intelligenza artificiale, le proiezioni delle inondazioni e i piani di scenario possono essere impostati rapidamente, consentendo una sensibilità e una comprensione molto maggiori di quelle che una proiezione statica può generare dai dati storici. Invece di trattare un evento alluvionale come un interruttore di accensione/spegnimento, qualcosa che accadrà o non accadrà, i modelli di intelligenza artificiale possono apportare sfumature ai piani e alle politiche. I governi possono prevedere la potenziale portata delle inondazioni, cosa sarebbe necessario per controllarle e per quali altre esigenze è necessario pianificare.

Tali strumenti possono fornire maggiore chiarezza sugli eventi alluvionali e fornire ai governi e ai proprietari di case un quadro più preciso di quanto costoso sarà riparare una determinata alluvione. È un passo fondamentale, soprattutto in queste regioni sempre più costose da assicurare, per garantire che le persone siano al sicuro e possano permettersi una copertura assicurativa per le loro case.

Fortunatamente, il potere dell’intelligenza artificiale si è manifestato esattamente al momento giusto. C’è troppo in gioco per non usarlo.

Jeff Albee, vicepresidente e direttore delle soluzioni digitali di Stantec, può essere raggiunto all’indirizzo [email protected]

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Kenneth George Walker, 63 anni, di Tasmania Close, Basingstoke, accusato di omicidio e tentato omicidio dopo che due uomini sono stati accoltellati in un indirizzo a Tasmania Close il 12 maggio
NEXT I Raiders mostrano una lotta incredibile nella vittoria in rimonta sui Bullldogs