Milei ha ratificato il sostegno all’Ucraina e a Israele in Germania e si è recato nella Repubblica Ceca per ricevere un premio e firmare un accordo di cooperazione militare

Milei ha ratificato il sostegno all’Ucraina e a Israele in Germania e si è recato nella Repubblica Ceca per ricevere un premio e firmare un accordo di cooperazione militare
Milei ha ratificato il sostegno all’Ucraina e a Israele in Germania e si è recato nella Repubblica Ceca per ricevere un premio e firmare un accordo di cooperazione militare

Milei vivrà la sua ultima attività in Europa con il ceco Petr Pavel prima del ritorno in Argentina

L’incontro di Javier Milei con il cancelliere Olaf Scholzil primo leader socialdemocratico con il quale accettò un incontro diretto, fu breve ma servì al presidente argentino per ratificare davanti alla principale potenza europea l’impegno del suo governo a sostenere incondizionatamente l’Ucraina contro l’invasione della Russia, e per la diritto di Israele a difendersi dall’attacco terroristico perpetrato da Hamas.

Nel caldo mezzogiorno di Berlino, domenica, si è svolto l’incontro più importante del giro d’Europa, dove ha alternato eventi ufficiali e incontri privati ​​con organizzazioni di pensiero liberali che lo hanno premiato per aver promosso quelle idee. Precedentemente è passato per la Spagna, dove ha frequentato l’Istituto Juan de Mariana ed è stato ricevuto dalla presidentessa della Comunità di Madrid, Isabel Díaz Ayuso (Partito Popolare). E nella città portuale di Amburgo, dove sabato ha ricevuto la Medaglia Hayek, dalla società che rivendica Friedrich August von Hayek, ideatore della Scuola austriaca di economia.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ricevuto domenica a Berlino Javier Milei

Questo lunedì Milei svolgerà un’intensa attività in Repubblica Ceca. A Praga è previsto un incontro con imprenditori locali con investimenti in Argentina e interessati a nuove iniziative, tra cui Karel Komarek, Jiri Pecina, Anna Meissner e Ory Weihs, e con il primo ministro Petr Fiala. Successivamente riceverà il Premio annuale dell’Istituto Liberale nel Palazzo Žofín, secondo l’ordine del giorno ufficiale.

Poi avrà un ultimo incontro con il presidente della Repubblica Ceca, ex generale Petr Pavel, e i funzionari Jan Lipavsky (Ministero degli Affari Esteri), Mila Vasina (direttore dell’Ufficio del Presidente), il consigliere Jarsolav Zajicek, L’ umbori Hlad (Ambasciatore ceco in Argentina) e Marta Huskova (Dipartimento di politica estera). Da parte argentina, oltre al segretario generale della Presidenza, Karina Milei, e all’ambasciatore argentino, Claudio Rozencwaig, ci sarà il ministro della Difesa, Luis Petri. Non sarà presente il ministro degli Esteri Diana Mondino, perché in viaggio in Italia.

È questo durante l’incontro, come ha potuto sapere Infobae Secondo fonti ufficiali, tra l’Argentina e la Repubblica Ceca verrà firmato un memorandum d’intesa di cooperazione militare che comprenderà tutto, dai possibili investimenti del paese europeo nel complesso della Difesa alle esercitazioni congiunte. Il contenuto dell’accordo è stato elaborato per settimane e sarà concluso durante l’incontro tra i presidenti a Praga.

La Repubblica Ceca è uno dei membri della NATO che svolge un ruolo attivo negli sforzi per proteggere l’Ucraina dall’aggressione russa. È uno dei Paesi che avverte che la sconfitta del governo di Volodimir Zelenskyj metterebbe a rischio la stabilità dell’intera Europa. In effetti, Pavel ha un background estremamente importante: è stato presidente del Comitato militare della NATO tra il 2015 e il 2018.

Petr Pavel ha condiviso con Javier Milei l’incontro per la pace in Ucraina

Il presidente Milei arriverà in visita nella Repubblica Ceca con i risultati del breve ma importantissimo incontro diplomatico di Berlino. Il presidente argentino ha avuto un incontro di lavoro con Olaf Schoz nel quale, secondo le informazioni ufficiali, sono stati affrontati gli aspetti principali di una relazione bilaterale fondamentale per favorire il nuovo ciclo di crescita dell’Argentina.

All’incontro erano presenti, oltre a Karina Milei, Mondino, il presidente della Commissione Relazioni Estere dei Deputati, Fernando Iglesias, e l’ambasciatore argentino a Berlino, Fernando Brun. Prima dell’incontro di Berlino, il Presidente e la Cancelliera federale tedesca hanno condiviso il Summit per la Pace in Ucraina in Svizzera e il Summit del G7 in Italia.

Durante l’incontro entrambi hanno sottolineato “l’importanza della convergenza delle posizioni chiare di entrambi i paesi che condannano l’invasione russa e che è la Russia che ha nelle sue mani la possibilità di porre fine alla guerra di aggressione contro l’Ucraina”.

“Da una convergenza di visioni nella politica e nell’economia internazionale, entrambi i leader hanno affrontato un’agenda che copriva la sicurezza energetica globale, l’importanza di avere minerali critici, la difesa della democrazia, il sostegno chiaro e sostenuto per Ucraina e Israele, la governance globale, gli investimenti, l’economia della conoscenza. e AI, ingresso nell’OCSE, deregolamentazione economica e accordo UE-Mercosur; così come le prospettive del nostro Paese in termini di sviluppo degli investimenti basati sul RIGI come quadro di stabilità giuridica”, è stato riferito.

La gentile accoglienza del socialdemocratico Scholz al libertario Milei alla porta della Cancelleria di Berlino

Secondo le informazioni diffuse da Casa Rosada, Milei ha condiviso con il suo omologo tedesco i progetti di riforma in corso in Argentina con l’obiettivo di generare stabilità a breve termine e crescita a lungo termine. La parte tedesca ha riferito in un breve comunicato che “la cancelliera e il presidente Milei hanno parlato degli obiettivi di riforma argentini e delle loro ripercussioni sulla popolazione. In questo senso, il cancelliere ha sottolineato che, dal suo punto di vista, la compatibilità sociale delle riforme e la tutela della coesione sociale devono essere criteri importanti”.

Nel comunicato ufficiale diffuso dal portavoce Manuel Adorni, si è sottolineato che “il presidente argentino ha sottolineato l’enorme appoggio della società per le sue politiche e lo sforzo che ciò implica per ampi settori”.

La verità è che Milei e Scholz hanno affrontato lo status dell’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Mercosur e la sua “importanza geopolitica e commerciale sulla base di una visione condivisa di valori e hanno concordato sull’importanza che i negoziati sull’accordo siano conclusi velocemente. Si è parlato anche del processo di adesione dell’Argentina all’OCSE; dove il Cancelliere Scholz ha confermato chiaramente il sostegno del governo tedesco per accelerare” l’accesso a quel club dei paesi sviluppati.

“Scholz ha sottolineato soprattutto la chiara posizione che l’Argentina ha mantenuto dall’inizio del governo Milei di fronte all’invasione russa dell’Ucraina e del Medio Oriente, evidenziando la convergenza delle visioni di politica estera di entrambi i governi”, è stato indicato. È stato inoltre sottolineato che “i leader hanno affrontato la situazione in Venezuela e la preoccupazione per lo sviluppo irregolare e pieno di frodi delle prossime elezioni.

Prima dell’incontro con Scholz, il governo argentino ha riferito che Milei ha dedicato un momento alla sua agenda per visitare il Monumento alla memoria degli ebrei assassinati in Europa, chiarendo durante la sua visita nella capitale tedesca il suo impegno per la memoria dell’Olocausto .

Milei e il suo entourage hanno visitato il Monumento alla memoria degli ebrei assassinati in Europa a Berlino

“L’incontro tra il presidente Milei e il cancelliere Scholz insieme ai loro team ha mostrato due leader con una visione convergente, con gli stessi principi e valori in materia di politica internazionale e focalizzati sulla risoluzione delle principali sfide geopolitiche per l’Occidente. Il risultato è stato un buon incontro, importante per la strategia di crescita a lungo termine dell’Argentina”, si legge ufficialmente.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-