Chocobar dice di aver lasciato Bonaerense perché “marchiato” e oggi vende calze in una fiera

“Non sono a conoscenza di nulla, mia mamma è in terapia intensiva. Ho visto solo che il mio telefono è esploso.” Dall’ospedale dove accompagna sua madre, che versa in cattive condizioni di , racconta Luis Chocobar Clarion di aver appena sentito “di sfuggita” una delle notizie della giornata: che la Giustizia aveva revocato la condanna contro di lui per aver ucciso un ladro che aveva aggredito un turista americano che passeggiava per La Boca. La sentenza ha inoltre disposto un nuovo processo.

“Ex poliziotto”, ripete Chocobar (36), che si dimise da Buenos Aires lo scorso 11 aprile. “È stato fantastico quel giorno, Non potevo smettere di piangere. Ho dovuto restituire l’uniforme, il giubbotto, l’arma, il tonfa, gli stivali. Quella notte non ho chiuso occhio, mi è costato un uovo prendere la decisione, ma al di là del dolore, l’ho fatto convinta. I miei genitori mi hanno detto che ‘quando non ti vogliono in un posto e te lo dicono in continuazione, è meglio farsi da parte.'”

Ed esprime: “Dopo quanto accaduto nel 2017, Sono stato contrassegnato come agente di polizia di Buenos Aires. Aveva le migliori qualifiche, ma lo stipendio peggiore. Mi sono state negate tre promozioni. Da ufficiale a sergente sono venti, trentamila pesos, ma per me era prestigio. “Niente, mi hanno sempre ignorato.”

Chocobar parla con serenità e compostezza, convinto di ogni passo compiuto nella sua vita frenetica. “Quella volta, quando presi le difese di un turista, lo feci convinto e lo rifarei. E adesso che mi sono dimesso dalla questura lo feci anch’io convinto, nonostante molti colleghi cercassero di dissuadermi” dice questo civile nuovo di zecca, che ha perso più di trenta chili, Si diploma come infermiere e studia Giurisprudenza presso l’UMSA (Università del Museo Sociale Argentino).

“Per morire di fame come agente di polizia preferisco farlo con lavori che rappresentano il Chocobar di oggi. Sono un lavoratore, faccio di tutto per portare a casa il mango”, confessa.

Luis Chocobar si è dimesso dalla Polizia l’11 aprile e oggi, oltre a studiare Giurisprudenza, vende calze e lacci in una fiera di Saavedra.

Il Chocobar di oggi, come dice Luis, che vive a Tapiales, vive di vendite ambulanti. “Vado da Once e compro calzini, lacci e solette, che poi rivendo a bancarella che affitto alla fiera Saavedra. Mi dà da mangiare lì, non mi lamento, non mi avanza niente. anche due volte alla settimana nel magazzino della merceria di un amico in via Pasteur, e, inoltre, collaboro con due studi legali (Fernando Soto e Ricardo Galeano), dove svolgo alcuni lavoretti. Sapere? “Ho poco tempo da trascorrere con il mio figlioletto Alessio, che ha un anno e mezzo, ma mi gratifica lavorare e sentirmi rispettato da chi mi circonda, cosa che in Polizia non accadeva.”

Dice che il sostegno pubblico, in momenti diversi, da parte del ministro della Sicurezza Patricia Bullrich non ha aiutato a trascorrere un periodo migliore a Buenos Aires. “Se mi dessero un lasciapassare alla Polizia Municipale, sono sicuro che avrei un altro regalo, ma Finché restavo nella squadra di Kicillof a Buenos Aires, ero un morto vivente. Mi hanno fatto finta di prendermi cura dei detenuti alla stazione di polizia del Mercato Centrale. È una merda trovarsi in un ambiente in cui tutto è a NO…E quando mi hanno negato i giorni per un esame, è stato allora che ho preso la decisione.”

Ed è stato lapidario nei confronti della leadership della forza da lui formata fino a tre settimane fa: “A Buenos Aires non vogliono che tu progredisca, che studi, vogliono che tu sia un pazzo, che ti gestisca“.

Un colpo dalla parte della giustizia… Gli uomini in uniforme sono i buoni e i criminali sono i cattivi. Qui finisce la dottrina Zaffaroni“Dice che non sapeva nulla del post che il presidente Javier Milei ha scritto lunedì pomeriggio.

“La verità è che quello che sto scoprendo ora sulle tue parole mi fa venire la pelle d’oca.”Non posso credere al tuo sostegno. Questo aiuta perché il nuovo processo, quando si farà, sarà un grattacapo, perché dovrò rivivere un momento della mia vita che non ho voglia, al di là del fatto che, come ho sempre detto, ho agito correttamente e Procederei ancora nello stesso modo. Ma a parte l’annullamento della sentenza, credo che la decisione della Giustizia sia corretta, perché nemmeno i tre giudici erano d’accordo.”

Chocobar studia anche giurisprudenza e lavora presso lo studio legale di Fernando Soto e Ricardo Galeano.

Chocobar era stato condannato nel maggio 2021 dal Tribunale minorile orale n. 2 di Buenos Aires, che lo aveva ritenuto colpevole del reato di omicidio aggravato dall’uso di un’arma da fuoco commesso oltre l’adempimento del dovere. Gli era stata comminata una pena detentiva con sospensione condizionale di due anni. “Il lato positivo è che sentirete tutto ancora, esaminerà elementi che non erano stati verificati e penso che ci sarà un altro sguardo, da un’altra angolazione. Anche Sono una persona diversa, penso che mi prenderà meglio.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Jorge Cuéllar di Sancti Spiritus ha debuttato con la vittoria nella Preolimpica di Pugilato – Escambray
NEXT La FIFA ha designato la sede della finale della Coppa del Mondo Under 20 femminile in Colombia