Come sarebbe cadere in un buco nero? La NASA ti dà indizi

Come sarebbe cadere in un buco nero? La NASA ti dà indizi
Come sarebbe cadere in un buco nero? La NASA ti dà indizi

Come sarebbe cadere in un buco nero e vivere abbastanza per vederlo? Da quando sono stati scoperti, gli scienziati si sono chiesti e hanno studiato cosa c’è dentro un buco nero, cosa succede alla luce o cosa accadrebbe se si entrasse in contatto con uno. Averlo con certezza è complicato, perché coloro che sono stati identificati sono troppo lontani per arrivare e, se lo facessero, non ci sarebbe modo di uscirne vivi. Eppure, grazie ad a Supercomputer della NASA puoi sperimentare a Visualizzazione immersiva che ti consente di vedere come sarebbe entrare nell'”orizzonte degli eventi”il punto di non ritorno di un buco nero, secondo le attuali conoscenze scientifiche.

“Le persone spesso me lo chiedono e simulare questi processi difficili da immaginare mi aiuta collegare la matematica della relatività con le conseguenze reali nell’universo reale“, afferma Jeremy Schnittman, astrofisico del Goddard Space Flight Center della NASA e creatore delle visualizzazioni. “Così ho simulato due diversi scenari, uno in cui una telecamera, come se fosse il sostituto di un audace astronautasemplicemente fallisce all’orizzonte degli eventi e si lancia, e un altro in cui supera il limite, segnando il suo destino”, aggiunge lo scienziato.

Le visualizzazioni, disponibili su YouTube, spiegano, come guida documentaria, tutto ciò che si poteva vedere, gli effetti percepibili che si conoscono, la luce e la sua assenza, man mano che la “telecamera” che si segue entra nel buio. buco. Riguarda reso a 360 gradi, in modo che lo spettatore possa guardare ovunque, per sentire l’immersione, come se stesse entrando lui stesso nel buco nero. Per creare le visualizzazioni, Schnittman ha collaborato con lo scienziato Goddard Brian Powell e ha utilizzato il supercomputer Discover presso il Climate Simulation Center della NASA. Il progetto ha generato una quantità mostruosa di circa 10 terabyte di dati e l’esecuzione ha richiesto circa cinque giorni, anche se solo sullo 0,3% dei 129.000 processori di Discover. Realizzare questi video su un normale laptop richiederebbe più di un decennio.

Cosa accadrebbe se cadesse?

La visualizzazione ricrea un buco nero supermassiccio con 4,3 milioni di volte la massa del nostro sole. “I buchi neri di massa stellare, che contengono fino a circa 30 masse solari, hanno orizzonti degli eventi molto più piccoli e forze di marea più forti, che possono fare a pezzi gli oggetti in avvicinamento prima che raggiungano l’orizzonte”, spiega Schnittman. Se cadi in un buco nero, il fenomeno popolarmente noto come spaghettizzazionecioè tutto ciò che cade all’interno si allungherebbe come una pasta a causa dell’enorme forza gravitazionale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Baba Vanga e le sue previsioni per il 2024: successi e profezie pendenti
NEXT Il telescopio spaziale James Webb della NASA trova la galassia più distante e più antica conosciuta